Manifestazione Nazionale contro la legge Fini-Giovanardi

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Roma 8 Febbraio 2014: appuntamento ore 12:00 in Piazza Bocca della Verità

Il giorno 11 febbraio 2014, la Fini-Giovanardi verrà finalmente sottoposta al giudizio della Corte Costituzionale: in attesa della sentenza, è nostro Diritto manifestare affinchè questa legge infausta venga presto cancellata!!!

Presso il Gazebo Progetto FreeWeed in Piazza Bocca della Verità:

  • Incontro con il Direttivo Nazionale;
  • Intervento dei Referenti Provinciali;
  • Dibattito con i Soci Sostenitori;
  • Distribuzione materiale informativo;
  • Simpatici gadget per i partecipanti;
  • Testimonianze, foto e tanta musica;

Gruppo di coordinamento Facebook: www.facebook.com/groups/freeweed.leggeillegale

Incostituzionalità della legge Fini-Giovanardi

il 2014 si è aperto senz’altro con una buona notizia per gli antiproibizionisti: finalmente, dopo quasi un anno di attesa, la Fini-Giovanardi riceverà udienza in Corte Costituzionale, dove la Consulta avrà il compito di pronunciarsi in merito ai dubbi di costituzionalità sollevati dai giudici della Terza Corte di Appello di Roma con ordinanza del 28 gennaio 2013. Tramite il sito www.cortecostituzionale.it, è infatti possibile apprendere (con piacere) che l’udienza è già stata fissata per il prossimo 11Febbraio 2014 e che potrebbe anche non essere l’unica, considerando anche tutte le altre ordinanze giudiziarie che nel corso del 2013 hanno accolto più di un dubbio di costituzionalità da parte della legge Fini-Giovanardi.

Per il momento, di certo c’è che le prime contestazioni in esame riguardano proprio due dei punti più dibattuti, che fin dall’inizio sono stati oggetto di dissenso, denuncia e biasimo da ogni fronte:

  1. La violazione dei limiti della decretazione d’urgenza
  2. L’incompatibilità della normativa italiana con quella europea

Dovranno essere discusse le modalità con cui la legge Fini-Giovanardi è stata approvata, dal giorno alla notte, senza nemmeno essere stata discussa in Parlamento, tramite un decreto dell’ultimo minuto, incentrato su tutt’altro argomento (le Olimpiadi Invernali di Torino 2006) e privo di qualsiasi ragione che ne potesse giustificare l’urgenza, ma non solo. Sarà anche considerato come la legge Fini-Giovanardi, avendo abrogato qualsiasi distinzione giuridica fra droghe “leggere” e “pesanti”, attraverso la parificazione di tutte le sanzioni previste, è palesemente inadempiente rispetto ai principi indicati nella decisione 2004/757/GAI del Consiglio dell’Unione Europea, cioè all’impegno dei Paesi sottoscrittori (tra cui l’Italia) di stabilire sanzioni che rispettino un criterio di “proporzionalità” e tengano conto della differente offensività che esiste fra le varie sostanze stupefacenti.

Data l’importanza e la criticità di entrambe le questioni sottoposte a giudizio della Corte Costituzionale, è lecito augurarsi che l’esito dell’udienza del 12 febbraio 2014 possa rappresentare un passo cruciale verso l’abrogazione della Fini-Giovanardi, così come è opportuno non limitarsi ad incrociare le dita e sperare che “qualcuno faccia qualcosa”, ma informarsi, condividere e partecipare attivamente a questo appuntamento.

Rete Nazionale “La Fine del Mondo Proibizionista”

In vista dell’udienza del 12 Febbraio 2014, infatti, le principali parti sociali che da anni lottano contro la Fini-Giovanardi, i gruppi, i CSOA, gli operatori di riduzione del danno, le associazioni, le onlus, i comitati ed alcuni membri di organizzazioni istituzionali si sono riunite in Assemblea, al fine di costruire – sotto forma di Rete Nazionale denominata “La Fine Del Mondo Proibizionista” – un percorso dal basso che focalizzi l’attenzione sui danni causati dalla legge Fini-Giovanardi e che sia da propulsore alle future decisioni della Corte Costituzionale.

Sito ufficiale: www.leggeillegale.org
Evento Facebook: www.facebook.com/events/615748361825862

Giusto o sbagliato non può essere reato!

Il principale obbiettivo di questa Rete – a cui l’Associazione FreeWeed Board ha aderito con molto piacere – è quello di organizzare una serie di mobilitazioni a partire dai territori, per riunire e coinvolgere tutte le forze locali, cittadini, attivisti, pazienti, strutture ed organizzazioni, informando e promuovendo iniziative di raccolta fondi a sostegno di una grande manifestazione conclusiva contro la legge Fini-Giovanardi che avrà luogo a Roma, sabato 8 Febbraio 2014, con l’augurio di riuscire ad assumere una presa di posizione talmente condivisa e risoluta da non poter essere più ignorata.

Progetto FreeWeed e l’udienza dell’11 Febbraio 2014

Per quanto riguarda il prosieguo del Progetto Referendario FreeWeed, l’udienza del 12 febbraio 2014 potrebbe rivelarsi determinante ed aprire scenari del tutto diversi rispetto ad oggi: nel caso la legge Fini-Giovanardi venisse giudicata anticostituzionale ed abrogata (completamente e/o in parte), il Quesito oggetto della nostra proposta di Referendum andrebbe completamente rivisto, in base al pronunciamento stesso della Consulta.

