L’importanza e gli usi delle Radici della Cannabis

La radice della pianta di cannabis è la parte meno utilizzata della pianta.

Usiamo quasi tutte le parti della pianta di cannabis: foglie, semi, fiori, resine, fibre.

Ma nei tempi dei tempi, la radice della cannabis è stata altamente apprezzata dai nostri antenati in quanto la usavano come terapia personale.

Le radici come terapia

La radice di canapa è stata registrata per la prima volta nella letteratura medica cinese circa 5.000 anni fa.

Il documento afferma che il succo di radice di canapa è un efficace diuretico.




Il cinese antico lo usava per fermare le emorragie nelle donne dopo aver dato alla luce i bambini; la letteratura cinese documenta anche l’uso della radice di canapa per la produzione di polvere da sparo.

Intorno al 77-79 CE, Plinio, uno storico romano, pubblicò usi conosciuti della radice di canapa nel suo libro “Storie Naturali”.

Egli affermò che quando la canapa è stata bollita in acqua, è stata utile nel trattamento della rigidità articolare così come la gotta e simili disturbi.

Plinio ha anche scritto che la radice di canapa cruda potrebbe essere applicata localmente per lenire le ferite causate dalle bruciature.

Tra il 9° e il 18esimo secolo, i manoscritti in Azerbaigian hanno anche documentato gli usi popolari delle radici della canapa come decotto per curare le ferite e curare le febbri.

È stata utilizzata dagli Azerbaigiani anche per curare i mal di denti, le ulcere e gli ascessi.

Durante la storia ci sono stati altri poco noti usi documentati della radice della cannabis.

Mentre gli impieghi a base di erbe nell’antichità e nel medioevo sono sopravvissuti al giorno d’oggi, sembra che le numerose proprietà utili della radice della cannabis non siano più menzionate. Ma questo non significa che la radice di canapa non abbia alcun uso utile all’uomo.

L’analisi dei composti chimici in queste radici mostra perché sono considerate importanti per la terapia e anti-infiammatorie.

Le radici di cannabis sono costituite da lipidi e zuccheri.

 

L’estratto di etanolo della radice di canapa contiene terpeni che hanno molti vantaggi:

Friedelin: antiossidante e protegge il fegato

Epifriedelanol: può impedire la crescita dei tumori

Chetoni triterpeni pentaciclici: possono uccidere le cellule tumorali, ridurre l’infiammazione, agire come diuretico e ridurre i batteri

 

Gli alcaloidi presenti nelle radici di cannabis hanno i seguenti vantaggi:

Piperdina: è usato dalle aziende farmaceutiche come un blocco chimico per creare medicinali usati nella psichiatria

Pyrroldine: utilizzato anche da farmaci come un blocco di costruzione nella produzione di farmaci stimolanti

Piccole quantità di colina e atropina si trovano nelle radici di cannabis. La colina è una sostanza nutritiva essenziale che svolge un ruolo importante nel mantenimento delle membrane cellulari. Le donne in post-menopausa hanno un rischio elevato per una carenza di colina, e potrebbero beneficiare del consumo di tè alla radice di cannabis. D’altra parte, Altopine può essere usato per rilassare i muscoli degli occhi, può essere utilizzato per aumentare la frequenza cardiaca durante la rianimazione ed ha anche proprietà broncodilatatorie.

Usi moderni

Molte persone che coltivano cannabis utilizzano la radice per alleviare molti disturbi.




È facile fare tè alla radice di cannabis; tutto quello che dovete fare è mettere la radice di canapa in polvere a base di canapa in un fornello lento per 12 ore. Anice, cannella e altre erbe aromatiche possono anche essere aggiunte se non sei un grande fan del gusto della canapa pura. Una volta fatto ciò, il tè è pronto.

La radice di cannabis è utilizzata anche in molte tinture che vengono applicate direttamente alla pelle. È possibile utilizzare una forma asciutta e polverosa della radice come un poultice per lenire i disturbi della pelle come la dermatite, i tagli e le ustioni.

La radice di cannabis utilizzata negli oli e nei balsami può essere utilizzata anche per il trattamento di herpes, vesciche, brufoli, acne, artriti, emorroidi, dismenorrea, asma, mal di gola, raffreddori, mal di testa, dolori alla tensione, emicranie e infiammazione cronica della laringe .

 

Per fare il tè, una volta essiccate, basta rompere le radici in pezzi e utilizzare un mortaio e un pestello o un frullatore per macinarle finemente in una polvere. Poi vanno riposte su di un fornello a fuoco lento, aggiungendo un po’ di olio o grasso e lasciare cuocere per 12 ore.

 

FONTE: CoreSpirit

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 577 times, 1 visits today)

Commenti

LEAVE A COMMENT