Ecco come il Mango migliora gli effetti della Cannabis

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

La Cannabis contiene più di 100 molecole terpeniche, responsabili dei sapori e degli effetti che questa sarà in grado di sviluppare.

Ancora più importante è la presenza di un terpene chiamato mircene, artefice delle fragranze più zuccherine delle cime.

Questo composto è presente sia nella cannabis che nel mango, ed è ciò che veramente li accomuna.

Questa complessa biomolecola è presente in diverse varietà di frutta e piante in generale. Tra queste troviamo le foglie di alloro, il timo, il prezzemolo e, ovviamente, il mango e la cannabis.

È caratterizzato da un aroma terroso e fruttato, con un retrogusto leggermente speziato.

In uno studio condotto dall’Istituto Federale di Ricerca Svizzera per l’Agroecologia e l’Agricoltura di Zurigo, Svizzera, sono stati analizzati i profili terpenici di 16 diverse varietà di cannabis. Dai risultati è emerso che il mircene era il terpene più comune tra i vari campioni analizzati.

Il mircene è presente anche nel luppolo, o Humulus lupulus, un ingrediente fondamentale per la produzione di birra. Vi è mai capitato di assaggiare una birra particolarmente saporita con leggere fragranze di cannabis o frutta tropicale? Ecco che entra in gioco il mircene, il principale responsabile di queste somiglianze aromatiche.

Dunque è vero che il mango aumenta l’effetto della cannabis?

Si, assolutamente.

Sebbene gli studi scientifici in questo campo non abbiano ancora approfondito le possibili cause scatenanti, le precedenti ricerche potrebbero lasciare intendere che sia proprio il mircene il vero responsabile di questa interazione.

Secondo alcuni studi degli anni ’70, il mircene avrebbe la capacità di aumentare la permeabilità delle cellule umane. Pertanto, un apporto maggiore di mircene attraverso l’ingestione di un mango maturo potrebbe aiutare il nostro corpo ad assorbire THC e cannabinoidi in tempi più ridotti.

Il mircene dunque assicura che le sostanze psicoattive vengano trasportate attraverso il flusso sanguigno al cervello: Se questo composto chimico è aumentato nel corpo, più sostanze possono essere trasportate, il che significa che la cannabis può avere un effetto più forte.

Quanto tempo prima di consumare la cannabis una persona deve mangiare il mango dipende esclusivamente dal metabolismo del consumatore.

Per le persone con un metabolismo veloce, il mango dovrebbe essere consumato circa 60 minuti prima del consumo di cannabis; Nel caso di un metabolismo più lento, circa 90 minuti in anticipo dovrebbero essere sufficienti a garantire che il corpo abbia assorbito tutti i benefici del frutto. D’altra parte le persone con un metabolismo veloce potrebbero dover mangiare più mango, poiché i loro corpi possono abbattere i componenti più rapidamente.

Il mango è anche particolarmente utile per i fumatori che hanno già sviluppato una tolleranza molto elevata alla cannabis.

Mangia un mango prima di fumare cannabis per migliorare l’high.
mango sono ricchissimi di vitamina A. Oltre a essere in grado di intensificare l’high della cannabis, i mango hanno la capacità di farlo durare più a lungo. Quando una persona mangia mango, i terpeni vanno diretti nel sangue e l’ingrediente psicoattivo THC si combina con i terpeni. Una volta che questo tipo di reazione inizia, la potenza dell’high sarà decisamente più forte e la durata dell’high sarà molto più lunga, ma questo varia da persona a persona.

Il THC della cannabis e i terpeni del mango miglioreranno il livello dell’high anche se il frutto viene mangiato successivamente all’assunzione di cannabis, ma i risultati migliori sono riscontrabili quando si ingerisce prima il mango e poi si fuma.

Questo frutto è anche efficace per diminuire la sensazione di dolore.

Mangia mango per evitare fame chimica
Secondo il Dipartimento statunitense d’agricoltura un mango ha 130 calorie. Tutti i fumatori di cannabis hanno provato la voglia irrefrenabile di mangiare cibo poco sano pieno di grassi. Invece di strafogarsi con patatine fritte per soddisfare la fame chimica, la prossima volta mangiati un mango. Ti fa bene e non ti fa prendere chili di troppo. Bisogna fare attenzione che le persone che hanno un alta tolleranza per cannabis avranno un high molto più lungo e forte rispetto ad altri.

I fumatori di cannabis stanno attenti al loro peso
La fame chimica associata alla cannabis ha causato che molte persone possano prendere peso. Se vuoi fare attenzione alla tua linea il mango è una grande alternativa. Il loro indice glicemico è basso che può aiutare le persone a perdere peso e a regolare il loro livello di zucchero nel sangue. I mango hanno l’82% d’acqua e contengono il 12% di fibre di cui ha bisogno una persona quotidianamente e ti darà la sensazione di pienezza senza dover consumare una grande quantità di calorie.

I mango possono ridurre il rischio di tumori cancerogeni
Aumentare l’intensità del tuo high e aiutare a mantenerti in linea non sono gli unici vantaggi che può offrire il mango. Questo frutto contiene polifenoli che aiutano a combattere infiammazioni e livelli di zucchero nel sangue. In uno studio della Texas A&M University, i polifenoli del mango hanno aiutato a prevenire una risposta infiammatoria nelle cellule cancerogene del seno e quindi è possibile ridurre i tumori cancerogeni.

Stefano Auditore

Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 2.649 times, 4 visits today)
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutube

Commenti

LEAVE A COMMENT