Quanto THC c’è in una “canna”? Una formula prova a misurarlo

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Molti fattori entrano in gioco quando si tratta di sapere quale precisa dose di tetraidrocannabinolo (THC) si sta prendendo ogni tiro di cannabis. Tuttavia con i calcoli sviluppati dal laboratorio americano “The Shop Werc” possiamo controllare l’uso che facciamo di questo cannabinoide psicoattivo.

Certo, in più di una occasione, si è voluto sapere quanto THC si consuma nella canna che stiamo aspirando. Anche se non è facile da scoprire con certezza, siamo in grado di conoscere una cifra approssimativa grazie al laboratorio indipendente che si trova a Los Angeles, che ha condotto la ricerca ” la conversione e il trasferimento dei cannabinoidi dalla cannabis al fumare sigarette di cannabis ” .

I ricercatori prendono in considerazione tutto il processo di consumo. Pertanto è fondamentale da notare il processo di decarbossilazione  che si verifica durante la combustione. Questa reazione chimica avviene negli acidi carbossilici dell’erba, che rendono il THCA in THC.

In base a questo si calcola il THC reale attraverso questa formula proposta dal laboratorio Werc:

THC massimo = THC (%) + THCA(%) / 358,48 x 314,47

Seguendo l’esempio utilizzato nella pubblicazione ‘The Cannabist’ con piante di Kush e il suo indice di THCA 15%, e omettendo la quantità di THC, perché non sappiamo con certezza se presente nella spirale  o l’effetto sarà solo il frutto della conversione mediante decarbossilazione, come nella maggior parte dei casi.

Così noi calcoliamo:

THC massimo = 0   +    15    /   358,48 x 314,47 = 13,16% di THC massimo

Da qui siamo in grado di sapere quanto THC attuale: Per fare questo, prima, arrotondiamo l’ammontare al 13% e calcoliamo quanti milligrammi di THC saranno in 1000 milligrammi (1 grammo) di cannabis.

13 x 1000 = 130 milligrammi di THC

Questo sarebbe l’importo che ci troviamo in un grammo di cannabis.

Tuttavia questo valore non sarà uguale come alla fine di fumare.

I fattori che influenzano la dose di THC.

Uno studio condotto dal Dipartimento di Psichiatria presso l’Università del North Carolina sviluppato nel 1990 sotto il nome di ” fumare marijuana: i fattori che influenzano la biodisponibilità di tetraidrocannabinolo ” ha sottolineato che è difficile sapere esattamente la quantità di THC consumato, dal momento che una grande quantità si perde durante la combustione. Secondo il professor Mario Perez-Reyes, coordinatore della ricerca, tra il 40% e il 50% di THC si perde nel fumo.

 

Oltre a questo, influenzano anche altre ragioni quali le differenze fisiologiche di ogni persona.

Jeff Rabber, CEO di Werc, afferma che si deve anche prendere in considerazione il modo in cui si fuma, quanto e per quanto tempo si inala, ecc.

La presenza di THC non sembra essere costante per tutto il consumo della canna, dice Rabber. “Come il giunto sta bruciando, il THC viene condensato alla fine ed i livelli di THC sono leggermente superiori nella seconda metà del giunto. Ogni soffio non è uguale “, dice.

 

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 116 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Visit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On Google Plus
Vai alla barra degli strumenti