La Colombia legalizza la Cannabis per uso medico

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Bogotá, Colombia – Il presidente colombiano Juan Manuel Santos ha firmato un decreto per la legalizzazione e la regolamentazione della cannabis medica, l’ultimo ammorbidimento delle tattiche intransigenti del paese nella guerra alla droga.

In un discorso televisivo a livello nazionale, Santos ha annunciato che sarà pienamente legale crescere e detenere cannabis,  e l’importazione ed esportazione della cannabis e dei suoi derivati ​​per uso medico e scientifico.

“Questo decreto consente di licenze da concedere per il possesso di semi, piante di cannabis e marijuana”, ha detto dal palazzo presidenziale.

“Essa pone la Colombia nel gruppo dei paesi che sono in prima linea … nell’uso delle risorse naturali per combattere la malattia.”

Egli ha aggiunto che la misura “non va contro i nostri impegni internazionali in materia di controllo delle droghe.”

Il Governo della Colombia è stato a lungo uno stretto alleato degli Stati Uniti nella lotta contro il traffico internazionale di stupefacenti, utilizzando il suo esercito e miliardi di dollari in finanziamenti americani per cercare di gettare il suo titolo come il più grande produttore di cocaina al mondo. Ma ha mostrato segni di allentamento della linea dura negli ultimi mesi.

L’Annuncio di Santos segue una recente decisione di fermare gli spruzzi di diserbante glifosato sui campi di coca.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha avvertito nel mese di aprile che la sostanza chimica, venduta dalla società statunitense della biotecnologia Monsanto con il marchio Roundup, è “probabilmente cancerogeno”.

Santos ha anche annunciato a settembre che la Colombia avrebbe cominciato dando terre ai contadini che si fermano dalla coltivazione della coca.

La Cannabis medica era precedentemente caduta in una zona grigia legale in Colombia. E’ stata autorizzata ai sensi di una legge del 1986, ma la mancanza di regolamentazione ha impedito la produzione a livello nazionale.

“La produzione, l’esportazione, la vendita e l’uso medico e scientifico di questa e di altre sostanze è stato permesso da diversi decenni in Colombia. Tuttavia, essi non sono mai stati regolati. Questo è quello che stiamo facendo oggi “, ha detto Santos.

Secondo il decreto, i coltivatori potranno presentare domanda di autorizzazione al Consiglio Nazionale Narcotici, mentre per coloro che cercano la produzione si applicano per i permessi da parte del Ministero della Sanità farmaci a base di cannabis. Il Ministero della Salute concederà permessi per esportare tali farmaci ai paesi in cui sono legali.

“Il nostro obiettivo è che i pazienti siano in grado di accedere a farmaci fatti in Colombia che siano sicuri, di alta qualità e accessibili. E’ anche l’occasione per promuovere la ricerca scientifica nel nostro Paese “, ha detto Santos.

Il “Plan” Colombia

La Colombia ha depenalizzato il possesso fino a 20 grammi di marijuana nel 2012, ed è legale per crescere fino a 20 piante di cannabis. Ma il consumo in pubblico e la vendita sono illegali.

Il Congresso della Colombia sta discutendo un progetto di legge separato sulla marijuana medica che avrebbe definito i limiti di coltura e altri dettagli di produzione. Il suo sponsor, il Sen. Juan Manuel Galan, ha detto alla AFP che spera di averlo firmato in legge entro giugno.

La Cannabis medica è già utilizzata in Colombia su piccola scala. Ad esempio, alcuni epilettici utilizzano l’estratto di cannabis per controllare le loro convulsioni. Ma gli operatori sanitari e le aziende farmaceutiche dicono che il nuovo decreto renderà molto più facile comprare, vendere e produrre tali farmaci.

Le droghe illegali hanno dato luogo a violenze terribili nei cartelli della droga in Colombia, e hanno alimentato un conflitto di cinque decenni tra i guerriglieri di sinistra ed il governo colombiano, che ha ucciso più di 220.000 persone.

Il paese ha ricevuto $ 9 miliardi di finanziamento degli Stati Uniti a partire dal 1999 nell’ambito del “Plan” Colombia, un programma di cooperazione militare ed economica volta a combattere il traffico di droga. Ma rimane un produttore di droghe illegali, in particolare cocaina.

La coltivazione di Coca è salita del 44 per cento l’anno scorso, di 69.000 ettari (170.000 acri), secondo le Nazioni Unite, sottolineando l’approccio errato fino ad ora utilizzato.

 

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 222 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Vai alla barra degli strumenti