Cannabis e Guida: Una rassegna delle evidenze scientifiche contro i soliti luoghi comuni

Stefano Auditore/ aprile 30, 2013/ Conoscere la Cannabis, Openblog/ 3 comments

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

E’ di certo ben noto che l’alcol aumenta il rischio di incidenti stradali.

La prova invece della colpevolezza della Cannabis negli incidenti di guida su strada è molto meno convincente.

Anche se l’intossicazione da cannabis è dimostrato che alteri leggermente la psicomotricità, questo deterioramento non sembra essere grave o di lunga durata.

Nel test di guida del simulatore, questo valore è generalmente manifestata dai soggetti diminuendo la loro velocità di guida e richiedendo leggermente maggior tempo per rispondere alle situazioni di emergenza.

Tuttavia, questo valore non sembra svolgere un ruolo significativo negli incidenti su strada.

Una revisione di sette diversi studi su 7.934 conducenti nel 2002 ha riferito: “studi di colpevolezza Crash non sono riusciti a dimostrare che i driver con cannabinoidi nel sangue hanno significativamente più probabilità di driver privi di cannabinoidi di essere colpevole in incidenti stradali.” Questo risultato è probabilmente dovuto al fatto che i soggetti sotto l’effetto della Cannabis sono consapevoli del loro valore e compensano di conseguenza, come ad esempio rallentando e focalizzando la loro attenzione quando sanno che sarà necessaria una risposta.

Questa reazione è esattamente l’opposto di quella esibita da conducenti sotto l’effetto di alcol, che tendono a guidare in modo più rischioso proporzionale alla loro intossicazione.

Oggi, un gran numero di ricerche esiste che esplorano l’impatto della Cannabis sulle capacità psicomotorie e sulle effettive prestazioni di guida. Questa ricerca è costituita da studi su simulatore di guida, studi di prestazioni su strada, studi colpevolezza di crash, e recensioni di sintesi degli elementi di prova esistenti.

Ad oggi, il risultato di questa ricerca è abbastanza consistente: La Cannabis ha un effetto misurabile ancora relativamente mite sulle abilità psicomotorie, eppure non sembra svolgere un ruolo significativo in incidenti stradali, in particolare rispetto agli alcolici.

Di seguito una sintesi di alcuni dei dati esistenti.

 

SINTESI:

” Al momento attuale, la prova per suggerire un coinvolgimento di cannabis in incidenti stradali è scientificamente non-provata.”

Sono stati riportati sette studi che utilizzano l’analisi di colpevolezza, per un totale di 7.934 conducenti. L’alcol è stato rilevato come l’unico farmaco in 1.785 piloti, e, insieme con la cannabis in 390 piloti. Cannabis è stata rilevata in 684 conducenti, in 294 di questi era l’unico farmaco rilevato.

 

“… I risultati fino ad oggi di studi di colpevolezza di crash non sono riusciti a dimostrare che i driver con cannabinoidi nel sangue hanno significativamente più probabilità di driver privi di Cannabinoidi di essere colpevoli in incidenti stradali. … “ nei casi in cui il THC è stato l’unico farmaco, Attualmente sono stati analizzati, il rapporto colpevolezza è risultata non significativamente differente dal gruppo n-droga “.

RIFERIMENTO: G. Chesher e M. Longo. 2002. Cannabis e alcol in incidenti automobilistici. In: F. Grotenhermen e E. Russo (a cura di) Cannabis e Cannabinoidi: farmacologia, tossicologia e potenziale terapeutico . New York: Haworth Press. Pp. 313-323.

“La cannabis porta ad uno stile più cauto di guida, [ma] non ha un impatto negativo sul tempo di decisione e di traiettoria. Questo di per sé non significa che i conducenti sotto l’effetto di cannabis rappresentano un rischio per la sicurezza del traffico. …”

 

“il fumo di sola cannabis, in particolare a basse dosi, ha scarso effetto sulle competenze coinvolte nella guida automobilistica. “

RIFERIMENTO: Senato canadese Commissione speciale sulle droghe illecite. . 2.002 Cannabis: Relazione di sintesi: La nostra posizione per una politica pubblica canadese . Ottawa. Capitolo 8: guida sotto l’influenza della cannabis.

“Questo rapporto ha riassunto disponibile la ricerca sulla cannabis e di guida.

