La Costa Rica sarà il prossimo paese latinoamericano a depenalizzare la cannabis?

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

In America Latina poco a poco più paesi si stanno unendo alla corrente depenalizzante della cannabis: ora è il Costa Rica che sembra volersi aggiungere a quelli esistenti.

La Costa Rica potrebbe essere il prossimo paese a salire sul treno della depenalizzazione della marijuana. Questa settimana il nuovo ministro della salute, Giselle Amador , ha dichiarato:

“Devi vederlo in modo diverso dal problema della droga. Dovremmo vedere come si presenta la morfina o il fentanil. Ci deve essere una diagnosi chiara per vedere a cosa serve. V’è un documento del National Academy of Sciences degli Stati Uniti, dove ci viene detto che cosa si è e dove sembra che la medicina e non come una droga di abuso , “ ha spiegato il nuovo ministro al quotidiano locale La Nacion .

Secondo Amador, la cannabis medicinale deve essere separata dal suo uso ricreativo per gli adulti, poiché ritiene che siano di problemi diversi e con approcci diversi. Secondo il nuovo ministro, “la cannabis medicinale è qualcosa che deve essere discusso” e sebbene un progetto sia stato presentato in precedenza, “forse non era il più appropriato”.

NDR: NON SIAMO AFFATTO D’ACCORDO; il tema è strettamente correlato, si corre sul filo del rasoio, in quanto la concezione “medica” è differente al di fuori dell’Unione Europea, anche se dovunque governano le “grandi aziende”, qui si spinge, in europa, il farmacoligopolio.

Approfondimento:  I socialisti della Catalogna (PSC) approvano la proposta per la regolamentazione del commercio della Cannabis

“C’è un documento della National Academy of Sciences degli Stati Uniti, in cui ci dice a cosa serve e dove viene visto come una medicina e non come una droga di abuso. È una discussione completamente diversa sull’uso ricreativo della cannabis. Pertanto, ci sono molti posti in cui è già stato approvato. L’educazione dice alla popolazione che non è come fumare un sigaro. Questo ha a che fare con oli medicinali, con concentrazioni di sostanze cannabinoidi, non per alzarsi in alto ma per curare un problema di salute “, ha detto.

Per il Ministro della Sanità della Costa Rica, la questione del consumo di droghe da parte della popolazione non dovrebbe essere combattuta con la repressione, tutto ciò che viene contratto, deve essere oggetto di attenzione sociale e medica.

“C’è una situazione importante che è la riduzione dei danni per affrontare la dipendenza dalle sostanze psicoattive e dall’uso problematico. Dobbiamo vedere che è necessario cambiare una visione totalmente proibizionista in cui tutto sembra uguale perché stiamo confondendo la popolazione. La gente pensa di non dover bere alcolici, ma la maggior parte non ha problemi.Quindi, dobbiamo situarci nel consumo problematico, cioè in coloro che hanno problemi con il consumo, e arrivare con strategie per ridurre rischi e danni dimostrati più di 30 anni fa “, ha detto al giornale.

Approfondimento:  Progetto di distribuzione della Cannabis in Svizzera

Ha anche detto che gli sforzi dovrebbero concentrarsi sull’aiutare le persone:

“Se ci concentriamo non sulla droga e ci concentriamo sulla persona, iniziamo ad avere più successo come è successo in altri paesi.Ci concentriamo sulla persona e vediamo come possiamo risolvere diversi tipi di consumo in modo che ciò non avvenga. Perché un adolescente consuma? Ci sono migliaia di ragioni. Non dobbiamo concentrarci sulla droga, ma sull’ambiente in cui vive l’adolescente “.

Stefano Auditore Armanasco

Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio (MI), il 12/02/1986.

Mail: direzione@freeweed.it

(Visited 62 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutube

Commenti

LEAVE A COMMENT