Presentata in Regione Veneto la Proposta Collettiva di Riforma Normativa per la Regolamentazione della Cannabis

122 Condivisioni

Grazie al supporto operativo dell’Attivista Elia Barban è stata presentata la Proposta Collettiva di Riforma Normativa per la Regolamentazione della Cannabis alla Regione Veneto, presso la 3° Commissione Regionale.

Riportiamo parte del discorso affrontato durante la discussione in Regione:

La proposta di FREEWEED da me presentata è una provocazione personale a
TUTTO il mondo politico regionale e non, poichè esso è ancora spaventato
dal mostro THC, che anche il Dottor Grassi ieri ha ribadito come sia questo
il vero problema per uno sviluppo totale della filiera di canapain Italia e
sopratutto in Veneto.

L’arretratezza del pensiero sociale e politico portando sempre ad associare
termine cannabis o canapa con i termini dispregiati quali marijuana
stupefacente e droga crea solo che odio e rischia di creare ancor piu un
divario tra la politica e la società.

Gli ultimi interventi dell’assessore Donazzan in Veneto,  prima cercando di
bloccare l’evento fieristico Canapadua tenutosi a Bassano del Grappa e poi
con la conferenza stampa con Giovanardi degli scorsi giorni, laddove hanno
commesso dei reati che sto pensando di denunciare, infatti le piantine
sopra al tavolo non sono come dichiarato dall’assessore Donazzan varietà di
cannabis sativa Veneta ma trattasi di varietà Romena Silvana, potrei
denunciarla per acquisto illegale e mancanza di possesso dei requisiti
previsti dalla legge ovvero Ricevuta Fiscale e Cartellino di Certificazione
della pianta, a fronte di questi ripetuti attacchi e la mancanza di potersi
difendere davanti agli abusi di potere politici ha fatto si che portassi a
presentare la proposta di FREEWEED per una completa legalizzazione della
cannabis.

La proposta è stata anche presentata a livello nazionale al ministro della
giustizia Alfonso Buonafede

http://freeweed.it/lassociazione-freeweed-invia-
la-proposta-collettiva-sulla-cannabis-al-ministro-della-
giustizia-alfonso-bonafede/

La situazione della canapa in Italia è vista dal mondo che ci osserva come
paleolitica e completamente fuori controllo.

A livello Internazionale l’OMS ha dichiarato che dovrà rivedere in toto la
posizione della cannabis e che il THC dovrà trovare una nuova collocazione
poichè tutti gli studi nel campo della medicina e dell’industria portano a
valorizzare questa coltivazione non ritendola una minaccia per l’uoma ed
anzi valorizzandone il magnifico rapporto di interazione con il nostro
sistema endocannabinoide.

VEDi LINK

http://freeweed.it/lorganizzazione-mondiale-della-sanita-sta-valutando-lo-
status-della-cannabis-a-livello-internazionale/

A livello mondiale il Canada come primo paese del G7 ha liberalizzato e
legalizzato la coltivazione e i vari usi della cannabis, ponendosi anche
l’interrogativo sul termine marijuana chiedendone l’eliminazione dai
vocabolari.

In America dalla legalizzazione della cannabis ad uso medico si è passato
successivamente alla liberalizzazione per uso ricreativo per arrivare ad
oggi e parlare di cannabis a livello industriale, questa azione politica fa
capire come in un paese sviluppato come gli USA si temi la forza di impiego
di questa pianta che come dimostrò Henry Ford , costruendo un’auto
completamente fatta di canapa dai materiali esterni ai rivestimenti interni
per finire con la combustione di olio di canapa per il suo funzionamento,
talepotenza di impiego poteva e potrà dare una rivoluzione alla vita di
ognuno di noi.

 

Approfondimento:  Il Congresso degli Stati Uniti mette fine al divieto federale sulla Cannabis Medica

All’interno della stessa riunione sono state presentate le proposte per la filiera del Gruppo Canapa Sativa Italia

Stefano Auditore Armanasco

Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio (MI), il 12/02/1986.

Approfondimento:  Ennesimo Rinvio: La proposta di legge "Cannabis Legale" verrà discussa forse ad Ottobre

Mail: direzione@freeweed.it

(Visited 446 times, 1 visits today)
Trovi interessante questa notizia?

Commenti

LEAVE A COMMENT