L’ex primo ministro olandese, che avviò le politiche di tolleranza nel 1976, fuma la sua prima canna all’età di 86 anni

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

L’ex primo ministro olandese  Dries van Agt ha fumato la sua prima canna Mercoledì scorso a 86 anni di età.

Pur essendo l’ unico che ha introdotto la politica di tolleranza alla cannabis come ministro della Giustizia nel 1976, Van Agt non aveva davvero mai fumato, come ha scritto l’associazione coffeeshop olandesi PCN sul suo sito web.

Van Agt ha fumato il suo primo “marijuana joint” il giorno in cui gli è stato assegnato il Koos Zwart Prize, un premio assegnato dall’associazione PCN a persone che hanno compiuto uno sforzo enorme e straordinario per legalizzare e normalizzare la cannabis.




L’ex primo ministro ha anche colto l’opportunità per chiedere nuovamente la legalizzazione della cannabis. “Compagni, questo è l’anno della vittoria!”  Disse. “La nostra salvezza viene dalla California e dal Canada, l’avanzata ora è molto vicina.” 

Il Canada e la California hanno recentemente legalizzato la vendita di marijuana.




Il nuovo governo olandese ha incluso un esperimento sulla coltivazione regolamentata della cannabis nell’accordo governativo. I comuni stanno facendo la fila per partecipare e Rotterdam sta spingendo per essere il primo.

Un primo ministro olandese molto speciale

Andreas Antonius Maria van Agt, noto come Dries van Agt (Geldrop, 2 febbraio 1931), è un avvocato, politico, professore universitario e diplomatico dai Paesi Bassi. Fu primo ministro dei Paesi Bassi tra il 19 dicembre 1977 e il 4 novembre 1982.

Era ambasciatore dei Paesi Bassi negli Stati Uniti d’America e in Giappone.

Nel primo semestre del 1981 fu nominato presidente del Consiglio europeo, a cui succedette Margaret Thatcher.

Stefano Auditore Armanasco

Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio (MI), il 12/02/1986.

Mail: direzione@freeweed.it

(Visited 998 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutube

Commenti

LEAVE A COMMENT