“Medical Cannabis” di Stato in distribuzione a gennaio, si punta a 100 Kg l’anno: Ma quanto fabbisogno copriranno?

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Sembra nuovamente ufficiale: la Medical Cannabis di Stato è pronta, i primi 20 kg prodotti e testati saranno in distribuzione da gennaio 2017.

Notizia già sentita, anche se stavolta l’ufficialità sembra ufficiale sul serio.

Immagine correlata

Contorto il programma, cosi come sono contorti i dati.

Secondo la Repubblica, la Medical Cannabis di Stato che verrà prodotta sarà all’incirca sui 100 kg l’anno, per la distribuzione su tutto il territorio nazionale.

Sempre la stessa Repubblica, però, indica come pazienti in terapia con la cannabis un numero vicino a 600 solamente nella regione Toscana.

Non serve essere del Ministero della Salute, guidato ingloriosamente dal Ministro Lorenzin, per effettuare un rapido conteggio in proiezione.

Le regioni italiane sono 20; se consideriamo una media di 450 potenziali pazienti (media al ribasso) per ciascuna regione ci troviamo con un totale di circa 9.000 pazienti italiani nelle diverse regioni che necessiterebbero della terapia a base di cannabis naturale.

Come tutti sappiamo 100 kg equivalgono a 100.000 grammi.

Ora, ripetiamo, non serve una laurea magistrale per conteggiare quanti grammi di cannabis saranno destinati, secondo il protocollo nazionale del Ministero della Salute, a ciascun paziente ogni anno.

La risposta è: 11,11 grammi per ciascun paziente. (100.000 g. / 9.000 pazienti)

Questo dovrebbe essere il programma che porterà a coprire le esigenze dei pazienti? Questo dovrebbe abbassare i costi del prodotto finale? Questa situazione porterà indipendenza dal mercato dei farmaci olandesi? Questo è un progetto costruito per il paziente o per interessi economici sulla distribuzione?

Domande che vorremmo tanto trovassero una risposta, magari proprio nella figura del neoconfermato Ministro alla Salute Beatrice Lorenzin.

Ovviamente svincolare per tutti la possibilità di coltivare ed usufruire del fiore della cannabis, identico a quello che viene prodotto dal ministero, magari attuando politiche di distribuzione alle USL di macchinari per il test del prodotto coltivato, è una scelta meno “vantaggiosa” economicamente per il Governo, che finge soltanto di interessarsi alla salute dei cittadini per mascherare un grasso e grosso mercato speculativo.

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 375 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

2 Responses so far.

  1. […] si, è pronta la distribuzione commerciale, da Gennaio 2017, della nuova varietà di Cannabis prodotta dal Centro Farmaceutico Militare di Firenze: la FM-2. […]
     

LEAVE A COMMENT

Visit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On Google Plus
Vai alla barra degli strumenti