Ecco perchè la Cannabis agisce su ciascuno in modo differente ed il suo rapporto con il nostro DNA

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Perché tracce di cannabis rimangono nel corpo di alcune persone per giorni e in altri per settimane? Perché alcune persone sviluppano “sintomi” da cannabis e altri no? Perché alcune persone provano “vertigini” mentre altri possono fumare tutto il giorno? In che modo il nostro DNA influisce su tutto questo? 

La scienza inizia ad avere risposte.

Alcune variazioni nel gene CYP2C9 possono causare fino a 3 volte la differenza nell’assorbimento del cannabinoide psicoattivo THC nel corpo umano. Gli studi hanno dimostrato che questa cifra può spiegare la differenza tra coloro che sono facilmente “sotto effetto” di cannabis e quelli che ne hanno meno probabilità.

Inoltre il gene può prevedere per quanto tempo la cannabis rimarrà nel corpo e per quanto tempo una persona dovrà aspettare dopo aver fumato cannabis per sottoporsi a un test delle urine di successo.

Probabilmente con determinate variabili genetiche ci vogliono solo pochi giorni per eliminare la molecola pertinente dal sistema, mentre per altri ci vogliono fino a 30 giorni o più.

 

Mappatura del genoma umano: una rivoluzione sanitaria personalizzata

Il panorama del mondo della medicina e della qualità della vita si muove lentamente e silenziosamente verso un cambiamento radicale.

Dal momento che gli scienziati sono stati in grado di mappare il genoma umano nel 2003, decine di migliaia di studi e in modi diversi, indicano la stessa conclusione:

Il metabolismo di ogni persona è unico.

I consigli nutrizionali dati alle persone in generale o l’uso di farmaci identici per tutti, semplicemente non corrispondono alle innumerevoli differenze tra i corpi delle persone e il loro modo di lavorare.

 

CYP2C9: THC Terminator

CYP2C9 è un gene che contiene istruzioni per la costruzione di un enzima noto anche come CYP2C9. Questo processo nel corpo avviene per l’azione del fegato e del sistema digestivo. Questo enzima fa parte degli enzimi del citocromo P-450.

La famiglia del citocromo P-450 è la prima fase delle molecole di detossificazione del corpo.




Ciò significa che gli enzimi di questa famiglia sono responsabili della prima fase di decomposizione o metabolismo. Gli enzimi del citocromo P-450 sono responsabili dell’assorbimento e della decomposizione di qualsiasi cosa, dai farmaci da prescrizione al fumo inalato agli ormoni come gli estrogeni prodotti dal nostro corpo.

La struttura chimica dell’enzima CYP2C9 è perfettamente compatibile con la struttura chimica del THC, la principale molecola psicoattiva della cannabis.

Quando il THC circola nel corpo e incontra il CYP2C9, l’enzima lo converte chimicamente in altre molecole.

Quando una sostanza cambia in tal modo, la molecola risultante viene chiamata metabolita.

Il seguente grafico mostra il cambiamento chimico causato da CYP2C9. Come potete vedere, questo è un processo in due fasi in cui il THC diventa un metabolita non psicoattivo chiamato THC-COOH. Non è necessario acquisire familiarità con la struttura chimica per comprendere il processo, basta ricordare che CYP2C9 converte il THC in THC-COOH.

Secondo questa immagine, si può capire che una quantità maggiore o minore di CYP2C9 può anche alterare la quantità di THC assorbita nel corpo dopo l’uso di cannabis.

 

Polimorfismo genetico: cosa ti rende? 

Quindi, come avrai intuito, non tutti hanno la stessa “versione” del gene CYP2C9.

Proprio come una persona ha variazioni genetiche che rendono gli occhi blu o marroni, ogni persona ha variazioni del gene CYP2C9 che crea il proprio metabolismo unico.

Queste variazioni sono chiamate “polimorfismo a singolo nucleotide” (SNP).




Puoi leggere maggiori informazioni su SNP in  Wikipedia  , ma per gli scopi di questo articolo è sufficiente sapere che:

-SNP sono i cambiamenti più comuni nei geni, ma non sono mutazioni.
-I rami sono identificati con il numero “rs”. Ad esempio, rs1057910 ci dice esattamente dove si trova l’SNP nel DNA.
-‘SNP ‘significa una lettera nella sequenza del DNA che varia da persona a persona.
-Tipo L’allele E di una persona implica la versione del SNP che ha avuto. Di solito è mostrato in due lettere, ad esempio, AA o AT

Nell’immagine sopra, la “C” nell’esempio 1 è sostituita dalla “T” nell’esempio 2. Questo è SNP.

