La Cannabis può aiutare nel dolore nervoso cronico (neuropatia): lo conferma la Revisione degli Studi

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

La cannabis può essere efficace nella riduzione del dolore nervoso cronico noto come neuropatia. Ma ci sono poche prove sul fatto che aiuti a trattare altri tipi di dolore o disturbi post-traumatici (PTSD), come suggerito da un paio di nuovi studi.

I risultati sulla neuropatia “si adattano generalmente bene a quello che sappiamo”, ha detto il dottor Sachin Patel dell’ospedale psichiatrico di Vanderbilt a Nashville. Patel ha scritto un commento che accompagna la revisione nell’edizione online del 15 agosto di Annals of Internal Medicine .




La cannabis medica è legale in quasi tutti gli Stati e il Distretto di Columbia per determinati scopi medici. Ma alcuni stati possono avere leggi che non sono ancora state implementate, secondo NORML, un gruppo di legalizzazione pro-marijuana.

Ma la ricerca sugli usi medici della cannabis rimane controversa. Inoltre, è difficile per gli scienziati studiare la sostanza perché è illegale a livello federale (ovviamente stiamo parlando degli Stati Uniti).

Tuttavia alcune ricerche hanno trovato risultati positivi. All’inizio di quest’anno, l’Accademia Nazionale delle Scienze ha rilasciato una relazione che afferma che esistono prove scientifiche conclusive o sostanziali che la cannabis sia efficace nel trattamento del dolore cronico, calmando spasmi muscolari causati da sclerosi multipla e facilitando la nausea dalla chemioterapia.

Le nuove revisioni in dolore e PTSD sono state commissionate dal Dipartimento degli Affari dei Veterani degli Stati Uniti.

Il dipartimento ha rifiutato di intervistare gli autori delle recensioni per discutere i risultati.

Curt Cashour, portavoce del dipartimento, ha rifiutato di fornire alcun commento sulle revisioni.




Tuttavia Cashour ha fornito una dichiarazione scritta con un commento da David Shulkin, segretario del Dipartimento per gli affari dei veterani.

La dichiarazione ha affermato che il sistema VA non prescriverà la cannabis medica, anche se “ci possono essere alcune prove che questa stia cominciando ad essere utile”.

Per la revisione della ricerca sul dolore nervoso cronico e sulla cannabis, i ricercatori hanno esaminato 27 studi.

Gli investigatori hanno stabilito che esistono prove con “basse resistenze” che la cannabis può aiutare il dolore nervoso. Ma non c’è sufficiente ricerca affidabile per concludere se la cannabis sia utile per altri tipi di dolore, hanno determinato gli autori dello studio.

I ricercatori hanno inoltre esaminato 32 studi e 11 recensioni sulla ricerca sugli effetti collaterali.

Hanno notato diversi potenziali rischi di uso della cannabis, come incidenti stradali, sintomi psicotici e “compromissione cognitiva a breve termine”.

Tuttavia la revisione ha rilevato che la ricerca sui rischi e sugli effetti collaterali è limitata.

I ricercatori hanno detto che i loro risultati potrebbero avere “limitata applicabilità alle popolazioni più anziane e croniche e ai pazienti che utilizzano pesantemente la cannabis”.

Paul Armentano, vice direttore del NORML, ha dichiarato che i risultati delle revisioni sono coerenti con altre revisioni della ricerca. Ha aggiunto che i risultati sono anche coerenti con le “relazioni aneddotiche di pazienti, molti dei quali cercano un’alternativa più sicura all’uso di oppiacei mortali. E non è in linea con la classificazione del governo federale della pianta di marijuana nel programma che ha classificato la sostanza con «Nessun uso medico attualmente ammesso nel trattamento negli Stati Uniti». ”




Nella seconda revisione, i ricercatori hanno esaminato tre studi e due recensioni della cannabis come un trattamento per PTSD.

Gli investigatori hanno trovato solo un livello molto basso di ricerca. Inoltre, hanno detto, la ricerca ha avuto un “medio-alto rischio di polarizzazione”.

Non c’è modo di giungere a conclusioni basate sui pochi studi attualmente disponibili. Ma “diversi studi in corso potrebbero presto fornire importanti risultati”, scrivono gli autori dello studio.

Perché c’è tanta ricerca sulla cannabis ad uso medico?

“Gran parte della mancanza di prove può avere a che fare con la difficoltà ad accedere alla cannabis ed ai finanziamenti per studi clinici”, ha dichiarato Patel.

Armentano di NORML ha affermato che le leggi e la politica anti-cannabis hanno “ostacolato notevolmente la capacità dei ricercatori di condurre una serie di prove cliniche robuste, ampie e prolungate che sono tipicamente associate all’eventuale approvazione degli Stati Uniti per la Food and Drug Administration”.




Armentano ha aggiunto che la maggior parte dei grandi studi sono finanziati da aziende farmaceutiche che cercano di commercializzare un farmaco.

Patel ha informato i pazienti di essere cauti sulla cannabis ad uso medico.

“Solo perché gli stati elencano determinate condizioni per le quali la cannabis medica può essere prescritta non significa che ci sono dati scientifici forti o rigorosi che la sostengono”, ha detto.

Patel ha consigliato ai medici di “seguire i dati e informare i pazienti sullo stato delle prove. Assicurarsi che i pazienti siano consapevoli dei potenziali benefici, ma anche dei danni potenziali”.

 

FONTI: Sachin Patel, MD, Ph.D., Ospedale Psichiatrico Vanderbilt, Nashville; Curt Cashour, portavoce, US Department of Veterans Affairs; Paul Armentano, vice direttore, NORML; 15 agosto 2017, Annals of Internal Medicine , online

 

Articolo originale di  Randy Dotinga
HealthDay Reporter

 

FONTE: HealthDay

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 68 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Vai alla barra degli strumenti