Le Donne guadagnano con il Boom della Marijuana!

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

L’industria della cannabis sta rapidamente diventando una calamita per le donne imprenditrici.
La cannabis medica e quella ricreativa sono già legali in 23 stati e nel Distretto di Columbia negli USA e così come si è espansa rapidamente la legalizzazione tra gli stati, cosi sono aumentate le vendite.
Nel 2013, il settore industriale ha sviluppato un introito di 1,8 miliardi di dollari.
Nel 2015, secondo il Gruppo ArcView (gruppo di ricerca ed investimenti riguardanti la cannabis), il mercato è stato stimato in  5,4 miliardi di dollari (business in continua crescita).

giadha DeCarcer
“L’industria della cannabis è un settore così nuovo da non creare barriere ne limitazioni per entrarci con un businnes, soprattutto per le donne”, ha detto Giadha De Carcer, CEO e fondatrice di New Frontier, che si occupa di analisi dei dati per l’industria della cannabis.

Una cosa di rilievo è che l’industria della cannabis non è così sbilanciata verso il favoritismo per gli uomini come avviene in molti altri settori; è quello che personalmente afferma DeCarcer, che fu anche consulente della tecnologia e della difesa.

“Queste sono tutte aree di prevalenza dominante maschile e questa situazione è stata una delle più grandi frustrazioni per me,” ha detto De Carcer, aggiungendo che “ha reso più difficile la mia crescita professionale.”
DeCarcer ha superato un’altra barriera nel 2014: ha detto che il mercato ha raddoppiato in valore di fatturato e dimensione di impianto in meno di un anno; il settore è molto redditizio, ma non renderà pubbliche le entrate.

Le donne rappresentano il 36% di tutti i dirigenti nel mercato della cannabis, secondo il Marijuana Business Daily; questo dato, secondo il Pew Research Center supera di gran lunga la media nazionale che è del 22% per le donne occupate in ruoli esecutivi di tutti i settori.

Trovare il numero esatto delle imprenditrici della Cannabis risulta difficile, ma l’evidenza aneddotica è forte: molte più donne stanno mettendo piede nel mercato della Cannabis.

Woman
Jane West, co-fondatrice di “Women Grow”.

Jane West è in prima linea verso questa tendenza; West si dichiara “un utente di cannabis orgoglioso”, co-fondatrice di Donne Grow, un gruppo di networking professionale per le donne e la cannabis.

Il suo primo evento nel 2014 aveva 70 partecipanti; ora ha sedi in 44 città, con 21.000 iscritti alla propria newsletter settimanale e 30.000 follower su Instagram.
Il vertice Donne Grow prenderà il via 3 Febbraio a Denver. West si aspetta che l’evento di tre giorni possa avere più di 1.500 partecipanti quest’anno, tra cui il cantautore Melissa Etheridge.
“Non c’è null’altro che opportunità per le donne in questo settore. Abbiamo bisogno di diffondere questa situazione”, ha detto West. “Le donne stanno arrivando con idee di business formidabili. Molte di loro sono guidate dalla loro difesa ideologica per la cannabis legale”.

Salwa Ibrahim è stata una sostenitrice della cannabis legale per un lungo periodo di tempo: “Vengo dalla Bay Area, che è il luogo di nascita del movimento pro marijuana medica”.

Ibrahim è stata una partner commerciale del progetto Blum, un dispensario medico della marijuana, a Oakland, in California, nel 2012.

E’ stata per lei una ripida curva di apprendimento, ma ha fatto alcune mosse intelligenti per ottenere rapidamente una buona stabilità professionale.
“Sono attratta dai migliori talenti e ho dato a loro incentivi per rimanere e crescere con il loro business”, ha detto Salwa. Blum ora ospita da 800 a 1.000 pazienti al giorno, ed ha aggiunto un centro di coltivazione, un impianto di produzione e 70 dipendenti. Più della metà del suo staff sono donne.

Il mese scorso la sua attività è stata acquisita da Terra Tech Corp ( TRTC ); Ibrahim è rimasta come direttore esecutivo ed ha aggiunto la gestione di due dispensari di Las Vegas e uno in Reno.

donne jengote marijuana

Jennifer Gote, fondatore della AOW Management.
Sul lato della pratica della coltivazione, i coltivatori di cannabis a livello industriale e commerciale sono ancora prevalentemente uomini.
Questo non sta bene con la figura di Jennifer Gote.

Gote cadde nel settore cannabis per necessità: “Sono uscita da un cattivo rapporto e sono diventata una mamma single di quattro bambini”, ha detto Gote, che viveva in Arizona. “Un amico mi ha suggerito di occupare un posto di lavoro come un trimmer in un impianto di coltivazione della cannabis.
“Ecco come ho iniziato”.

In un anno ha imparato tutti gli aspetti del business – dalla coltivazione, alla raccolta, al confezionamento ed infine alla distribuzione.

Quando una posizione manager è rimasta aperta, è stata subito promossa.

“Ho guadagnato il rispetto di tutti, perché ho lavorato per la mia strada fino a meritarlo”, ha detto Gote.
Ha lasciato lo scorso novembre l’incarico per iniziare nella AOW Management, una società di coltivazione di cannabis e di gestione di un dispensario.
“Gli affari stanno andando veramente molto bene”. Ma Gote ora vuole vedere più donne dalla parte di questo business.
“Mi piacerebbe assumere le donne”, ha detto, “In effetti, vorrei assumere donne in questo momento senza alcuna esperienza. In questo modo io potrei insegnare dall’inizio a loro tutto quello che ho imparato.”

 FONTE: Money.CNN

(Visited 245 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Vai alla barra degli strumenti