Leonardo Da Vinci fu il primo a creare la BioPlastica di Canapa?

221 Condivisioni

Leonardo Da Vinci è stato il più grande genio italiano in assoluto, e la sua voglia di ricercare ed innovare ci ha tramandato grandi invenzioni, alcune nemmeno troppo conosciute.

Nacque nel 1452 a Vinci, in Italia, essendo figlio illegittimo di un notaio fiorentino e figlio di una contadina di nome Catalina.

Sin da quando era bambino, aveva un desiderio smodato di sapere tutto, ha studiato una scienza dopo l’altra.

Ad esempio era interessato agli impulsi del cuore, ma il giorno dopo era interessato a qualcos’altro. Era interessato alla matematica, quindi alla musica e, soprattutto, alle arti del disegno.

Crebbe a Firenze e apprese nel laboratorio di Verrocchio, che era indiscutibilmente l’artista più prestigioso del suo tempo e ricevette gli ordini più alti (Landrus, 2006: 8).

Leonardo era nel laboratorio di Verrocchio nel 1476, come confermato da una denuncia in cui fu accusato di omosessualità.

È probabile che si unì a dei giovani Pazzi che frequentavano il laboratorio di Verrochio e la cui allegra banda scioccò i fiorentini (Muntz, 2005: 30).

A 20 anni era già un insegnante indipendente, tuttavia ha continuato a lavorare per il laboratorio di Verrocchio fino quasi alla sua partenza da Firenze.

La sua reputazione crebbe e gli ordini aumentarono sebbene, nonostante i contratti, non fossero mai finiti.

Così nel 1482 si trasferì a Milano, offrendosi a Ludovico Sforza, Duca di Milano, come pittore e come ingegnere.

A Milano è stato per 17 anni, lavorando a molteplici progetti di ogni tipo, sia artistici che scientifici, in cui il desiderio di sperimentare era il suo obiettivo principale.

Ciò non gli impedì di fare ordini temporanei per Firenze, che lasciò anche incompiuti.

Dopo l’invasione di Milano da parte delle truppe francesi, Tornò a Firenze per lavorare come ingegnere militare.

Durante questi anni ha fatto più dissezioni, migliorando e migliorando le sue conoscenze sull’anatomia.

Nel 1506 tornò a Milano e l’anno seguente entrò al servizio di Luigi XIII di Francia, per il quale lavorò come pittore e ingegnere.

Tra il 1513 e il 1516 era a Roma ed in seguito accettò l’offerta di Francesco I di Francia e vi si trasferì, morendo nel castello di Cloux, vicino ad Amboise, nel 1519.

La vastità degli interessi di Leonardo, nei più svariati campi della conoscenza, è testimoniata dagli oltre quattromila fogli contenenti suoi disegni e annotazioni.

Essi si presentano sciolti o raccolti in fascicoli o codici, oggi sparsi in musei, biblioteche e raccolte di tutto il mondo e quasi tutti databili a dopo il 1480, con una particolare incidenza a partire dal soggiorno milanese.

Si stima che si sia conservato “solo” un terzo della produzione di Leonardo su carta.

Una ricerca condotta da un professore italiano ha dimostrato che Leonardo da Vinci non solo aveva anticipato l’aeroplano, il conservatore, l’interfono e i robot, ma che fu anche il creatore della prima plastica.
Il professor Alessandro Vezzosi, direttore del Museo Ideale nella città toscana di Vinci, città natale dell’artista e del genio, ha trovato una ricetta di Leonardo dove vi erano i dettagli su come realizzare materiali artificiali resistenti, divisa in più pagine con disegni e note.
Vezzosi ha studiato le note di Leonardo da Vinci nel Codex Arundel (che si trova nella British Library di Londra), nel Codex Forster (a Londra nel Victoria and Albert Museum) e nel Codex Atlantic (nella Pinacoteca Ambrosiana di Milano, Italia) e manoscritti trovati in Francia.
Vezzosi ha trovato la miscela plastica di Leonardo leggendo la scrittura a “specchio” caratteristica di Leonardo da Vinci, che va da destra a sinistra.
File:Codex arundel.jpg Codice Arundel – Leonardo Da Vinci

Combinando “Coloranti adesivi animali o vegetali, ed a volte aggiungendo fibre organiche”, ha spiegato Vezzosi.Uno dei più grandi esponenti del Rinascimento ha provato a ricoprire “foglie colorate” di cavolo, lattuga, carta e trippa di bue rendendole infrangibili con una simil-plastica.

Approfondimento:  Una panoramica sui Terpenoidi presenti nella Cannabis

I materiali che copriva andavano dal “fondo dello stomaco di un bue o di un novillo”, “le foglie di lattuga”, “ruoli e bastoncini usati come penne d’oca” e “un grande foglio di verza”.

Foto
Vezzosi seguì le istruzioni di Leonardo e applicò i colori mescolandoli con gomma animale o vegetale e, sembrerebbe risultare da alcuni documenti ed analisi, con parti della pianta di canapa.

Ha poi dipinto i materiali descritti Leonardo con molti strati del prodotto. Quando il materiale di base si prosciugò, decollò e ottenne un materiale simile alla bachelite, una plastica scoperta all’inizio del 1900.”Devi essere paziente e aspettare fino a quando ogni strato di colore si asciuga completamente.”

“Abbiamo utilizzato pigmenti simili a quelli usati da Leonardo, dalla tradizionale pittura ad olio a tutti i tipi di materiali organici”, ha detto Vezzosi.

