La Cannabis può migliorare le funzioni del cervello? La conferma da uno studio dell’Università di Harvard

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Poiché vengono condotti sempre più studi sulla cannabis, inesorabilmente crollano altri falsi stereotipi. Le politiche (ed i politici) anti-cannabis che si oppongono alla legalizzazione hanno sempre meno argomenti.

Un nuovo studio della Harvard University, pubblicato in Frontiers in Farmacologia, ha dimostrato che la cannabis può migliorare la funzionalità cerebrale tra i pazienti.

Lo studio intitolato ”  Splendore nell’erba” Uno studio pilota sull’impatto della marijuana medica sulla funzione esecutiva è il primo studio del suo genere e i suoi risultati sono promettenti.

Effetto della cannabis sulla funzione del cervello

ricercatori hanno osservato  che, nonostante molti studi, questi sono i primi in cui le funzioni del cervello sono state testate prima e dopo le prove.




Lo studio ha scoperto che i divieti sulla cannabis non sono coerenti con i risultati di molti studi che indicano che la cannabis abbia valore medico. Inoltre notano che, anche se la cannabis ha effetti negativi sul cervello in via di sviluppo, la maggior parte dei pazienti la usa in età adulta, ed il cervello non è più influenzato dalla cannabis.

I ricercatori della Harvard University hanno deciso di indagare se la cannabis possa migliorare la funzione del cervello. A tale scopo si è scelto un ceppo medico, che nel suo profilo chimico ha livelli bilanciati di THC e CBD, con prevalenza del secondo cannabinoide.

Tra questi, si ritiene che alcuni cannabinoidi quali cannabigerolo e tetraidrocannabivarina abbiano proprietà neurogene e neuroprotettive, il che significa che sono coinvolti nella creazione di nuove cellule cerebrali e prevenire la degenerazione.

Metodi di prova

Lo studio è stato condotto per un periodo di dodici mesi, in cui 32 partecipanti sono stati sottoposti a test regolari tre, sei e dodici mesi prima di ricevere la cannabis ad uso medico.




Per qualificare lo studio, i partecipanti non dovrebbero essere stati mai a contatto con la cannabis, o 10 anni dopo l’ultimo utilizzo. La condizione per partecipare allo studio era quella di avere una malattia diagnosticata come ansia, depressione o insonnia.

I pazienti sono stati sottoposti a una serie di test quali il test Stroop Color Word , che mostra una parola come  Rosso  , ma deve pronunciare il colore associato alla parola, in questo caso il verde.

Come può la cannabis influenzare la funzione del cervello?

Dopo tre mesi di uso medico della cannabis, hanno mostrato una maggiore capacità di eseguire tutti i test per accuratezza e velocità, suggerendo che la cannabis abbia migliorato la funzione del cervello.

I ricercatori hanno riconosciuto che 32 partecipanti erano un piccolo numero e la ricerca ha impedito la somministrazione di un placebo, poiché gli stessi pazienti hanno acquisito la cannabis dai medici. Questo è il primo studio del suo genere.

“Come investigatore clinico, non mi interessa la ricerca cattiva o buona, mi interessa solo la verità. Ciò che i nostri pazienti e gli utenti ricreativi hanno il potere di conoscere. La gente usa marijuana, il nostro compito è quello di sviluppare le forme migliori e più sicure del loro consumo. “ha  dichiarato Staci Gruber  , direttore della ricerca sulla cannabis per la ricerca neurologica (MIND). .

I risultati di questi studi sono promettenti e i ricercatori continueranno a studiare gli effetti della cannabis sulla funzione del cervello per confermare i risultati iniziali.

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 490 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Vai alla barra degli strumenti