Nuova Zelanda: Quando si voterà per la legalizzazione della cannabis?

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

In Nuova Zelanda si discute sul fatto che i cittadini possano votare la legalizzazione della marijuana il prossimo anno .

Attualmente, il governo sta discutendo se tenere il referendum nel 2019 perché non è sicuro tenerlo, nelle elezioni generali del 2020 sarebbe un movimento politico intelligente.

Il referendum sulla legalizzazione della marijuana faceva parte dell’accordo offerto e della fiducia raggiunta tra laburisti e verdi, anche se il vice premier  Winston Peters lo sostiene.

Il ministro della Giustizia Andrew Little ha detto che il governo sta valutando di mantenerlo l’anno prossimo, invece del 2020.

“Ci sono due problemi in competizione, uno è che sarebbe conveniente averlo nel 2020 perché abbiamo un’elezione generale, e si terrà una votazione”.

“D’altra parte, ci sarebbero altri colleghi che direbbero” beh, non vogliamo necessariamente che questo particolare tipo di problema venga portato avanti in un’elezione generale, quindi facciamolo in un altro momento “, e quel problema non è stato risolto.” Sospetto che ci vorrà un po’ prima che venga chiarito.

Il signor Little ha riconosciuto che il governo ha molto lavoro da fare prima di votare.

“Dobbiamo assicurarci che ci siano buone informazioni pubbliche, buoni eventi per le persone che esprimono i loro punti di vista, quindi detterebbe un calendario che non sarebbe previsto prima della fine del 2019”.

Ha detto che il governo ancora non sapeva che tipo di sistema di marijuana legalizzato si sarebbe proposto di avviare.

“Non abbiamo avuto nulla da dire su questo, penso che si tratta di ordinare i meccanismi del referendum, quindi ovviamente, penso che ci siano alcune discussioni sulla portata e forse su alcune opzioni. 

“La domanda chiave sarà, qual è la domanda per l’elettorato, quella che ha un significato e una risposta significativa e la concessione di un mandato se è approvato per continuare con il lavoro; se non è approvato, ovviamente, tutto è finito. “

Il direttore esecutivo della Drug Foundation, Ross Bell , era d’accordo sul fatto che la domanda fosse la chiave.

“Come puoi raggruppare tutto ciò che è necessario in termini di protezione della salute pubblica, protezione dei giovani, raccolta di fondi per la salute e l’istruzione? Come puoi riassumere tutte queste domande in una sola domanda? “

“E penso che sarà una vera sfida per loro, che ancora una volta è per questo che l’istruzione pubblica sarà davvero importante, l’impegno pubblico su questo tema è molto ben eseguito”.

Il deputato verde Chlöe Swarbrick ha affermato che si stanno ancora lavorando su altri aspetti di come si svolgerà il referendum.

“La prima cosa che dobbiamo considerare è se mettiamo la legislazione davanti alla Camera dei Rappresentanti, che sarà innescata dalla soglia che può essere data a quel referendum”.

“Stiamo ancora lavorando su questo, quindi stiamo lavorando con le altre parti di governo e all’interno della nostra caucus di discernere ciò che il miglior modo di agire , “ ha detto la signora Swarbrick.

Stefano Auditore Armanasco

Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio (MI), il 12/02/1986.

Mail: direzione@freeweed.it

(Visited 60 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutube

Commenti

LEAVE A COMMENT