… Di impairment dal consumo di cannabis è stata riportata da studi che utilizzano i test di laboratorio, simulatori di guida e di osservazione su strada. … Entrambe le prove di simulazione e di strada in generale che il comportamento di guida poco dopo il consumo di dosi maggiori di risultati di cannabis in (i) uno stile di guida più prudente, (ii) un aumento della variabilità nella posizione di corsia (e passi avanti), e (iii) i tempi decisionali più lunghi. considerando che tali risultati indicano un ‘cambiamento’ di condizioni normali, essi non riflettono necessariamente ‘impairment’ in termini di efficacia delle prestazioni.

RIFERIMENTO: Ministero britannico dell’ambiente, dei trasporti e delle regioni (Strada Safety Division). . 2.000 Cannabis e guida: Una rassegna della letteratura e commento. Crowthorne, Berks: TRL Limited.

“Nel complesso, si può concludere che il peso delle prove indica che:

  1. Non ci sono prove che il consumo di sola cannabis aumenta il rischio di colpevolezza per incidenti mortali incidenti stradali o infortuni per i quali si verifica l’ospedalizzazione, anzi può ridurre tali rischi.
  2. Le prove riguardanti l’effetto combinato di cannabis e alcol sul rischio di incidenti stradali e infortuni, relativi al rischio di alcol da solo, non è chiaro.
RIFERIMENTO: M. Bates e T. Blakely. 1999. “Il ruolo della cannabis in incidenti automobilistici.”Epidemiologico Recensioni 21: 222-232.

“In conclusione, la Cannabis altera il comportamento di guida. Tuttavia, questo valore è mitigato dal fatto che i soggetti in trattamento marijuana sembrano percepire che sono effettivamente compromessi. Dove possono compensano, per esempio non sorpassando, rallentando e focalizzando se sarà necessaria la loro attenzione quando sanno che una risposta è importante. …

 

Effetti sulla guida di comportamento sono presenti fino a un’ora dopo il fumo, ma non continuano per periodi prolungati.

 

Rispetto ai confronti tra alcool e marijuana effetti, queste sostanze tendono a differire nei loro effetti.

Contrariamente al comportamento compensatorio esibito da soggetti sotto trattamento di marijuana, i soggetti che hanno ricevuto alcool tendono a guidare in modo più rischioso.

Entrambe le sostanze pregiudicano le prestazioni, tuttavia, il comportamento più cauto dei soggetti che hanno ricevuto la marijuana diminuisce l’effetto del farmaco sulle prestazioni, mentre l’opposto vale per l’alcol. ”

RIFERIMENTO: A. Smiley. 1999. Marijuana: On-Road e Driving-Simulator Studies. In: H. Kalant et al.(Eds) Gli effetti sulla salute di Cannabis . Toronto: Centro per la Salute Mentale e Dipendenze. Pp. 173-191.

“Intossicazione con la cannabis porta ad un lieve deterioramento di psicomotorie … funzione. … [Ma] la compromissione nelle abilità di guida non sembra essere grave, anche immediatamente dopo l’assunzione di cannabis, quando i soggetti sono testati in un simulatore di guida . Ciò può essere perché le persone intossicate dalla cannabis sembrano compensare la riduzione di valore, prendendo meno rischi e guidare più lentamente, mentre l’alcol tende a incoraggiare le persone a prendere grandi rischi e guidare in modo più aggressivo. ”

RIFERIMENTO: UK Camera dei Lord commissione Scienza e Tecnologia. Del 1998. nona relazione .Londra: Regno Unito. Capitolo 4: Sezione 4.7.

“L’evidenza suggerisce che la marijuana rappresenta un vero e proprio, ma secondario rischio per la sicurezza, e che l’alcol è la principale droga fattore di rischio di incidenti.”

BIBLIOGRAFIA: D. Gieringer. 1988. Marijuana, guida e incidenti di sicurezza. ufficiale di psicofarmaci20: 93-101.

Semaforo_Verde

 

CRASH STUDI di colpevolezza:

“Per ciascuno di 2.500 conducenti feriti presentati in un ospedale, un campione di sangue è stato raccolto per l’analisi successiva.

C’è stata una chiara relazione tra alcol e colpevolezza. … Al contrario, non vi era alcun aumento significativo colpevolezza per i soli cannabinoidi. 

