Lo Zimbabwe pensa alla legalizzazione della Cannabis ad uso medico: “Una grande azienda Canadese ha proposto investimenti”

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lo Zimbabwe riflette sulla legalizzazione della produzione di cannabis per attrarre investimenti.

In Zimbabwe si sta prendendo in considerazione la legalizzazione della produzione di cannabis per scopi medici per attirare investitori interessati a coltivare la cannabis, secondo una dichiarazione recente.

Il ministro dell’Investment Promotion, Obert Mpofu , ha detto che una ditta canadese ha chiesto al governo il permesso di crescere cannabis, conosciuta localmente come mbanje, in una delle zone economiche speciali (ZES) che sarà presto stabilita nel paese.

“Abbiamo ricevuto numerose richieste da parte di investitori che vogliono partecipare a SEZ e uno di loro è una grande azienda internazionale che vuole a partecipare alla produzione di cannabis , “, ha detto Mpofu, come ha pubblicato il  “Sunday News” .

Lo Zimbabwe è nel processo di definizione delle SEZ: inizialmente sarebbe ad Harare, Bulawayo e Victoria Falls. Le zone offrono incentivi agli investitori, tra cui esenzioni a talune disposizioni del diritto del lavoro e delle regole di empowerment economico.

Obert Mpofu, ministro dell’Industria e dello Sviluppo

Mpofu ha detto al giornale che credeva che la ditta canadese, che non ha menzionato, stesse scherzando quando ha ricevuto la prima indagine di loro. Questo era prima di rendersi conto che la produzione di cannabis medicinale sarebbe un grande affare.

“Questa azienda è dal Canada ed è uno dei più grandi conglomerati nel paese e stanno già producendo la cannabis per scopi medici in condizioni severe , ” ha detto.

” Io non vedo nulla di male e penso che se noi legalizzassimo (produzione) di mbanje (cannabis) ci sarà beneficio perché è usato in medicina per antidolorifici, “ ha aggiunto.

In base alle leggi dello Zimbabwe la coltivazione di cannabis è illegale, punibile con la reclusione.
Nel 2015, un uomo di Harare , che è stato scoperto dalla polizia per la coltivazione di piccole quantità di marijuana in casa, a quanto pare per il trattamento di una malattia rara ossea, è stato imprigionato per 12 mesi, in base a quanto scritto sul The Herald  .

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 79 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Vai alla barra degli strumenti