Mattoni in calce e canapa

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Avremo un giorno strutture portanti in canapa e calce? L’inglese Hemp Architecture  propone una ricerca su soluzioni architettoniche che si spingono al massimo della sostenibilità ambientale. Questo studio di progettazione è stato fondato da 2012 da Matthew Bell per aggregare attorno alla canapa diverse competenze nel mondo dell’edilizia sostenibile. Hemp Architecture vede un ritorno all’utilizzo più naturale possibile della canapa nelle costruzioni sfruttando gli steli come elementi strutturali e partendo dalle loro caratteristiche meccaniche per realizzare nuovi materiali, stili e metodi costruttivi.

canapa strutturale

L’obiettivo è quello di sviluppare un linguaggio architettonico nato dalle potenzialità e dalle limitazioni fisiche della canapa. All’origine si trovano le costruzioni primitive e vernacolari, ma anche gli studi di resistenza meccanica degli steli che dimostrano una resistenza paragonabile a quella del legno. Nel sito web di Hemp Architecture si riportano i risultati delle prove meccaniche sugli steli di canapa: oltre all’elevata resistenza alla trazione, i test dimostrano interessanti possibilità di carico in compressione e in entrambi i casi la resistenza è paragonabile a quella del legno, così come lo è il modulo elastico. La resistenza a compressione è leggermente minore, come lo è anche la densità e il peso del materiale. In sintesi, un montante in legno di 50×100 millimetri presenta lo stesso carico utile di un fascio di 67 steli di canapa. Il test di carico a flessione è risultato ovviamente a netto favore del legno. Questo studio dimostra che potrebbe non essere necessaria la lavorazione della fibra per ottenere componenti con adeguata resistenza statica, anche se è necessaria ulteriore ricerca per capire quali varietà e condizioni climatiche producano steli ideali per l’utilizzo strutturale.

Seventeen+blocks+were+produced+in+total.+Three+with+hemp+stalk+frame+and+three+with+traditional+lime-hempSono stati poi effettuati test su blocchi in canapa calce dove gli steli di canapa svolgevano ruolo strutturale seguendo il concetto dei i tondini di ferro nel cemento armato. I risultati sono riassunti in questa pagina ed evidenziano alcuni punti deboli che si sommano alla già conosciuta debolezza strutturale dei componenti in calce-canapa. La soluzione di alcuni problemi statici e dinamici nella realizzazione e nella posa di questo materiale aprirebbe per gli architetti potenzialità espressive pari a quelle del cemento armato. Uno dei vantaggi della tecnica costruttiva proposta da Hemp Architecture è infatti la maggiore libertà progettuale rispetto ai vincoli imposti dai blocchi o dalla struttura a griglia ortogonale in legno tipica delle costruzioni calce-canapa.

L’idea romantica ma non troppo di Hemp Architecture  è la costruzione di una casa totalmente sostenibile e prodotta con materiale coltivato sul posto. Questa opzione non è impossibile grazie alle caratteristiche colturali della canapa rispetto agli alberi da legna. La ricerca di Hemp Architecture  si affianca ai concetti di progettazione passiva che tendono a evitare materiali e dispositivi che contribuiscono al risparmio energetico ma portano una grande impronta ambientale dovuta ai loro processi produttivi. Al contrario, con una migliore comprensione delle caratteristiche fisiche e microscopiche di materiali come la canapa sarà possibile realizzare manufatti a impatto ambientale molto ridotto.

Fonte: Stefano Mariani da CanapaIndustriale

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 174 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Vai alla barra degli strumenti