Perchè l’Europa non può legalizzare la Cannabis come negli USA?

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Gli attivisti per la cannabis libera in tutto il mondo stanno guardando le misure di legalizzazione in nove stati americani in questa stagione elettorale con una certa invidia.

Oltre alla Svizzera, nessun paese europeo ha disposizioni che consentono agli elettori di modificare direttamente le leggi attraverso un’iniziativa elettorale, come molti stati americani invece fanno.

Questo è un grande motivo per cui la politica intorno alla legalizzazione è così diversa in Europa.

In quale altro modo si suppone di risolvere un problema se la maggior parte dei politici non vogliono toccare i cittadini e farli partecipare?

Quasi ogni pietra miliare nel movimento della legalizzazione negli Stati Uniti è venuto a seguito di un’iniziativa degli elettori.

Una misura della California nel 1996 ha istituito il primo programma di marijuana medica del paese, e le iniziative sono responsabili per la legalizzazione in ogni stato in cui esiste.

Mentre in alcuni paesi europei, come il Regno Unito e nei Paesi Bassi, che consentono i referendum, i risultati di tali voti non sono giuridicamente vincolanti; sono solo consigli ai legislatori.

C’è una amara ironia in questo processo: E’ stato negli Stati Uniti che si è iniziata la guerra sulla cannabis e da li si è esportata al resto del mondo, e sarà negli Stati Uniti dove si concluderà per prima.

Questo rende il lavoro degli attivisti europei per la cannabis ben diverso da quello dei loro omologhi americani.

Per ottenere una proposta per la cannabis sulla scheda elettorale, gli attivisti americani hanno prima da spendere un sacco di tempo e di denaro per raccogliere firme sufficienti solo per qualificare la misura per il ballottaggio. Poi viene la campagna e gli sforzi per ottenere il voto.

In Europa questo non è possibile, anche se si potrebbe chiamare a raccolta le firme del 99 per cento della popolazione, non c’è ancora alcuna garanzia che qualcosa cambierà.

I Paesi Bassi sono un buon esempio: I sondaggi mostrano un impressionante 70 per cento di sostegno per la legalizzazione- con solidi 10 punti in più rispetto agli Stati Uniti – ma il governo si rifiuta di acconsentire anche ad esperimenti limitati con la coltivazione regolamentata per i coffeeshop del paese.

La mancanza di forze di democrazia diretta per gli attivisti europei spinge a concentrarsi maggiormente sul lobbying direttamente ai politici e fornendo punti di media con prove a sostegno della modifica.

Quasi ogni passo verso la riforma della politica sulla cannabis in Europa è stato il risultato di tipo bottom-up, iniziative su piccola scala, per la maggior parte a partire nelle grandi città. Come i coffeeshops che hanno iniziato proprio nei Paesi Bassi nel 1970 e come il movimento della cannabis club sociale è cominciato in Spagna negli anni ’90.

Un altro percorso di cambiamento possibile è attraverso i tribunali, come nel caso del paziente tedesco Michael F. che dopo una battaglia legale di 16 anni ha ricevuto il permesso di coltivare la cannabis medica nella sua casa.

Il caso ha spinto le autorità tedesche ad introdurre una legislazione sulla cannabis medicinale nel 2017.

Nonostante le differenze, una cosa è certa: l’8 novembre sarà un momento di svolta per la riforma della cannabis, non solo negli Stati Uniti, ma a livello globale.

Il presidente Obama aveva ragione quando ha detto che il divietro federale sulla cannabis “non sarà sostenibile”, se i cinque stati con “l’uso per gli adulti” sul voto a scrutinio vincerà con il sì.

Il muro del divieto forse non cadrà durante la notte, ma sicuramente si sta sgretolando.

 

FONTE: LEAFLY

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 2.227 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Visit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On Google Plus
Vai alla barra degli strumenti