Manifestazione a favore della Cannabis a Parigi

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

In Francia diverse centinaia di persone hanno manifestato a Parigi per “altre politiche sulle droghe.”

Essi sperano che il prossimo capo dello Stato potrà cambiare la questione, sulla base del primo ministro canadese Justin Trudeau.

Tra musica rap e reggae, la manifestazione pacifica era composta di tanti giovani, anche persone con malattie, militanti per l’uso della cannabis a scopo terapeutico e molto altro ancora. La manifestazione è iniziata poco dopo le 15 da Place de la Bastille a Place de la Bastille.

Uno striscione portato dai manifestanti proclamava “depenalizzazione mondiale della cannabis e dell’auto -produzione della cannabis terapeutica. Un’altra politica sulle droghe è possibile “ “. Quest’anno, la marcia si è fatta avanti per stare tra i due turni di presidenza.




“Nel 2012 ci fu una grande speranza in Francois Hollande , almeno si è aperto un dibattito a livello europeo, ma mancava il coraggio ed ha tradito il suo elettorato , “ ha detto Farid Ghéhiouèche , uno degli organizzatori della marcia e fondatore di “cannabis senza frontiere”, intervistato da AFP.

Un paio di giorni prima del secondo turno delle elezioni presidenziali, l’attivista ha paragonato il candidato del Fronte Nazionale e il suo rivale En Marche: Marine Le Pen  vuole rafforzare la repressione, Macron, fa rima con la legalizzazione, la repressione e la fine di ulteriori consultazioni. Spero che incarni quello che Justin Trudeau ha incarnato in Canada. “




Il governo del primo ministro canadese Justin Trudeau vuole la cannabis legalizzata nel luglio 2018.

Il Canada permette l’uso di cannabis per scopi medici dal 2001.

Il programma di Emmanuel Macron offre semplice tranquillità per l’uso e il possesso di cannabis. “Se si va in direzione di una multa, sarà un buon sforzo, ma se si vuole essere efficaci, bisogna andare alla legalizzazione , “ ha detto Farid Ghéhiouèche.




La cannabis è vietata in Francia dal 1970, con un massimo di un anno di detenzione e 3.750 euro di multa.

In pratica anche se l’incarcerazione per l’uso è eccezionale, essa continua.

Nel 2014, in Francia, 17 milioni di persone hanno riferito uso di cannabis nella loro vita e 700.000 ogni giorno, secondo l’Osservatorio francese delle droghe e delle tossicodipendenze.

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 53 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Vai alla barra degli strumenti