La riuscita riproduzione della plastica naturale policroma di Leonardo provò che il genio fiorentino aveva creato la prima plastica prodotta dall’uomo molto prima che l’Alexander Parkes inventasse la parkesina (un materiale organico derivato dalla cellulosa) nel 1862 e Leo Hendrik Baekeland realizzasse la bachelite nel 1909.

“Leonardo ha creato un materiale a metà tra plastica naturale e chimica.”

In effetti aveva sintetizzato una sostanza chimica simile all’acetone.

“Ma nei suoi esperimenti ha sempre usato sostanze organiche non tossiche”, ha detto Vezzosi.

Le miscele policrome di Leonardo erano così simili alle resine fenoliche che avrebbero potuto usarle per fabbricare manici di coltelli, imballaggi e collane. Le sue miscele monocromatiche potevano essere usate per fare tazze o vasi che non si sarebbero rotti cadendo sul pavimento.

Il professor Alessandro Bagno, del dipartimento di chimica organica dell’Università di Padova, ha affermato che è interessante notare che Da Vinci ha utilizzato gli strati per creare oggetti infrangibili.

“Nel caso della pittura ad olio, ad esempio, il solvente dell’agente è l’olio di lino.” Questo olio si polimerizza lentamente a contatto con l’aria, formando un polimero resistente, impermeabile, simile al linoleum.

 Pagina del Codice Atlantico

Dicevamo che si parlava di materie prime ricavate dalla pianta di canapa per alcuni esperimenti del genio fiorentino, e questo è possibile affermarlo in base a nuovi ritrovamenti nei codici di Leonardo Da Vinci, nel quale illustra come spesso utilizzi questo materiale nelle sue “ricette”.

Ad esempio, il fuoco greco era un’arma navale usata dall’impero bizantino che lanciava un getto di fluido infuocato e poteva essere usato sia a terra che in mare, sebbene fosse usato preferibilmente in mare. Il fuoco greco serviva a dare fuoco a fortezze e navi.

In esso veniva usata la canapa: “Prendi carbone di salice, brandy e zolfo, pesca con incenso, canfora e lana etiope, e fallo bollire insieme … Aggiungi a questa miscela vernice liquida, olio ( olio di canapa), trementina e aceto forte, mescolare il tutto e asciugarlo al sole o in un forno, dopo che il pane è stato rimosso. Quindi fai una palla di canapa o altra stoppa che impregnerai con la miscela e in cui inserirai le unghie molto dure su tutti i lati. Lascia, tuttavia, nella sfera un’apertura attraverso la quale passare lo stoppino, quindi coprirlo con colofonia e zolfo … “

Approfondimento:  Studio: uso topico dei cannabinoidi riduce l'iperalgesia corneale e l'infiammazione

(Brion e Serrat e Crespo, 2002: 245).

 

 

Inoltre Leonardo Da Vinci ha applicato i suoi studi sulla trasmissione delle onde sonore ed aveva installato un sistema di tubi cavi in ​​tutto l’edificio. In questo modo, la voce poteva essere inviata e ricevuta a distanza. Leonardo disse ai suoi discepoli che quando è stato chiuso nel suo studio questo è stato molto importante e che utilizzerà i tubi di canapa indiana portati da un mercante genovese in Toscana. Questo sistema era stato costruito nei locali di Ludovico Sforza a Milano. Questa invenzione è stata chiamata “l’orecchio di Dioniso” (Gali, 2007: 91)

File:Codex Forster Book I Fol 7.jpg Codex Forster di Leonardo Da Vinci

 

Ultimamente, grazie ad alcune analisi pubblicate nel libro “Marihuana” scritto dal sociologo Guido Blumir, siamo venuti a conoscenza che Leonardo Da Vinci utilizzava anche cannabis fumata, ben conoscendone ed apprezzandone gli effetti sulla mente e sul fisico, e questo è stato mostrato da ritrovamenti di resti nelle pipe che usava il genio.

Risultati immagini per fuoco greco da vinci codice Catapulta di Leonardo Da Vinci – Codice Atlantico

 

Leonardo Da Vinci lasciò anche ricette culinarie sulla canapa; alcuni appunti sono ritrovabili nel suo Codice Romano, un manoscritto conservato nel Museo dell’Ermitage, e tra questi vi è la ricetta del pane di canapa, ricavato dai semi e “condito con canapa”:

“Questo è un piatto di verità molto pericoloso che mi sono astenuto da molti anni; tuttavia, ho molti amici che lo desiderano continuamente nonostante tutto. Bagnate i semi della canapa fino a quando la pelle si stacca. Mescolate questi semi senza pelle con una quantità uguale di mandorle pelate fresche. Passare questo composto al setaccio, quindi provarlo con un po ‘di miele, sale e pepe e in questo modo bollirlo. Ora, posiziona uno strato di fette di pane sul fondo di una pentola. Dalla canapa bollita metterai una parte su di loro. Mettici sopra un altro strato di fette di pane e aggiungi di nuovo più canapa. Quindi procederai finché non avrai dieci livelli di ciascuno; poi, cospargere di erbe odorose su di loro e poggiarle su di esse per le notti per comprimerlo a proprio piacimento “.

Tutto ciò dimostra ancora una volta la grande capacità di innovazione di Leonardo, anche se in quel momento il suo lavoro rimase sconosciuto e non venne aggiunto , almeno in quel momento, nella storia della conoscenza umana.

Stefano Auditore Armanasco

Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio (MI), il 12/02/1986.

Mail: direzione@freeweed.it

(Visited 450 times, 1 visits today)
Trovi interessante questa notizia?

Commenti

LEAVE A COMMENT