La Suprema Corte della Germania concede il primo permesso di coltivazione personale

Primo permesso per la coltivazione di cannabis medicinale in Germania

Il 6 aprile 2016 la Terza Sezione del Tribunale amministrativo federale della Germania ha raggiunto una decisione storica di fondamentale importanza per i pazienti che utilizzano cannabis: il permesso è stato concesso. a un paziente di 52 anni malato di sclerosi, per poter coltivare la propria cannabis in casa.

Di seguito riportiamo gli approfondimenti sulla decisione giuridicamente vincolante e sul contesto dell’autorizzazione di coltivazione.
SENTENZA STORICA DELLA CORTE SUPREMA

Il 6 aprile 2016, la Terza Sezione del Tribunale amministrativo federale ha raggiunto una decisione storica; anche se il giudizio è una decisione individuale, i giudici hanno ordinato all’Istituto federale per le droghe e dei dispositivi medici (BfArM) di concedere un permesso per un paziente malato di sclerosi per coltivare la cannabis in casa. Pertanto per la prima volta in Germania ci sarà un permesso per la coltivazione di cannabis come parte, secondo il testo ufficiale, di un “auto-trattamento medico assistito con fiori di cannabis.”

Michael F., 52 anni, ha la sclerosi multipla dal 1985 ed ha presentato la sua prima richiesta per coltivare la cannabis come parte del suo auto-trattamento nel 2000. I fiori di cannabis medicinale erano ancora vietati in Germania, in quel momento, e l’applicazione ha trovato numerosi rifiuti, azioni penali ed un mandato di perquisizione.

Il signor F. era il primo paziente in Germania ad essere stato assolto per coltivazione e detenzione illegale sulla base di un “bisogno giustificabile.”

La polizia aveva anche restuito la cannabis sequestrata nel 2004. Naturalmente, dopo l’introduzione delle eccezioni per la cannabis medica, Michael F. è stato anche uno dei primi a ricevere un documento di questo tipo dalla BfArM.

Il problema era che non poteva permettersi fiori che costano 15 € / grammo, nonostante il suo esonero, e la compagnia di assicurazione si rifiutò di pagare i costi della cannabis medica.

Una battaglia che è durata sedici anni.

A seguito del rigetto della sua richiesta di far crescere la cannabis a casa, il paziente ha intentato una causa contro lo Stato della Repubblica federale di Germania, al fine di costringerlo a far crescere la pianta per prendersi cura di se stesso.

Nonostante la vittoria nei primi due casi nel 2011 e 2014, il Ministero della Salute ha proposto sempre un ricorso dopo ogni sconfitta.

Così, il 6 aprile 2016, il caso è arrivato davanti al Tribunale amministrativo federale di Lipsia, in Germania, che è la più alta corte e l’ultimo stadio costituzionale.

In una dichiarazione fatta in modo accurato, il Tribunale amministrativo federale ha incaricato lo stato della Repubblica federale di Germania di concedere il permesso richiesto al richiedente.

“Ha portato il trattamento dei sintomi della sua malattia attraverso l’uso regolare di cannabis fin dal 1987. Più di recente è stato assolto dall’accusa di una carica di possesso illegale e di coltivazione di sostanze stupefacenti nel gennaio 2005. La corte penale ha considerato la sua azione giustificata dal fatto che non c’era altra terapia alternativa a quella proposta […].

Ai sensi dell’articolo 3, comma 2, della legge sugli stupefacenti (BtMG), il BfArM può concedere un permesso per la coltivazione di cannabis solo in circostanze eccezionali, con lo scopo di interesse scientifico o pubblico.

In questo caso eccezionale, il trattamento del richiedente, gravemente malato, con la cannabis coltivata nel pubblico interesse, dal momento che, secondo le conclusioni della Corte d’Appello, l’ingestione di cannabis porta ad un notevole sollievo dai loro sintomi, ed al momento non c’è nessun altra cura ugualmente efficace ne farmaci a prezzi accessibili a disposizione. L’acquisto di cannabis cosiddetta medica in farmacia (che richiede anche un permesso) non è adatto come trattamento alternativo per ragioni di costo. La vostra compagnia di assicurazione sanitaria ha rifiutato più volte le spese. […]. Inoltre, a seguito di anni di auto-trattamento, il richiedente ha ora una vasta esperienza per quanto riguarda l’efficacia ed il dosaggio della varietà di cannabis coltivata. Inoltre, sia la coltivazione ed il trattamento sono effettuati sotto controllo medico. Né l’autorizzazione può essere negata ai sensi della Convenzione unica sugli stupefacenti del 1961. In queste condizioni, la concessione dell’esenzione è […] giuridicamente vincolante, il che significa che il potere discrezionale delle autorità si riduce efficacemente “a zero “. L’autorità BfArM concederà permessi di disposizioni aggiuntive non interessati “

Questo era il comunicato stampa della Corte.

