La cannabis porta più sollievo dal dolore agli uomini che alle donne?

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

“Le prove pre-cliniche suggeriscono che il sollievo garantito da prodotti derivati della cannabis varia tra i sessi”, afferma  attualmente Ziva Cooper, neurobiologa del Dipartimento di Psichiatria dell’Università della Columbia, a New York. Finora “nessuno studio aveva dimostrato che fosse vero per gli umani”, dice l’esperta. La maggior parte delle analisi tenevano conto di persone di un solo sesso oppure non lo consideravano come un fattore rilevante nella ricerca.

Ora, i risultati di uno studio recente realizzato da Cooper e dalla sua collega Margaret Haney suggeriscono che il potere analgesico della cannabis è più efficace negli uomini che nelle donne. Si tratta della prima ricerca che ha confermato questa differenza di genere per quanto riguarda l’effetto calmante del dolore da parte della pianta.

Nei maschi possono verificarsi effetti di rilievo di dolore di cannabis più forte rispetto alle donne, secondo un nuovo studio pubblicato sulla rivista scientifica  Drug and Alcohol Dependence .

Pochi studi sulla cannabis hanno preso differenze di sesso in considerazione, nonostante le prove esistenti che essa in realtà colpisca gli uomini e le donne in modo diverso . Questa analisi retrospettiva di due studi sulla cannabis e sollievo dal dolore è tra i primi a farlo, almeno a livello clinico. Studi preclinici sono stati eseguiti analizzando le differenze legate al sesso utilizzando modelli animali. Tuttavia i risultati di questi non sempre si traducono in sperimentazione umana.

Anche se lo studio ha analizzato un campione limitato di 21 maschi e 21 femmine, gli autori hanno riportato differenze significative nella percezione del dolore tra i sessi.

Ecco i punti salienti dello studio:

  • I partecipanti fumavano cannabis sia a bassa potenza tra 3,56-5,60% di THC o un test placebo a 0,00% di THC.
  • A intervalli di tempo costanti, i soggetti inzuppavano la loro mano in acqua fredda in un test noto come un test a freddo Pressor, o CPT.
  • I soggetti hanno poi valutato il loro dolore ( “sensibilità al dolore”), e ricercatori hanno registrato il tempo impiegato per ogni partecipante a ritirare la mano dall’acqua ( “tolleranza al dolore”).
  • Per gli uomini la cannabis attiva riduce la sensibilità al dolore significativamente più della cannabis inattiva. Questo non era il caso per le donne, che non hanno relazione significative tra le differenze di sensibilità tra cannabis attiva e inattiva.
  • cannabis attivi sono aumentati nella tolleranza al dolore in entrambi, sia per gli uomini e sia le donne rispetto al placebo inattivo.

 

Autori hanno proposto che potrebbe avere qualcosa a che fare con la tolleranza, dato che le femmine hanno dimostrato di sviluppare la tolleranza più velocemente in studi preclinici.

Un altra congettura interessante tiene conto dei fattori ormonali che influenzano la sensibilità delle donne al dolore.

“Gli studi preclinici hanno scoperto che quando i livelli di estradiolo sono alti, i ratti femmine mostrano una maggiore sensibilità al antinocicettivo e gli effetti producono dipendenza degli agonisti dei cannabinoidi relativi ai maschi”, hanno scritto “, mentre il progesterone diminuisce la sensibilità agli effetti antinocicettivi dei cannabinoidi. “Ancora una volta i modelli animali non possono essere predittivi della risposta umana, ma è un’ipotesi interessante e plausibile a prescindere.

I ricercatori riconoscono che le implicazioni dei loro risultati sono limitate non solo dalla dimensione del campione, ma dal tipo di dolore indotto dall’acqua fredda. Hanno scritto: “Gli studi futuri che valuteranno gli effetti analgesici dei cannabinoidi in base al sesso dovrebbero esplorare modelli di laboratorio supplementari di dolore che utilizzano vari stimoli nocicettivi tra cui dolore meccanico, termico, chimico.”

E’ importante notare che questo studio è uno dei molti passi compiuti verso una conclusione definitiva per quanto riguarda la cannabis, il dolore e le differenze biologiche tra i sessi.

Ciò che fa risultare, tuttavia, è che c’è una seria necessità di una ricerca clinica approfondita per confermare ciò che si trova negli studi preclinici.

 

FONTE: Leafly.com

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 237 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Vai alla barra degli strumenti