Mentre un numero relativamente elevato di conducenti feriti sono risultati positivi per i cannabinoidi, i tassi di colpevolezza non erano superiori a quelli del gruppo di farmaco libero.

Ciò è coerente con altri risultati “.

RIFERIMENTO:. Logan, MC, Hunter, CE, Lokan, RJ, Bianco, JM, & White, MA (2000) La prevalenza di alcool, cannabinoidi, benzodiazepine e gli stimolanti Tra Driver feriti e il loro ruolo nel driver Colpevolezza: Parte II: L’ Relazione tra prevalenza di Droga e concentrazione del farmaco, e driver Colpevolezza. Accident Analysis and Prevention, 32, 623-32.

 

“Campioni di sangue da 894 pazienti che si presentano per due Dipartimenti di Emergenza per il trattamento dei veicoli a motore injur [i] … sono stati testati per l’alcol e altre droghe.

… Sulla base di alcol e droga test di tutta la gamma di pazienti … l’alcol è chiaramente il farmaco principale associato a gravi incidenti e una maggiore lesioni. Pazienti positivi al test per le droghe illecite (marijuana, oppiacei e cocaina), in assenza di alcol, sono stati in incidenti molto simili a quelli dei pazienti con né alcool né droghe. Quando sono state considerate altre variabili rilevanti, questi farmaci non sono stati associati con incidenti più gravi o più lesioni. ”

RIFERIMENTO: P. Waller et al. 1997. Caratteristiche Crash e le lesioni delle vittime di alterazione dovuta all’alcol contro le droghe illecite. analisi degli incidenti e la prevenzione 29: 817-827.

 

“I campioni di sangue sono stati raccolti da un campione di 1.882 piloti provenienti da 7 stati, durante 14 mesi negli anni 1990 e 1991. Il campione comprendeva operatori di autovetture, camion e motociclette che sono morti entro 4 ore del loro arresto.

Mentre … cannabinoidi sono stati rilevati nel 7 per cento dei conducenti, l’agente THC psicoattivo è stata trovata in solo il 4 per cento. … I THC-driver solo avevano un tasso di responsabilità inferiore a quello dei piloti drugfree. … Anche se la differenza non era statisticamente significativa, non vi era alcuna indicazione che la cannabis di per sé era una causa di incidenti mortali “.

RIFERIMENTO: K. Terhune. 1992. L’incidenza e il ruolo dei farmaci nei driver mortalmente feriti .Washington, DC: Dipartimento dei Trasporti National Highway Traffic Safety Administration, rapporto n ° DOT HS 808 065 US.

  

ON-ROAD studi sulle prestazioni:

“Gli effetti della marijuana sulla guida reale sono stati valutati in una serie di tre studi in cui le relazioni dose-effetto sono stati misurati in condizioni di guida reali che progressivamente si sono avvicinati alla realtà.

Effetti del THC … su strada-tracking dopo dosi fino a 300 mg / kg non ha mai superato l’alcol al di BAC di 0,08%, e, sono stati in nessun modo insolito rispetto a molti medicinali. Tuttavia, gli effetti del THC differiscono qualitativamente da molte altre droghe, in particolare alcol.

Prove da studi attuali e precedenti suggerisce fortemente che l’alcol favorisce la guida rischiosa mentre THC favorisce una maggiore cautela, almeno negli esperimenti. Un altro modo in cui il THC sembra differire qualitativamente da molti altri farmaci è che gli utilizzatori di cannabis sembrano meglio in grado di compensare gli effetti negativi durante la guida sotto l’influenza . “

RIFERIMENTO: H. Robbe. 1995. Gli effetti della marijuana sulle effettive prestazioni di guida. In: C. Kloeden e A. McLean (Eds) Alcol, droghe e sicurezza del traffico T-95 . Adelaide Australia: HHMRC Research Unit Road, Università di Adelaide. Pp. 11-20.

 

“La presente relazione riguarda gli effetti del fumo di marijuana sul rendimento effettivo di guida. … Questo programma di ricerca ha dimostrato che la marijuana, quando presa da sola, produce un moderato grado di guidare, che viene legato alla dose di THC consumato.