È noto che il gruppo degli enzimi del citocromo P-450 contiene molti “rami”, o variazioni, che cambiano la funzione di ciascun enzima.

Ad esempio, è noto che alcuni rami del gene CYP2D6 causano reazioni avverse agli antidepressivi SSRI.

L’SNP del gene CYP1A2, ad esempio, ha un effetto significativo sul tempo necessario per abbattere la caffeina.




Questo SNP è anche associato a un rischio fino a 4 volte di causare ipertensione e infarto a causa dell’assunzione eccessiva di caffeina.

Le cose sono piuttosto importanti, vero?

Pertanto, gli scienziati hanno pensato che sarebbe una buona idea verificare se uno degli SNP nel gene CYP2C9 cambia il modo in cui abbattiamo il THC in un modo o nell’altro.

 

Gli Studi

Il primo studio sulla farmacocinetica (una parola che descrive come i geni influenzano il metabolismo del farmaco) del THC e CYP2C9 è stato eseguito nel 2005.

Questo studio è stato eseguito con gli enzimi in una capsula di Petri, non negli esseri umani.

Tuttavia, è stato riscontrato che la variante enzimatica nel corpo CYP2C9 versione 3 era del 30% meno efficace nella scomposizione del THC rispetto alla versione 1 di CYP2C9 *.

Se questo sembra un po’ confuso, è importante sapere che in questo studio di laboratorio in una capsula di Petri è stato riscontrato che una versione dell’enzima era del 30% meno efficace nell’abbattere il THC rispetto ad un’altra.

Dal momento che il processo non viene svolto negli esseri umani, sorge la domanda: questa differenza si percepirà anche nell’impatto sul corpo umano?

 

CYP2C9 nell’uomo

Uno studio clinico condotto nel 2009 ha risposto a questa domanda con un assoluto sì.

Quarantatré volontari sani hanno ricevuto 15 mg di THC per uso orale e i metaboliti di THC e 11-OH-THC e THC-COOH sono stati misurati nel tempo e alla fine hanno riportato la loro risposta soggettiva.

Si scopre che per ogni “C allele” che qualcuno porta nel proprio corpo, l’enzima CYP2C9 diventa meno attivo quando il THC viene “scomposto”.

In altre parole, i vettori CC avevano una media di 3 volte la quantità di THC nel loro sistema rispetto ai vettori AA.

I vettori CA avevano fino a 2 volte più THC dei vettori AA.

Questo può essere visto chiaramente nel seguente diagramma nella prima colonna a sinistra:

Ecco un altro modo per dimostrarlo, con i livelli di THC nel sangue nel tempo:

Di conseguenza, poiché il THC è convertito, come indicato dall’enzima in THC-COOH, i vettori CC avevano in media il 15% di questo metabolita inattivo nel loro sistema, rispetto ai vettori AA. 

Questo può essere visto abbastanza chiaramente all’estrema destra del primo diagramma sopra (CYP2C9 Alleles).




Ora diventa molto interessante: il metabolita THC COOH è quello che viene cercato nei test delle urine per trovare residui di cannabis e per aiutare a determinare se qualcuno ha fumato la cannabis di recente. Presto arriveremo a quello.

 

CYP2C9 e il suo effetto

I portatori CC hanno riportato nello stesso studio un effetto più lungo dopo il consumo di THC, come mostrato nel grafico sottostante.

I partecipanti allo studio hanno riportato la loro esperienza soggettiva per 3 giorni e, come potete vedere, i vettori CC hanno mostrato un significativo aumento del THC dopo 72 ore.

Poiché questo studio è stato condotto attraverso l’assorbimento orale della cannabis, è importante ricordare e prendere nota delle differenze tra fumare cannabis e mangiarla.

Durante il consumo di THC, il processo di decomposizione del THC inizia nell’intestino, e quando si inala fumo il CYPC29 inizia a svolgere il suo lavoro ma ha meno influenza sull’intensità del “massimo”, ma la stessa durata.

C’è molto altro da esplorare in quest’area, ad esempio, diversi metodi di fumo in combinazione con CYP2C9 o in combinazione con altri geni.

L’elenco continua, con la speranza che un clima di ricerca più rilassato intorno alla cannabis per i prossimi anni produrrà studi interessanti e utili.

 

CYP2C9 e test anti-droga

Contrariamente alla credenza popolare, il THC non rimane nel tuo sistema per molto tempo.

