Nuovo Studio: Cannabis efficace nel trattamento della Depressione

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Un nuovo studio sulla rivista Neurofarmacologia sta dimostrando ancora una volta in quanti modi diversi la cannabis possa interagire positivamente con il nostro corpo. Sappiamo già di diverse condizioni fisiche che si possono trattare, ad esempio le crisi epilettiche, la malattia di Crohn ed il dolore neuropatico, ma la cannabis sta anche mostrando promesse per il trattamento della depressione.

I ricercatori della Universidad de Cantabria si concentrati su cannabidiolo (CBD), un componente non psicoattivo della cannabis, trovando che il CBD è ad azione rapida con effetti antidepressivi che possono essere sostenuti con dosi continue.

“I nostri risultati dimostrano che il CBD esercita effetti antidepressivi simili veloci e mantenuti come dimostra l’inversione dell’iperattività OBX-indotta e anedonia …

In conclusione, i nostri risultati indicano che il CBD potrebbe rappresentare un potente e veloce antidepressivo, migliorando la via serotoninergica di segnalazione corticale attraverso un meccanismo dipendente dal recettore 5-HT1A. “

Gli scienziati hanno usato un metodo consolidato di ricerca sui topi, che hanno dimostrato essere un modello accurato per la depressione umana, permettendo lo studio delle cause biologiche e dei potenziali trattamenti. Hanno scoperto che il CBD ha agito invertendo i sintomi della depressione causando un aumento del rilascio di serotonina e glutammato.

“I topi con la chirurgia OBX hanno mostrato una significativa riduzione dei sintomi di iperattività 30 minuti dopo che il CBD è stato somministrato, in confronto ai topi a cui è stato dato un placebo. La somministrazione giornaliera continuata del CBD è stata trovata per invertire completamente gli effetti della chirurgia OBX sulla perdita di interesse per lo zucchero, dopo una settimana. L’esame dell’attività chimica nel cervello dei topi ha indicato che il CBD ha causato aumento del rilascio di serotonina e glutammato.

Il rilascio di glutammato è stato influenzato in modo forte in tutti i topi che hanno ricevuto CBD, sia subito dopo la prima dose e dopo settimane di somministrazione ripetuta. L’impatto sulla serotonina era più sottile dopo la prima dose, ed è persistito nel tempo solo nei topi che hanno avuto un intervento chirurgico OBX, suggerendo che questo cambiamento può essere verificato solo in risposta alle condizioni di depressione, come nel cervello dei topi. – PsyPost.org

Come abbiamo riportato il mese scorso , gli antidepressivi chimici possono essere causa di un aumento dei suicidi, e gli spacciatori di pillole sostenuti dal governo stanno cercando di nascondere questi effetti distruttivi. Questo nuovo studio porta più di una cattiva notizia per Big Pharma, ossia come il CBD potrebbe rivelarsi più efficace rispetto ai loro prodotti noti e brevettati.
Fonte: TheFreeThoughtProject

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 427 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Vai alla barra degli strumenti