Lo Zimbabwe regolamenta la cannabis ad uso medico: previste licenze per la coltivazione per i privati

95 Condivisioni

Lo Zimbabwe è diventato il secondo paese africano a legalizzare la cannabis per scopi medici e scientifici.

Il ministro della salute, il dott. David Parirenyatwa, ha affermato in un messaggio del governo che persone e aziende potrebbero richiedere licenze di cannabis per scopi medici o scientifici.

La coltivazione e il possesso di cannabis, conosciuta come mbanje o dagga in Sud Africa, era precedentemente punibile fino a 12 anni di carcere.

L’uso ricreativo, tuttavia, rimarrà illegale.

Le licenze quinquennali consentiranno  agli agricoltori di consentire chiaramente ai produttori di trasportare e commercializzare cannabis fresca, olio di canapa e fiori secchi.

I candidati che richiedono una licenza devono presentare i piani dettagliati per le aziende di produzione. I candidati devono essere cittadini o residenti dello Zimbabwe, oltre ad avere un permesso rilasciato dal ministero.

Gli individui precedentemente condannati per reati connessi alle sostanze illecite non saranno in grado di partecipare al mercato legale della cannabis recentemente aperto.

Approfondimento:  In California nasce il "THCMETRO": un nuovo Test per misurare il THC durante la Guida

Il piccolo stato del Lesotho ha rilasciato la prima licenza di cannabis in Africa l’anno scorso. Lo scorso anno un tribunale in Sud Africa ha stabilito che l’uso della cannabis per scopi personali è legale, ma il governo ha impugnato la sentenza alla Corte costituzionale.

Per molto tempo lo Zimbabwe ha discusso la legalizzazione della coltivazione della cannabis, perché il governo sta cercando nuove fonti di reddito per la sua economia.

L’anno scorso, Obert Mpofu , allora ministro degli investimenti, ha affermato che una società canadese aveva chiesto al governo dello Zimbabwe di consentire la produzione di cannabis nelle zone economiche speciali e di attirare investitori stranieri.

Lo Zimbabwe è già uno dei maggiori produttori di tabacco in Sud Africa e esporta la maggior parte del suo raccolto in Cina.

Approfondimento:  CBD ricavato dalla "Canapa Industriale" e CBD ricavato dalla "Cannabis con THC": ecco le differenze

Secondo il Rapporto delle Nazioni Unite sulle sostanze illecite nel 2017, l’Africa occupa il secondo posto dopo gli americani in termini di produzione e consumo di cannabis.

Stefano Auditore Armanasco

Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio (MI), il 12/02/1986.

Mail: direzione@freeweed.it

(Visited 95 times, 1 visits today)
Trovi interessante questa notizia?

Commenti

LEAVE A COMMENT