Il Primo Cannabis Social Club Olandese

randello sociale del futuro

L’espansione dei Cannabis Social Club (‘CSC’) in tutta Europa continua.

Il sistema CSC è probabilmente di maggior successo in Spagna, dove centinaia di club apertamente forniscono cannabis ai membri adulti. Ma vediamo club simili in Belgio, Repubblica (e ora l’Olanda), tutte azioni sulla base della coltivazione di cannabis per i membri su base non-profit.

 

L’Amsterdam CSC è pronto a coltivare cannabis biologica e di qualità per uso medico e ricreativo.

Tutti i membri devono essere maggiori di 21 anni e vivere localmente, e saranno anche intervistati prima di diventare membri. Perché l’Amsterdam CSC non è aperto ai turisti e sicuramente non è in concorrenza con i Coffeeshop di Amsterdam, né è una sfida per loro. Tuttavia l’Amsterdam CSC è una sfida importante per le autorità.

mila jansen

Nella foto Mila Jansen, Vicepresidente del CSC di Amsterdam

Vice Presidente dell’ Amsterdam Cannabis Social Club è Mila Jansen, un personaggio ben noto nel mondo della cannabis grazie al suo lavoro pionieristico nelle tecniche di produzione di hashish. Oggi lavora nella sua Società Pollinator  .

L’arrivo del primo CSC olandese potrebbe presentare un problema per le autorità. Le autorità cercheranno di evitare che il CSC venga fondato?

L’Amsterdam CSC ha portato alcuni problemi legali scomode alle autorità in quanto comporterà sul piano giuridico la produzione e distribuzione di cannabis ai suoi membri. Fino ad ora non è stato mai provato prima. In Olanda ci sono circa 600 caffetterie regolamentate che possono vendere cannabis apertamente, ma fino ad oggi la produzione legale non è stata permessa dalla autorità. La sua un’anomalia ridicola che è arrivata dopo molti anni di abbandono politico. L’arrivo del primo CSC crea quindi un problema di disagio che le autorità non possono più evitare e devono ora affrontare. L’Amsterdam CSC si concentrerà sulla produzione di piccole quantità di cannabis solo per consumatori, con particolare attenzione alla cannabis di qualità e alla gestione del CSC in modo professionale. Le quote associative saranno utilizzate per investire nella migliore qualità e garantire che il CSC abbia la giusta rappresentanza legale.

csc logo

Sopra, il ‘Tree Of Life’ , il logo per l’Amsterdam Cannabis Social Club. L’attenzione sarà focalizzata sulla qualità della cannabis, con coltivazione etica e biologica.

Mazar

 

Joep Oomen,coordinatore Encod, riassume nei sui commenti la situazione politica che il CSC ha creato:

“Fondato nel settembre di quest’anno, il CSC costituisce una grande sfida per le autorità municipali, che sono ora di fronte ad un dilemma:  agiscono contro il club con circa 25 membri per creare una situazione ridicola, dal momento che già in Amsterdam ci sono centinaia di coffeeshops che ottengono la loro cannabis dal mercato illegale?

Oppure tollerare la loro esistenza mettendosi in conflitto con il ministro della Giustizia Ivo Opstelten, che sta opponendo una attenuazione della politica restrittiva verso la coltivazione di cannabis? “.

The Ultimate

Sopra, ‘The Ultimate’, una varietà nel menu del club sociale

Qui di seguito, un menù tipico di un club sociale spagnolo, con una varietà di opzioni. Prezzi in euro per grammo

menu

 

Le autorità dovranno decidere che cosa fare dunque del nuovo CSC.

Il lato positivo del CSC è che funzionerà solo per i membri adulti e che sarà senza scopo di lucro.

Sarà difficile opporsi ad esso, in particolare quando sono consentiti i Coffee Shop. Se le autorità olandesi abbracceranno il modello di Cannabis Social Club si andrà a completare il sistema dei coffeeshop. Il modello di Cannabis Social Club sembra avere l’appoggio di alcuni dei partiti politici più progressisti come il partito D66 che vogliono vedere una maggiore regolamentazione e meno opportunità per la criminalità di fiorire nel settore della cannabis. Gli Stati Uniti hanno mostrato al mondo che la regolamentazione della cannabis realmente funziona e non è niente di cui aver paura.

E chi lo sa, l’Amsterdam CSC potrebbe essere per l’Olanda il primo esempio di produzione di cannabis legale e di distribuzione. E se questo accade allora potrebbe segnare una nuova era per la regolamentazione della cannabis, basata sulla logica e correttezza, piuttosto che su una politica di proibizione che serve e protegge solo i criminali.

 

Fonte: DutchPassion

Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 384 times, 1 visits today)

Commenti

LEAVE A COMMENT