L’Amministrazione Trump si impegna a non interferire con le leggi statali che legalizzano la cannabis

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Il presidente Trump ha promesso che il governo federale non interferirà con le leggi statali che legalizzano la cannabis e afferma che sosterrà gli sforzi legislativi per cementare questo cambiamento.

Il senatore Cory Gardner (R-CO) afferma di aver ricevuto l’impegno dal presidente Donald Trump che l’amministrazione non prenderà provvedimenti per interrompere i mercati della marijuana negli stati che la regolano legalmente, e per questo fermerà il blocco di tutto il dipartimento di giustizia.

“Fin dalla campagna, il presidente Trump ha costantemente sostenuto i diritti degli stati di decidere da soli il modo migliore per affrontare la marijuana”, afferma Gardner. “Mercoledì scorso, ho ricevuto l’impegno del Presidente che la rescissione del memorandum di Cole da parte del Dipartimento di Giustizia non avrà alcun impatto sull’industria legale della marijuana del Colorado”.

Ha aggiunto: “Inoltre, il presidente Trump mi ha assicurato che sosterrà una soluzione legislativa basata sul federalismo per risolvere una volta per tutte la questione dei diritti di questi stati. A causa di questi impegni, ho informato l’Amministrazione che ritirerò le mie restanti posizioni sui candidati al Dipartimento di Giustizia “.

Il segretario stampa della Casa Bianca ha confermato durante la conferenza stampa di oggi che Trump ha parlato a Garnder della marijuana in diverse occasioni e che le affermazioni di Garnder sull’impegno di Trump a rispettare i diritti degli stati sono corrette.

“Applaudiamo questo impegno del presidente Trump, che ha promesso durante la sua campagna di adottare un approccio federalista per quanto riguarda la politica sulla marijuana”, afferma il direttore esecutivo di  NORML Erik Altieri. “Questa promessa elettorale non è stata riflessa dalla nomina di Jeff Sessions, proibizionista di lunga data della marijuana da parte di Trump, alla posizione di Procuratore generale o ad alcuna delle azioni intraprese da Sessions da quando è diventato il principale funzionario della polizia nazionale”.

Altieri continua; “Con il Presidente che ora ribadisce questo impegno, è tempo che il Congresso faccia la sua parte e avanzi rapidamente la legislazione bipartisan che fornisce esplicitamente agli stati l’autorità e l’autonomia per impostare le proprie politiche sulla marijuana senza la paura dell’incursione federale. Fare così non solo seguirebbe una delle promesse elettorali di Trump, ma codificerebbe la volontà della stragrande maggioranza degli americani “.

A gennaio, il procuratore generale degli Stati Uniti, Jeff Sessions, ha  annullato le  linee guida dell’era di Obama indirizzando i pubblici ministeri federali a non agire contro coloro che erano conformi ai regolamenti sulla cannabis approvati dallo stato. In risposta a tale decisione, il Rappresentante Gardner aveva promesso di bloccare tutti i candidati per i lavori del Dipartimento di Giustizia.

Venerdì , il direttore degli affari legislativi della Casa Bianca, Marc Short, ha  dichiarato che  Trump “rispetta il diritto di Colorado di decidere autonomamente come affrontare al meglio la questione”.

Il rappresentante Gardner ha ribadito che lui e i suoi colleghi “stanno continuando a lavorare diligentemente su una soluzione legislativa bipartisan (al conflitto statale / federale) che può passare il Congresso e dirigersi verso la scrivania del Presidente”.

Stefano Auditore Armanasco

Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio (MI), il 12/02/1986.

Mail: direzione@freeweed.it

(Visited 91 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutube

Commenti

LEAVE A COMMENT