Ciò costituirebbe fonte di immensa soddisfazione da parte nostra, indipendentemente dalla nuova direzione che dovrebbe intraprendere il nostro Progetto: primo, perché ricorrere alla consultazione referendaria per abrogare una legge è la strada più complicata da percorrere, tanti sono gli adempimenti burocratici per chi intende raggiungere questo difficile obbiettivo, soprattutto in condizioni di totale indipendenza politica e scarsa collaborazione sociale; secondo, perché l’abrogazione della legge Fini-Giovanardi – l’abbiamo già detto in tempi non sospetti – è solo il primo passo da compiere verso un più ampio processo di depenalizzazione e legalizzazione della Cannabis, a cui la nostra Associazione aspira come massimo risultato della propria attività.

Pur ritenendo la manifestazione dell’8 febbraio 2014 a Roma molto importante, per puntare i riflettori su una legge divenuta una vera e propria emergenza sociale e sensibilizzare l’opinione pubblica su tematiche scomode, tanto da essere in gran parte occultate ed alterate dall’informazione tradizionale, non possiamo fare a meno di nutrire più di una perplessità sulla prospettiva di vedere la Fini-Giovanardi cancellata “dall’alto”, tali sono gli interessi e le forze politiche in campo che ancora oggi difendono a spada tratta questa legge.

Vogliamo essere fiduciosi, incrociare le dita e contribuire all’iniziativa “Legge Illegale” in maniera estremamente collaborativa, senza però perdere assolutamente di vista il nostro obbiettivo principale: fin quando si parlerà esclusivamente di eventualità e speranze (come è il caso delle audizioni presso la Commissione Giustizia della Camera per la modifica del Testo Unico sugli Stupefacenti), il Referendum Abrogativo resta – fino a prova contraria – l’unico strumento di Democrazia Diretta nelle mani dei Cittadini, il cui esito possa costituire una fonte del Diritto, inappellabile, che vincola il legislatore alla volontà del popolo.

Pertanto, NON ci possiamo permettere di attendere semplicemente un eventuale giudizio da parte della Corte Costituzionale oppure un possibile esito positivo delle audizioni della Camera per la modifica del DPR309/90, perchè un’iniziativa referendaria NON può essere improvvisata, al contrario necessita di molto lavoro, molta propaganda e molto tempo per essere attuata: i mesi che ci separano dalla data prevista per l’avvio della Raccolta Firme Pro-Referendum non sono molti e, per quanto ci auguriamo il contrario, nel caso nessun provvedimento venga preso “dall’alto”, vogliamo essere pronti a mettere in campo ogni azione per dimostrare come le persone intenzionate a schierarsi contro la legge Fini-Giovanardi NON rappresentino assolutamente una minoranza, anzi!

In quest’ottica, la partecipazione in massa alla Manifestazione dell’8 Febbraio 2014 a Roma, rappresenta un appuntamento ancora più importante e “strategico”, per raccogliere ulteriori adesioni, coinvolgere chi ancora non conosce il Progetto FreeWeed ed unire le forze qualora fosse necessario proseguire per via referendaria a causa di un rifiuto da parte della Corte Costituzionale.

Il percorso del Corteo

Dopo un breve (ma importantissimo) Sit-in in piazza, formeremo lo “spezzone” Progetto Freeweed, con bandiere e striscioni e ci uniremo al resto del CORTEO ANTIPROIBIZIONISTA, la cui partenza è prevista alle ORE 14:00 circa, sempre da Piazza Bocca della Verità.

Grazie alla tenacia ed alla competenza degli Organizzatori, avremo l’opportunità di marciare TUTTI UNITI lungo un percorso unico e fortemente SIGNIFICATIVO, che nessun’altra Manifestazione a Roma aveva finora ottenuto:

Alle ORE 12:00 ci raduneremo in PIAZZA BOCCA DELLA VERITÀ e ci torneremo, passeremo per Via Luigi Petroselli, Via Del Teatro di Marcello, poi fino a largo Argentina passando per Via delle Botteghe Oscure e Via Florida, per proseguire poi per Corso Vittorio Emanuele II fino a via degli acciaioli. Attraverseremo su ponte Principe Amedeo cav Aosta per riscendere il Tevere passando davanti al CARCERE fino al Ponte Palatino passando sul lungotevere di lato a Piazza Castellani a pochi metri dal MINISTERO DELLA SALUTE, li attraverseremo il Tevere e termineremo a Piazza Bocca della Verità.

Mappa:www.freeweed.it/leggeillegale_percorso.jpg

Appello ai sostenitori Progetto FreeWeed

Tutti coloro che volessero darci una mano, partecipando all’allestimento del Gazebo, alla distribuzione dei volantini, al volantinaggio ed alla formazione dello spezzone FreeWeed durante il Corteo, possono contattare i responsabili del coordinamento tramite nickname FaceBook: Stefano Auditore, Zio Mirko, Ferri Christian, Paolo Del Vecchio; oppure scriverci all’indirizzo email: direzione@freeweed.it

L’8 Febbraio 2014, Roma sarà gremita di antiproibizionisti, ma allo stesso tempo vuota, essendo venuto a mancare prematuramente, poco prima della Manifestazione, la figura più carismatica, l’attivista più instancabile, l’amico più sincero per la maggior parte di noi FreeWeeder: Massi Miliam Pastura, socio fondatore del Progetto Freeweed.

Chi ha voluto bene a Massi ed ha avuto la fortuna di conoscerlo, è consapevole della sua profonda dedizione ed ha un motivo in più per NON mancare: a lui ed alle persone come lui, per quanto ci riguarda, sarà dedicato il prossimo 8 Febbraio 2014.

#TuttiUniti #FreeWeed #LeggeIllegale #StopFiniGiovanardi #CannabisLibera

volatini-leggeillegale-8-febbraio-2014

Redazione
Associazione Nazionale FreeWeed Board, 100% Noprofit, Apartitica ed Indipendente.
(Visited 78 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Vai alla barra degli strumenti