 

Le “disposizioni supplementari”

Ulteriori disposizioni riguardano le garanzie necessarie per la zona di coltivazione.

Il BfArM non ha molto spazio di manovra: il corpo ha già tentato di ostacolare la concessione di permessi di cultura imponendo requisiti di sicurezza che sono costati decine di migliaia di euro per i pazienti. Questo stratagemma è già stato dichiarato illegale in tribunale.

Nel caso di Günther Weiglein, le garanzie proposte dal paziente, che possono essere soddisfatte da poche centinaia di euro, sono state dichiarate sufficienti dal tribunale amministrativo di Colonia.

Tuttavia il Ministero federale della sanità ha anche fatto appello contro questa decisione nel 2014, rendendo Weiglein Günther senza permesso oggi.

Il suo caso andrà davanti alla Corte Suprema nel prossimo futuro.

Se il BfArM non ha offerto una valida alternativa al signor Fischer per far crescere la loro stessa medicina quindi l’opzione anche in quest’ultimo caso sarà decisa in tribunale.

Tuttavia, il governo federale non ha alcun interesse nel perseguire il caso dopo questa prova.

Il Tribunale amministrativo federale ha avuto l’ultima parola nella sconfitta del governo con l’approvazione eccezionale per l’acquisizione e possesso di cannabis nelle farmacie nel 2005, prima che i primi fiori medicinali siano stati importati dai Paesi Bassi denominandoli Bedrocan.

E ‘vero che il governo sicuramente ha fallito nel suo tentativo di impedire la coltivazione di cannabis medicinale ai pazienti; quando per più di un decennio, i pazienti di cannabis sono stati obbligati a portare la loro lotta per il diritto all’assistenza sanitaria nei tribunali, e lo Stato voleva evitare loro di ottenere i fiori di cannabis a tutti i costi.

Nella migliore delle ipotesi, era disposto a discutere la cannabis come farmaco Sativex o standardizzato come dronabinol.

Dodici anni più tardi, la creazione di un’agenzia: La cannabis è un affare fatto, presto il primo paziente avrà consentito di far crescere la propria cannabis, e nel prossimo futuro, coloro che non sono in grado, o non vorranno, per fare in modo, avranno la possibilità di ottenere le genetiche coltivate in condizioni controllate con il sigillo di un ente statale di cannabis. Cioè, a meno che il governo cominci a fornire medicine a prezzi accessibili nel prossimo futuro. Tuttavia, non è solo improbabile, risulterebbe impossibile per il mercato farmaceutico.

Per la creazione di un’agenzia di cannabis, e lo sviluppo delle vendite e della produzione ci vorranno anni, se confrontiamo la Germania con altri paesi, come il Canada. Allo stesso tempo, la domanda aumenterà, perché le eccezioni saranno sostituite da prescrizioni regolari in un progetto di riforma legislativa, che a sua volta porterà ad un rapido aumento del numero di pazienti nel breve termine.

 

LE PRIME REAZIONI IN GERMANIA: la pressione inizia

“L’associazione [tedesca] per i farmaci cannabinoidi (AMC), invita i pazienti di cannabis con il permesso in Germania, a presentare un modulo per la coltivazione della loro stessa medicina con l’Istituto federale per le droghe e dei dispositivi medici (BfArM) . In tal modo, vi è una crescente pressione sul governo, soprattutto dopo la sentenza del Tribunale amministrativo federale. “Dice il Dott Franjo Grotenhermen, Presidente della ACM.

 

 

FONTE: GROWLANDIA.COM

One Response so far.

  1. stefano saoncella ha detto:
    (y)

LEAVE A COMMENT