Ross Rebagliati: ai Giochi Olimpici bisognerebbe permettere la Cannabis

61 Condivisioni

Ross Rebagliati,  medaglia d’oro olimpica per lo Snowboard maschile e attivista per la cannabis da lungo tempo, ritiene che gli eventi olimpici dovrebbero consentire agli atleti di accedere alla cannabis se i loro paesi di origine lo consentono.

Ross Rebagliati aveva una ditta di cannabis, ma la municipalità di Kelowna nella British Columbia l’ha chiusa alla fine del 2017. (Foto via Ross’s Gold Facebook Page)

“Atleti provenienti da paesi che concedono [uno dei molti composti psicoattivi nella marijuana] THC come il  Canada , l’America e altri paesi del mondo come il Portogallo e la Spagna, a quegli atleti olimpionici dovrebbe essere permesso usare la cannabis perché è parte della cultura che vivono  “, il 47-enne Rebagliati ha detto a The Puff Puff Post.

Mentre migliaia di atleti internazionali si preparano per le Olimpiadi invernali del 2018 a PyeongChang della Corea del Sud, la tendenza a legalizzare la marijuana sta avendo un effetto radicale in tutto il mondo.

Nel 2017, l’Uruguay è diventato il primo paese al mondo a legalizzare la marijuana, influenzando molti altri ad accettare l’uso di cannabis, almeno dal punto di vista medico. Questo è il caso in Messico e in Germania.

Il 1 gennaio, la California è divenuto l’ottavo e il più grande stato americano a legalizzare la marijuana ricreativa. Esiste già una dozzina di stati degli Stati Uniti che consentono l’uso medico della marijuana.

In Portogallo, che ha già piantagioni di marijuana legali destinate alle esportazioni, giovedì l’Associazione dei medici chiede la legalizzazione dei farmaci a base di marijuana. Questo è lo stesso giorno in cui il parlamento ha iniziato a discutere un progetto di legge che va ancora oltre, cercando di consentire ai pazienti di coltivare a casa.

Inoltre, il paese natale di Rebagliati – il Canada – dovrebbe diventare la prima nazione delle “grandi” a legalizzare la cannabis ricreativa quest’estate.

Rebagliati ha fatto scalpore agli internazionali nel 1998 non perché ha vinto il primo oro al mondo in Snowboard per uomo per il  Canada  a Nagano, in Giappone. Ma perchè la medaglia d’oro di Rebagliati è stata quasi strappata via da lui perché il comitato olimpico ha trovato tracce di  THC  dopo un  esame del sangue .

Ross Rebagliati, canadese, detiene la sua medaglia d’oro nel gigante maschile Snowboard Slalom durante la cerimonia di premiazione dei Giochi olimpici invernali a Nagano, in Giappone, domenica 8 febbraio 1998. (Immagine via AP)

 

Approfondimento:  Basta nasconderci! Vogliamo poter coltivare Cannabis!

 

Qualche anno dopo l’incidente, il nuotatore americano Michael Phelps è stato protagonista dello sponsor per lo “stoner sportivo” dopo aver ammesso che una foto di lui che fumava un bong durante una festa era legittima.

Alla domanda se è giusto che alcuni atleti possano usare la cannabis mentre altri no, Rebagliati ha detto:

“PENSO CHE SIA GIUSTO. MA SARÀ FAVOLOSO SE TUTTI GLI ATLETI SARANNO AMMESSI AD USARLA, MA DETTO CHE DEVE PASSARE ATTRAVERSO TUTTI I GOVERNI FEDERALI IN TUTTO IL MONDO. “

Il canadese Ross Rebagliati cavalca la vittoria nella prima competizione di snowboard gigante maschile di slalom, l’8 febbraio 1998, a Yamanouchi, in Giappone. (Immagine tramite AP)

 

Gli atleti finalmente usano il CBD

Finora, la cannabis rimane nell’elenco delle sostanze proibite per gli olimpionici. Tuttavia, l’Agenzia mondiale antidoping (WADA) nel 2013 ha innalzato il limite di marijuana consentito nel sistema di un atleta a 150 nanogrammi di THC per millilitro di sangue.

Inoltre, la WADA nel 2017 ha rimosso il CBD, un composto antinfiammatorio derivato dalla cannabis, dalla sua lista delle sostanze proibite del 2018.

Rebagliati, padre di tre figli, ha descritto questi cambiamenti come un “segno” che sia il Comitato Olimpico Internazionale (CIO) che la WADA “si stanno muovendo nella giusta direzione”.

Cannabis Great for Workout Recovery

L’ex atleta, che è diventato un attivista della cannabis circa due decenni fa, ha elogiato il CBD per i suoi meravigliosi benefici sulla salute, come il modo in cui controlla l’ansia.

“Probabilmente è una delle cose migliori per un atleta da usare”, ha detto, citando  i “benefici anti-infiammatori” della marijuana durante gli allenamenti. “




“Mantiene i muscoli da afferrare e permette al corpo di recuperare durante un allenamento”, ha aggiunto.

