In Olanda è in votazione una legge che regolamenterebbe la coltivazione e la vendita per i negozi

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

I legislatori Olandesi Martedì hanno votato a favore di una legge che tolleri la coltivazione di cannabis, una mossa che potrebbe portare a termine un paradosso fondamentale della politica olandese sulla cannabis e l’hashish.

L’acquisto di piccole quantità nei cosiddetti coffee shop è stata a lungo tollerata nei Paesi Bassi, ma la coltivazione e la vendita è rimasta illegale.

Questo non ha smesso dopo la liberalizzazione delle leggi negli anni Settanta, e sta diventando una carta di attrazione turistica, in particolare ad Amsterdam, dove i turisti visitano spesso i caffè per rilassarsi nella loro gita.

Una stretta maggioranza nella camera bassa del Parlamento olandese ha votato a favore della nuova legge che permetterà di estendere la tolleranza ai coltivatori così come ai fumatori.

Tuttavia il disegno di legge deve ancora essere approvato nella camera alta, conosciuta come la prima sezione, in cui non è chiaro se troverà una maggioranza.

Un manifestante dal Belgio con una foglia di marijuana dipinta sul suo volto fuma uno spinello di marijuana ad Amsterdam durante una protesta contro un piano del governo per fermare gli stranieri di acquistare marijuana nei Paesi Bassi
Un manifestante dal Belgio con una foglia di marijuana dipinta sul suo volto fuma uno spinello di marijuana ad Amsterdam durante una protesta contro un piano del governo per fermare gli stranieri dall’acquistare marijuana nei Paesi Bassi CREDIT: AP

I voti nella camera alta non sono ancora sufficienti, dunque, e ciò significa che la questione potrebbe diventare merce di scambio nelle discussioni per formare una nuova coalizione dopo il 15 marzo, quando avverrà l’elezione della Camera bassa olandese.

Sembra però essere in grado di contare su una risicata maggioranza di 76 voti, secondo il Telegraaf.

Questa maggioranza stretta è il risultato di anni di dibattiti politici in materia. La dello scorso anno, quando i parlamentari Louis Bontes e Joram van Klaveren di VNL hanno espresso il loro sostegno.

Ciò significa che, se tutte le parti votano come hanno detto che avrebbero votato, la D66, PvdA, SP, GroenLinks, , PvdD e VNL voteranno per la legge. Invece VVD, CDA, PV, ChristenUnie e SGP voteranno contro.

La legge è ufficialmente chiamata “Closed Coffeeshop Chain Act” –  legge catena chiusa dei Coffeeshop.

Essa afferma che i coltivatori professionisti che tengono una serie di condizioni rigorose possono ricevere il rilascio di un permesso per coltivare la cannabis. Questo significa che non potranno essere penalmente perseguiti per il loro raccolto di cannabis.

I sostenitori della legge sperano che possa ridurre il 

Nonostante l’incertezza, i venditori e coltivatori hanno accolto con favore il voto.

“E’ una buona notizia per l’industria perché sarà finalmente – se passa nella Prima Sezione – la parola fine su un sacco di cose, non siamo in grado di organizzare in modo normale e trasparente”, ha detto Joachim Helms, presidente del Coffee shop Union.

La marijuana viene visualizzato presso la caffetteria Green House di Amsterdam
Cannabis presso la caffetteria Green House di Amsterdam CREDIT:AP

Un capo del voto, Alexander Pechtold, leader del partito D66, che ha elaborato la legislazione, ha detto che questa misura consentirebbe controlli di qualità sulle colture di cannabis, libererebbe la polizia e consentirebbe alle autorità di imporre tasse sulla grande industria in crescita.

In seguito ha definito questo voto come “una svolta storica”.

 

FONTE: TELEGRAPH

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 662 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Vai alla barra degli strumenti