Raid Federale in California contro le coltivazioni illecite della Mafia Cinese

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

La California è ora sede del più grande mercato di cannabis regolamentato legale sul pianeta.

Ma massicci raid federali vicino a Sacramento questa settimana servono a ricordare che lo stato è ancora sede di un enorme mercato senza licenza e senza regole.

Più di 100 proprietà a Sacramento e dintorni, finanziate da società cinesi, sono considerate parte di una operazione di coltivazione illegale.

Il 3 e il 4 aprile centinaia di agenti federali e agenti delle forze dell’ordine locali sono scesi in 74 case nella regione di Sacramento e hanno intentato azioni di confisca civile contro più di 100 proprietà, in quello che è stato definito uno dei più grandi sforzi di confisca nella storia della nazione.

Secondo il procuratore degli Stati Uniti per il distretto orientale della California, le incursioni e gli arresti di questa settimana hanno preso di mira una vasta e meticolosamente organizzata rete di cannabis del mercato nero.

Secondo le autorità quella rete coinvolgeva milioni di dollari in trasferimenti di denaro sospetti dalla Cina, grandi acquisti di beni immobili in California e l’eliminazione di centinaia di case in quartieri suburbani o rurali tranquilli da utilizzare come stanze di coltivazione segrete. In definitiva, dicono le autorità, lo schema ha spedito enormi quantità di cannabis lontano dal mercato regolamentato della California ai distributori illeciti sulla costa orientale, dove la cannabis rimane in gran parte illegale.

‘Una piaga nelle nostre comunità’

“Queste case illegali sono una vera piaga nelle nostre comunità, portando con sé un aumento dei tassi di criminalità, danni ambientali, consumo straordinario di elettricità – e solo un luogo marcio e pessimo in cui vivere”, Scott McGregor, il procuratore degli Stati Uniti per il distretto orientale della California, ha detto in una conferenza stampa a Sacramento, annunciando le azioni di enforcement per mercoledì.

In una dichiarazione preparata a parte, McGregor ha denunciato “organizzazioni criminali, finanziate con denaro dalla Cina”, che permeano le comunità residenziali vicino a Sacramento. “La portata di questa operazione di contrasto invia un chiaro messaggio al crimine organizzato internazionale: esci dai nostri quartieri”.

L’operazione di questa settimana ha incluso i raid a Sacramento, la città di Elk Grove nella contea di Sacramento e le comunità nelle vicine contee di Placer, El Dorado, Amador, Calaveras, Yuba e San Joaquin. Gli agenti hanno sequestrato 61.050 piante e più di 440 libbre di fiori di cannabis, insieme a 15 pistole e $ 100.000.

Jeff Sessions denuncia la Mafia Cinese

L’annuncio dei raid su larga scala, che ha coinvolto oltre 500 agenti delle forze dell’ordine, è stato accompagnato da una dichiarazione del procuratore generale Jeff Sessions. Si diffondono “organizzazioni criminali transnazionali” per “tentare di imporre una falsa sovranità sui nostri quartieri”, ha detto Sessions, ed il governo federale cercherà di sequestrare decine di milioni di dollari in immobili della California ritenuti acquistati per coltivazione illecita come parte dell’operazione di traffico.

Sessions, che non è amico delle economie di cannabis regolamentate dallo stato , in particolare degli stati di uso legale per adulti come la California, non ha scelto né di denigrare né menzionare il settore della cannabis legale dello stato quando discute del caso della tratta.

Tuttavia McGregor ha specificato espressamente che i raid, inclusi alcuni in cui gli ufficiali usarono granate flash-bang per irrompere nelle case , non avevano alcun legame con il settore della cannabis autorizzato dalla California e che le autorità non stavano conducendo azioni che interferivano con le leggi sulla cannabis statale.

“Non ha assolutamente nulla a che fare con quello”, ha detto Scott. “Questo è illegale secondo la legge di nessuno.”

Influenza cinese nelle operazioni illecite

La regione di Sacramento per decenni ha attirato operazioni illecite di cannabis, a volte associate a reti di traffico cinesi o asiatiche , a causa della vicinanza dell’area a San Francisco, di diverse comunità etniche e di costi abitativi decisamente inferiori rispetto alla Bay Area.

Tredici immigrati dalla Cina sono stati arrestati in incursioni nei siti di coltivazione suburbana lo scorso settembre e altri 10, tra cui cittadini statunitensi e persone con passaporto cinese, sono stati arrestati nelle incursioni nella vicina contea di Yuba a marzo e maggio 2017.

I documenti del tribunale presentati nel caso di questa settimana descrivono un elaborato schema in cui gli acquirenti hanno acquistato case in California per conto di più investitori, completando spesso gli acquisti con denaro proveniente dalle banche in Cina. Le autorità federali hanno riferito di rintracciare 125 bonifici, per un totale di 6,3 milioni di dollari, per agevolare gli acquisti immobiliari, molti chiusi con acconti minimi di $ 5,000 a $ 10,000.

Il signor Yang compra 7 case

Secondo un deposito di confisca civile ottenuto da Leafly, un uomo dell’Ohio di nome Leonard Yang “ha utilizzato finanziamenti in denaro e decine di migliaia di dollari collegati agli Stati Uniti dalla Cina” per facilitare l’acquisizione di sette case nell’area di Sacramento che sono state tutte utilizzate illecitamente per coltivare cannabis senza autorizzazione.

Nel settembre 2015, Yang è stato incriminato per narcotici federali e accuse di riciclaggio di denaro. Circa 5.000 piante sono state sequestrate nelle sue case di Sacramento. Yang fu arrestato con $ 10.000 nella sua Cadillac, insieme a quattro apriporta di garage e chiavi di casa multiple.

Per una delle case legate a Yang, il presunto acquirente è stato identificato come una donna di 25 anni, Yan Bing Li. Secondo i documenti del tribunale, lei era l’acquirente quotato di una casa da $ 416.000 nel sobborgo di Elk Grove, avendo ottenuto un prestito basato su un guadagno di $ 5.000 al mese nella gestione di un negozio di liquori a Brooklyn, NY. Ma le autorità dicono che non ci sono prove di qualsiasi associazione con il negozio di liquori; ha lavorato per un ristorante in Texas.

$ 49.ooo per i viaggi

Tuttavia, l’avviso di sequestro ha detto che Li è stato in grado di assicurare l’acquisto della casa con l’aiuto di $ 48,999 cablato dalla Agricultural Bank of China. Il deposito ha detto che Yi aveva persino elencato il bonifico sulla sua dichiarazione dei redditi degli Stati Uniti del 2016 come fondi per “viaggiare”.

La zia di Li, Xiu Ping Li, elencata come proprietaria di un Sacramento, è nei guai più grossi. A giugno, è stata incriminata per accuse internazionali di riciclaggio di denaro che possono portare una pena fino a 20 anni nel carcere federale. È accusata di aver ricevuto tre bonifici da $ 48,985 ciascuno dalla China Construction Bank al suo conto Bank of America per facilitare altri acquisti immobiliari di Sacramento per coltivazioni illegali.

“Si è trattata di un’operazione su vasta scala, con milioni di dollari che arrivano negli Stati Uniti dalla Cina”, ha detto in una dichiarazione l’agente speciale dell’Assistente per il controllo delle entrate Cindy Chen in merito alle azioni federali di questa settimana. “Questa organizzazione criminale ha utilizzato denaro straniero per acquistare case e trasformarle in case di coltivazione di marijuana, tutto a costo dei quartieri innocenti”.

Stefano Auditore

Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 130 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutube

Commenti

LEAVE A COMMENT