L’alterazione si manifesta principalmente nella capacità di mantenere una posizione laterale sulla strada, ma il suo valore è Non eccezionale in confronto con i cambiamenti prodotti da molti farmaci medicinali e alcool. Conducenti sotto l’effetto della marijuana conservano insight nelle loro prestazioni e compenseranno quando possono, per esempio, rallentando o aumentando lo sforzo. Come conseguenza, gli effetti negativi del THC sulla guida appaiono relativamente piccoli. ”

RIFERIMENTO: W. Hindrik e J. Robbe e J. O’Hanlon. 1993. Marijuana e le prestazioni di guida effettiva .Washington, DC: Dipartimento dei Trasporti National Highway Traffic Safety Administration, rapporto n ° DOT HS 808 078 US.
Tabella di sintesi delle prove su strada di cannabis e GUIDA
Tabella compilata dal ministero britannico dei Trasporti (2000)

 

GUIDA STUDI SIMULATOR:

 

“Nel complesso, si può concludere che la Cannabis ha un effetto misurabile sulla performance psicomotoria, in particolare sulla capacità di tracciamento. Il suo effetto sulle funzioni cognitive superiori, ad esempio diviso i compiti connessi con attenzione la guida, sembra non essere così critica.

Conducenti sotto l’influenza della cannabis sembrano consapevoli del fatto che essi sono alterati, e  compensano questa riduzione di valore, riducendo la difficoltà del compito della guida, per esempio guidando più lentamente.

In termini di sicurezza stradale, non si può concludere che la guida sotto l’influenza della cannabis non sia un pericolo, per il fatto che gli effetti di vari aspetti delle prestazioni del conducente sono imprevedibili, Tuttavia, in confronto con l’alcol, dei gravi effetti dell’alcol sul cognitivo superiore, sui processi di guida, rischiano di rendere quest’ultimo molto più pericoloso, soprattutto a livelli più alti di alcol nel sangue. ”

RIFERIMENTO: B. Sexton et al. 2000. L’influenza della cannabis sulla guida: un rapporto preparato per il Ministero britannico dell’ambiente, dei trasporti e delle regioni (Divisione Sicurezza Stradale) .Crowthorne, Berks: TRL Limited.
Tabella riassuntiva delle SIMULATOR STUDI DI CANNABIS E GUIDA
tabella compilata dal ministero britannico dei Trasporti (2000)

 

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 783 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

3 Comments

  1. Comunque, non si possono fare dei paragoni tra cannabis ed alcol “o qualunque altra sostanza ricreativa”, per un consumatore adulto ed abituato a fumare è praticamente impossibile perdere il controllo “per quanto la cannabis possa essere forte” ed anche quando questo succede “in realtà, molto raramente” è quasi impossibile desiderare di mettersi alla guida in quel momento “pena il doversi costringere ad un doloroso ritorno alla realtà”, un vero spreco per chi ha fumato ed un autentico delitto.

    Per fermare un high di cannabis, spesso è sufficiente fumarsi una sigaretta, o prendersi un caffè e/o basta semplicemente la forza di volontà

    Altra cosa per alcol o droghe pesanti, bisogna sempre aspettare che
    l’effetto finisca da sé e certe volte non ci si rende neppure conto
    dello stato reale in cui ci si trova e ci sovrastimiamo.

    Mentre con la cannabis dipende molto di più dalla volontà e dal controllo della mente, ma soprattutto e generalmente ci si sottostima..

    (Quindi, se la persona è
    intelligente, eviterà comunque “e di sua propria volontà” di mettersi
    alla guida, dedicando un paio d’ore a cose molto più piacevoli, a
    passeggiare, alla compagnia degli amici, all’ascolto di buona musica..)

    Da: Marijuana legale: Quadro giuridico, effetto dell’erba sulla guida

    «Non c’è un semplice parallelo quando si tratta di guida.

    “Non è come l’alcol”, dice Emily Wilfong, portavoce del Dipartimento dei Trasporti del Colorado:

    La gente metabolizza in modo diverso.
    Ci sono differenti potenze.
    Quindi non c’è davvero nessuna soluzione in termini per dire “ora siete oltre il limite”»

    http://nation.time.com/2014/02/11/legal-weeds-effect-on-stoned-driving-remains-hazy/

     
    1. Stefano Auditore

      Grazie Marco per il tuo intervento, molto preciso e interessante!

       
  2. ottimo articolo, anche se gli estratti sono mal tradotti dall’inglese. Con un po’ più di impegno e un traduttore umano la qualità dello scritto sarebbe stata ottima.

     

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*
*