Negli ultimi 10 anni negli USA l’Uso di Cannabis è aumentato del 3% ma l’ “abuso” è diminuito del 30%: Come mai?

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Una nuova ricerca pubblicata sulla rivista The Lancet Psychiatry ha scoperto che il consumo di cannabis americano è passato dal 10,4 per cento al 13,3 per cento dal 2002 al 2014. Il che non è poi così tanto, considerando quanto gli atteggiamenti sociali e le restrizioni legali si siano modificate durante quel periodo.

Ma ecco l’aspetto interessante dello studio. Mentre il consumo è aumentato del tre per cento, l’ “abuso” di cannabis in realtà è sceso di quasi il 30 per cento durante lo stesso periodo di tempo.

Nel 2002, il 16,7 per cento dei consumatori riportava criteri per la dipendenza, mentre nel 2014, il numero era sceso a solo l’11,9 per cento.

Cosa sta succedendo?

Abbiamo raggiunto il ricercatore Roger Roffman, professore emerito presso l’Università di Washington, che ha trovato lo studio essere curiosamente in contrasto con studi precedenti. Roffman indicò uno studio pubblicato nel 2004 sul Journal of American Medical Association , che ha confrontato i tassi di abuso nel 1991-1992 al 2001-2002.Questo studio ha trovato che l’uso di cannabis è rimasto relativamente stabile tra i due decenni, ma ha scoperto un aumento dei tassi di abuso di cannabis. Tra i due decenni, la prevalenza di coloro che si adattano ai criteri DSM-IV per abuso di cannabis o di dipendenza sono aumentati dal 1,2 per cento al 1,5 per cento nella popolazione generale.

“Questa riduzione di disturbo sull’utilizzo potrebbe essere una conseguenza molto positiva ed importante per la sanità pubblica riguardante la legalizzazione”.

Roger Roffman, professore emerito, Università di Washington

Lo studio più recente di Lancet, condotto dalla Substance Abuse federal e Mental Health Services Administration e condotto da William Compton, lo stesso ricercatore dello studio precedente, ha seguito 596,500 americani adulti tra gli anni 2002 e 2014 per esaminare l’uso di cannabis e le abitudini sull’abuso. Negli ultimi 12 anni, c’è stato un piccolo aumento costante del numero di americani che consumano, o ammettono di consumare, negli Stati Uniti.

Con i numeri

Ecco i consumi monitorati dallo studio:

  • Nel 2002, la percentuale di americani che avevano fatto uso di cannabis nel corso dell’anno precedente è stata del 10,4 per cento
  • Nel 2014, quel numero è salito al 13,3 per cento
  • Nel 2002, il numero dei consumatori di cannabis negli Stati Uniti era di circa 21,9 milioni
  • Nel 2014, il numero è salito a 31,9 milioni
  • Nel 2002, il numero dei consumatori di cannabis quotidianamente o quasi quotidianamente era 3,9 milioni
  • Nel 2014, il numero è salito a 8,4 milioni
  • Nel 2002, il numero di prima volta di uso di cannabis era 823.000
  • Nel 2014, ci sono stati 1,4 milioni per la prima volta consumatori di cannabis

Il numero di americani nella popolazione generale che ha incontrato i criteri diagnostici per la dipendenza da cannabis, ha riferito Compton, è sceso dal 1,8 per cento del 2002 al 1,6 per cento nel 2014.

I criteri per l’abuso di marijuana sono delineati dal Substance Abuse e Mental Health Services Administration e comprendono i seguenti: interruzioni di funzionamento a lavoro, a scuola o a casa; persistenti tentativi infruttuosi di ridurre l’uso; lo sviluppo di sintomi di astinenza, come irrequietezza, insonnia, nervosismo, rabbia, depressione al momento della cessazione di utilizzo.

Christopher Ingraham del Washington Post ha osservato che i tassi di abuso di cannabis e dipendenza sono scesi maggiormente tra gli adolescenti rispetto ai giovani adulti. Gli adolescenti hanno visto un calo del 37 per cento dei tassi di abuso, mentre i giovani adulti ha visto una riduzione del 18 per cento nella dipendenza rispetto allo stesso periodo.

Cosa significa?

Il professor Roffman offrì la sua opinione per cui il numero di abusi possono essere un trend positivo verso il basso e che cosa potrebbe significare per la società.

“In primo luogo, se è vera, questa riduzione in percentuale di utenti con disturbo di utilizzo potrebbe essere una conseguenza molto positiva ed importante per la sanità pubblica riguardante la legalizzazione.”, Ha detto Roffman a Leafly.

Utilizzando l’esempio di psichiatra di Harvard Norman Zinberg, Roffman ha continuato. “Norman Zinburg ha offerto la tesi secondo cui le norme di comportamento per il consumo non nocivo avranno più probabilità di svilupparsi quando un farmaco è legale rispetto a quando è illegale. Se questo è vero, forse è perchè i consumatori: (1) si percepiscono come devianti in un modo o nell’altro, quando impegnati in un atto che la legge vieta, (2) che percepiscono la legge come ingiusta e loro ne sono responsabili in un modulo di oppressione, e (3) rifiutando di gestirlo pubblicamente favorendo un uso non problematico “.

Spostamento nella società

Nel 2002, qualsiasi possesso di cannabis era considerato un crimine. A quel tempo c’erano solo otto stati con leggi sulla marijuana medica, e il numero di arresti per marijuana tra 2002-2003 erano in un numero elevato vicino al record . Gli arresti per possesso sono continuati ad aumentare fino al 2007, quando la polizia ha arrestato circa 872,721 persone per le violazioni riguardanti la cannabis. Dopo il 2007, i numeri hanno cominciato una discesa verso il basso e gli arresti sono costantemente diminuiti ogni anno.

Vale anche la pena di considerare, ha aggiunto Roffman, come la definizione di abuso di cannabis sia cambiata tra il 2002 e il 2014. “Mi sono chiesto circa il modo in cui vengono definiti e misurati i disturbi da uso di marijuana. Fino a quando il DSM-V (adottata nel 2013), c’era una distinzione tra l’abuso di marijuana e dipendenza “, ha sottolineato. “Mi sono trovato a chiedermi se il cambiamento in prevalenza avrebbe un aspetto diverso se solo i tassi di dipendenza siano stati segnalati per i periodi di tempo precedenti e successivi.”

Atteggiamenti circa il relativo danno di cannabis sono notevolmente cambiati. Nel 2002, il 38,3 per cento degli americani credeva che vi era “grande rischio di danno” da un uso di cannabis mensile, un numero che è sceso al 26,5 per cento nel 2014.

In effetti, come il numero di americani che trovano la cannabis dannosa è diminuito, il numero di americani che vedono “nessun rischio” in uso di cannabis mensile è quasi raddoppiato nello stesso periodo, dal 10 per cento nel 2002 fino al 19,9 per cento nel 2014.

FONTE: LEAFLY

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 250 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Vai alla barra degli strumenti