“L’attributo anti-infiammatorio del CBD è molto più superiore di qualsiasi altro farmaco [farmaceutico] che sia stato creato finora”, ha affermato. “E quando infondi CBD con speciali creme sportive che gli atleti già usano, la crema può diventare molto efficace come trattamento muscolare sul luogo immediatamente. Non ci vogliono 15 minuti.

“Ci sono anche gli spray per via orale, uno può anche prendere il CBD per via sublinguale e ci sono così tante cose diverse per questo.”

Ross Rebagliati (C) sul palco con la hall of fame NBA Rick Barry che parla di cannabis e atleti a Toronto. (Foto per gentile concessione di Ross Rebagliati)

Ross Rebagliati (C) sul palco con la hall of fame NBA Rick Barry che parla di cannabis e atleti a Toronto. (Foto per gentile concessione di Ross Rebagliati)

La cannabis ha aiutato il suo appetito

Per Rebagliati, la cannabis è un grande vantaggio per la sua salute, soprattutto per il suo appetito in un’era moderna veloce “quando tutti sono in movimento”.

“Se non uso la cannabis, posso passare la giornata senza pensare al cibo”, ha detto. “Non so qual è il mio problema, amo il cibo, ma un sacco di volte, non ho appetito e ho molto zucchero nel sangue.”

Approfondimento:  Studio: Quanta Cannabis c'è mediamente in una "canna"?

E come ogni altro canadese ambizioso, che vuole fare profitti, Rebagliati ha già fatto un passo avanti per attingere all’industria del gigante di cannabis, che dovrebbe  generarecirca $ 8 miliardi all’anno con una crescita prevista di circa $ 22 miliardi entro il 2025.

L’anno scorso, Rebagliati ha aperto la sua compagnia di cannabis di punta – Ross ‘Gold – nella città di Kelowna, a sud della British Columbia. Ma nel  mercato grigio  nel suo comune non consente tali attività.

La sua attività di marijuana medica è stata operativa per un anno fino a quando non è stata chiusa alla fine del 2017 dal comune.

Nella  British Columbia , le municipalità hanno una voce diversa sulle imprese di cannabis rispetto alle altre province canadesi. Vancouver è la città principale in cui la marijuana è tollerata nella provincia occidentale.




“Abbiamo aderito alla città ma non stiamo più cercando di combattere nulla, comprendiamo che abbiamo vinto”, ha detto in previsione dell’estate 2018, dove le leggi in tutta la nazione in Canada cambieranno per permettere alle aziende di marijuana di prosperare.

“SIAMO APPENA CHIUDERE LA PORTA FINO A CHE IL COMUNE VIENE CONFORMATO AI REGOLAMENTI E SIAMO CONFORMATO A QUESTE NORMATIVE”.

Ha detto: “Saremo pronti per partire il 1 ° luglio. Abbiamo diverse sedi in questo momento costruite in tutto il paese, e non appena la legge cambierà, apriremo le nostre porte”.

Ross Rebagliati dà il pollice in su dopo che il governo Trudeau ha spinto la legalizzazione della marijuana ad aprile 2017. (Foto per gentile concessione di Ross Rebagliati)

I pazienti vanno al mercato nero?

L’attivista diventato uomo d’affari ha detto che la sua compagnia Ross ‘Gold ha servito quasi 2000 pazienti prima che il comune chiudesse il suo negozio.

“Siamo stati aperti solo per un anno, questo è un segno se ci pensate: un negozio con 2000 pazienti, ci sono stati 20 negozi a Kelowna”, ha detto, speculando che decine di migliaia di persone erano tornate al mercato nero dopo la chiusura comunale delle imprese di cannabis.

Ha detto che queste persone allo stesso tempo “potrebbero votare nelle prossime elezioni municipali [il 15 novembre] per le riforme della marijuana”.

Ross Rebagliati mostra la sua medaglia. (Foto per gentile concessione di Ross Rebagliati)

Rebagliati rifiuta il governo. NO al Monopolio

Quando si tratta di affari, Rebagliati non supporta un monopolio governativo.

“CREDIAMO CHE DOVREBBE ESSERE LIBERO E NON DOVREBBE ESSERE CONTROLLATO DAL GOVERNO A TUTTI … PENSO CHE È L’UNICO MODO PER ASSICURARE LA QUALITÀ E IL MIGLIOR PREZZO.”

Come molti altri, Rebagliati ha criticato i monopoli pesantemente regolamentati dal governo che governano le attività della marijuana in Ontario, considerati tra i peggiori regolamenti in  Canada . Ma è ancora pronto ad espandere il suo franchise in tutto il Canada.




“Al momento disponiamo di infrastrutture in modo che il nostro marchio possa essere disponibile anche in questi negozi governativi”, ha affermato.

Alla fine, il motto di Rebagliati sarà sempre:

“CANNABIS È LA CURA E L’AMORE È LA RISPOSTA”.

Stefano Auditore Armanasco

Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio (MI), il 12/02/1986.

Mail: direzione@freeweed.it

(Visited 111 times, 1 visits today)
Trovi interessante questa notizia?

Commenti

LEAVE A COMMENT