I Test eseguiti stanno cercando il metabolita THC-COOH, che di solito viene lasciato nel corpo per circa 30 giorni, a meno che non si disponga della versione CC di CYP2C9, che ne facilita lo smaltimento, poiché poche quantità di THC vengono convertite in THC-COOH nei vettori CC.

Sembra, quindi, che i vettori CC possano superare in sicurezza un test antidroga dopo alcuni giorni dall’uso di cannabis, rispetto ai portatori di AA in cui può essere trovato anche dopo 30 giorni o più.

Il grafico seguente mostra la quantità di THC-COOH che si trova nei vettori CC:

 

Ora puoi chiedertelo: “Se questa ricerca è stata fatta nel 2009, perché l’ho scoperto oggi?” Bella domanda.

Guardiamo il lato positivo: il costo che avresti dovuto pagare per ottenere la tua sequenza di DNA nel 2009 era più di $ 1000 (circa).

Ora puoi ottenere la sequenza del genoma  solo per $ 99. Quando hai questa conoscenza, è molto più interessante se puoi davvero usarla.

 

Come posso sapere quale variabile di CYP2C9 ho? 

Se hai acquistato il kit suggerito dal link (https://www.23andme.com/en-int/ – Sito Esterno), puoi cercare la versione di CYP2C9 cercando ‘rs1057910’ nell’account sul sito Web della società, quindi otterrai la sua versione: AA, AC o CC.

Ecco un breve riassunto delle varie versioni:

AA: l’enzima CYP2C9 più efficace. Elimina il THC in modo completo e veloce ed è probabile che abbia l’effetto THC più basso, cioè una minore intensità dell’high e per un periodo di tempo più breve. Le tracce nelle urine rimangono per più tempo.
AC – Efficienza media con eliminazione di THC. Trovato tra AA e CC.
CC: l’enzima CYP2C9 meno efficace. Non puoi rompere il THC. Coloro nei cui DNA vi è questo enzima possono sperimentare un forte effetto del THC e per un periodo di tempo più lungo, mentre nelle urine i residui vengono smaltiti rapidamente.

 

Cos’altro può fare CYP2C9? 

Il THC non è l’unica cosa che è influenzata dal CYP2C9.

Gli anticoagulanti come il warfarin e i farmaci antinfiammatori come l’ibuprofene sono alcune delle altre sostanze che aiutano ad abbattere.

Infatti lo scarso metabolismo di CYP2C9 è stato  trovato nello studio come possibile aumento del rischio di sanguinamento intestinale dovuto all’uso di ibuprofene. Questo è vitale e importante da conoscere, indipendentemente dall’uso di cannabis.

CYP2C9 è l’unico fattore che influenza il “massimo” della cannabis?

La risposta a questa domanda è un “no” molto chiaro.

Questo è solo uno dei tanti fattori che influenzano la tua risposta alla cannabis.

Mentre questo studio è significativo, questo è solo l’inizio di una comprensione delle complesse dinamiche del soggetto.

Ad esempio, ci sono altri “rami” (SNP) nello stesso gene che possono ulteriormente incidere sull’efficienza del CYP2C9.

Come puoi vedere nelle tabelle precedenti, c’è anche una differenza nei dati tra gli operatori della stessa versione.

La rottura del THC da parte del gene è solo una piccola parte di come il tuo corpo risponde alla cannabis.

-Per esempio, l’SNP in un gene chiamato FAAH influenza la brama del tabacco dopo la cessazione del fumo e le risposte neurologiche al consumo di cannabis.
-Un gene chiamato COMT colpisce SNP nel modo in cui la sua memoria a breve termine viene danneggiata dopo aver fumato la pianta. Una versione mostrava in media il 40% in più di successo rispetto ai dati di un’altra versione di test cognitivi.
-Nel gene SLC66A, l’SNP influisce meglio o meno sulle capacità decisionali dopo l’assunzione di THC. In combinazione con il gene COMT, si scopre che predice se funzionerà meglio o peggio sotto influenza.
-In un gene chiamato PENK, i rami sono legati al livello di probabilità di sviluppare la dipendenza dalla cannabis.
-I rami in ATK1, CNR1 e ABCB1 sono associati ad un maggiore o minore rischio di sintomi negativi dopo l’uso di cannabis.

Di: David Krantz

Stefano Auditore Armanasco

Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio (MI), il 12/02/1986.

Mail: direzione@freeweed.it

(Visited 772 times, 2 visits today)
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutube

Commenti

LEAVE A COMMENT