Progetto FreeWeed - Legalizzazione Cannabis

Risultati preliminari dello Studio Israeliano: Cannabis rallenta lo sviluppo del cancro

La Cannabis è ben nota per i malati di cancro. Un gran numero di israeliani la ricevono come parte delle loro cure palliative per trattare i sintomi della malattia, dato che la cannabis è stata studiata per essere efficace per alleviare il dolore cronico, nausea e perdita di appetito.

Gli scienziati dell’Istituto Technion-Israel of Technology di Haifa stanno ricercando altre diverse possibilità per l’uso di cannabis per i malati di cancro – come il trattamento attivo contro lo sviluppo della malattia stessa. Uno studio di precedente impostazione ha esaminato come decine di ceppi di cannabis influenzano lo sviluppo e la crescita di centinaia di tipi di cellule tumorali.

Questo studio è uno dei primi segni di un nuovo approccio per l’uso della cannabis nel trattamento del cancro, che esamina se la pianta può aiutare a ritardare lo sviluppo di crescite cancerose – o addirittura eliminarle completamente.

I risultati preliminari, che sono stati trovati nelle prime settimane della ricerca, dimostrano che la cannabis è probabilmente efficace nel trattamento del cervello e della mammella.

Il Dr. David Meiri, un professore di aiuto nel reparto di biologia presso il Technion, sta conducendo il gruppo di ricerca del cancro. Meiri, il capo del Laboratorio di Technion di Biologia Cancro e Cannabinoid Research che ha fatto lavoro di post-dottorato presso l’Ontario Cancer Institute di Toronto, ha aperto il suo laboratorio nel Technion circa un anno fa.

Meiri si è specializzato nello studio del citoscheletro delle cellule, che è un componente critico del processo di divisione e del movimento delle cellule tumorali, e di tutte le cellule in generale. Meiri ha detto di aver cercato per tutti i tipi di materiali che riguardano la struttura della cellula nella sua ricerca a Toronto, e ha trovato la cannabis.

E più approfondiva, più si rendeva conto che c’era un enorme vuoto e la mancanza di conoscenze scientifiche sugli effetti della cannabis.

Ci sono pochi studi sulla cannabis ed il cancro al cervello, ha osservato. Meiri ha affrontato la cosa in due modi: Se la cannabis è in grado di fermare le cellule tumorali nel diventare virulente, e allo stesso tempo a studiare come la cannabis possa andare a combattere le stesse cellule tumorali – e possibilmente distruggerli.

Il collegamento tra la pianta di cannabis e la cura dei vari tipi di cancro è una domanda interessante di per sé, ma produce anche una distesa statistica quasi illimitata per lo studio. Oggi, gli scienziati stanno esaminando circa 50 diverse varietà della pianta prodotte in Israele, e studiando i suoi effetti su circa 200 diversi tipi di cellule tumorali.

Un’altra variabile deve essere preso in considerazione: la modalità di applicazione della cannabis, che può influenzare significativamente la sua efficacia. Anche se prendiamo la separazione più fondamentale tra le varietà della pianta, ancora non sappiamo come il modo in cui viene ingerita colpisca la cellula, dice Meiri. Prendete, per esempio, l’estratto di cannabis prodotto con etanolo rispetto a quello prodotto con l’anidride carbonica, dato che ci sono differenze tra le cellule di varie forme di cancro – in modo che il potenziale di ricerca diviene infinito – e questo è ciò che Meiri dice che lo attira rispetto al soggetto.

Accordi Farmaceutici sulla ricerca

Il progetto di ricerca è parte di un accordo congiunto di ricerca tra il Technion e Cannabics Pharmaceuticals, una compagnia farmaceutica americana emergente, firmato la scorsa settimana. Come si deduce dal nome, Cannabics è interessata a farmaci a base di cannabis e vende capsule di cannabis per i pazienti oncologici. Cannabics fornirà i vari ceppi di impianti per la ricerca. La società è quotata al banco negli Stati Uniti.

Il progetto di ricerca in collaborazione è destinata a sviluppare un sistema diagnostico che scherma le proprietà anti-cancro di principi attivi a base di cannabis. Questo sistema viene sfruttato per esplorare diversi tipi di cellule tumorali trattate con una moltitudine di combinazioni cannabinoidi.

“Vi è un ampio corpus di dati scientifici che indica che i cannabinoidi inibiscono specificamente crescita delle cellule tumorali e di promuovere la morte delle cellule del cancro”, ha spiegato Meiri. “Oltre ai cannabinoidi attivi, piante di cannabis contengono anche una moltitudine di altri agenti terapeutici, come terpenoidi e flavonoidi, che di solito sono presenti in piccole quantità, ma possono avere effetti terapeutici positivi, in particolare composti sinergici ai cannabinoidi.”

“I farmaci Cannabinoidi antitumorali potrebbero essere una terapia potente, senza gli effetti collaterali legati alla chemioterapia”, ha detto Dr.Eyal Ballan, lo scienziato capo di Cannabics. Tutti sono in attesa e stanno sperando in risultati significativi dalla ricerca, ha detto.

Una cura o una droga?

Il discorso medico sulla pianta di cannabis si muove tra due estremi: quelli che vedono come un farmaco miracoloso e attribuiscono numerose qualità mediche – talvolta basati solo su dati scientifici aneddotici e non – e quelli che ancora la vedono come una droga pericolosa e illegale con nocivi effetti in tutti i casi. La vera domanda è dove la verità cade – e vicino a quale lato.

Dal 1850 al 1937 la cannabis – che ha oltre 400 principi attivi – è stata usata come erba medicinale ed è stata accettata nella medicina convenzionale. Prima era stata utilizzata in molte culture per migliaia di anni, come nella medicina cinese, in cui venne utilizzata per trattare oltre 100 malattie.

Il cambiamento di atteggiamento verso l’uso della pianta è iniziata nel 1900, ed è culminato alla fine del 1930 negli Stati Uniti con il suo completo divieto legale.

Le Compagnie farmaceutiche hanno mostrato scarso interesse nella pianta e nei principi, sia per la sua qualità di sostanza controllata, ma anche perché è molto difficile produrre dei farmaci brevettati da una pianta naturale, e sarebbe possibile solo brevettare singole nuove forme di trattamento. Ma le cose sono cambiate negli ultimi anni e alcune aziende farmaceutiche, così come gli scienziati, hanno mostrato un rinnovato interesse sia nella pianta sia nei trattamenti a base di cannabis.

Cauto ottimismo sulla ricerca

Meiri ed i suoi colleghi sono riusciti a provocare che le cellule tumorali del cervello si “suicidino”,o apoptosi, una forma di “morte cellulare programmata.” Si tratta di qualcosa che un gruppo di ricercatori spagnoli ha visto in passato, e Meiri è stato in grado di riprodurlo.

Una delle caratteristiche delle cellule tumorali è la loro capacità di eludere i meccanismi della cellula nella morte, e sembra che la cannabis riesca in qualche modo a mettere questo meccanismo di nuovo in funzione, anche se i ricercatori ancora non capisco come, dice Meiri. Sono riusciti a produrre risultati simili in cellule di carcinoma mammario, e da lì si vuole continuare ad altri tipi di cancro.

Fonte: CANNASOS

Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 257 times, 1 visits today)

Commenti

LEAVE A COMMENT