Semplicemente: Canapa

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Articolo di Maurizio De Benedittis.

Premessa: Non si vuole in alcun modo istigare all’uso di Canapa, né violare le norme vigenti, ma solamente rendere le persone più consapevoli con un’ informazione libera.
cann
Se si Invitassero 100 persone di media età ad un Sondaggio sulla Marijuana e gli si chiedesse se sono Favorevoli o Contrari alla sua Legalizzazione, avremmo il 70% di risposte Negative in Merito. Ma se si ponesse, sempre alle stesse 100 persone la stessa domanda ma per quanto riguarda la Canapa, si avrebbe in questo caso, più del 70% di risposte Positive. Infine, se a queste stesse persone gli si comunicasse che la Canapa e la Marijuana sono la stessa Identica cosa, ecco che vedremmo sulla faccia di almeno un 40% di queste persone, una smorfia di Incredulità. Ciò è possibile, perché molte persone non sono abbastanza informate in merito o hanno Informazioni distorte che possono solo Confondere ulteriormente senza fare Chiarezza.

La Canapa non è mai stata la “porta d’ingresso verso altre droghe”, questa è solo una Leggenda Metropolitana, per chi è soddisfatto dell’effetto rilassante e calmante che la Canapa offre al fumatore. Per chi invece ama rimbambirsi o ubriacarsi del tutto, la Canapa non è abbastanza. Non è mai stata accessibile come l’alcol perché, a seconda dello stato in cui si vive, il suo uso è un’infrazione o un crimine. A chi non vuole perdere il controllo, o essere moralmente sconsiderato, la Canapa offre un piacere calmo e moderato che permette di essere creativi o riflessivi, o semplicemente rilassati dalla testa ai piedi.

La Canapa può essere coltivata dappertutto, in ogni paese, perché tutto quello di cui ha bisogno è aria, terriccio e acqua. È una pianta. Non causa cedimento morale né fa venire voglia di andare a letto con gli sconosciuti. Non porta le persone a commettere crimini, perché chiunque abbia mai fumato ” l’erba ” dice che è meglio rimandare a domani la responsabilità, e domani non arriva mai se fumi tutti i giorni. Le banche non vengono rapinate, le persone non vengono uccise, le auto non vengono guidate troppo velocemente e gli uomini non violentano le loro amiche se fumano Canapa. La maggior parte dell’economia statunitense si basa sulla vendita di armi, munizioni e guerre. La Canapa non è benvoluta dal Dipartimento Politiche Antidroga che attualmente “ governa “ questo paese, quotidianamente imbottito di alcol e delle violente molestie causate dal suo consumo.

La Canapa non ti fa sentire male il giorno dopo. Non ti fa venire voglia di menare il tuo capo, il tuo amico né di abusare fisicamente e sessualmente dei tuoi figli. La Canapa non permette di essere odiosi e violenti con le persone che ti vogliono bene, ed è raro che uno debba scusarsi per essere stato maleducato o antipatico. La Canapa contribuisce a migliorare le condizioni dei malati terminali o cronici. Non è tanto cara come le medicine o le droghe che annullano lo stato di coscienza, permette il movimento senza alienarti completamente. Non ti senti in imbarazzo per quello che hai fatto la notte prima e per le persone con cui l’hai fatto. L’alcol disinibisce momentaneamente e causa cedimento morale dopo tre birre o cocktail. Siccome intossica il cervello con la decadenza e brutti pensieri, uno è tentato di uccidere, rubare, violentare o distruggere chi gli sta intorno. Dopo tre drink cominci a pensare di andare a letto con chiunque senza pensare alla realtà dell’HIV o dell’AIDS. L’alcol distrugge più matrimoni, famiglie, lavori ed amicizie di tutte le altre droghe del pianeta messe insieme. Chiunque può procurarselo uscendo dall’autostrada e fermandosi al primo discount. È accettato nella società perché è legale, non perché è sano. E chi diavolo ha pensato di rendere Alcol, Tabacco un’agenzia governativa ?

Ora che tutti i tipi di alcol sono geneticamente modificati, gli effetti che causano sono peggiori di quelli di dieci anni fa. Basta guardare la popolazione studentesca al politecnico della California, che ha rovinato e distrutto le meravigliose feste Poly Royale e martedì Grasso. Queste straordinarie iniziative comunitarie portavano soldi alla Costa Centrale attraverso il turismo. Sono state entrambe annullate a causa dei danni che gli studenti ubriachi provocavano ribaltando automobili e tirando bottiglie contro le finestre, solo per sentire i vetri che si frantumano. Questi aspetti vanno considerati prima di negare in modo orrendo e irrazionale l’uso della Canapa a coloro che hanno bisogno; per aiutarli nella malattia e per non fargli sentire gli effetti collaterali causati dalla chemioterapia (abbassa il livello di dolore ed aiuta i pazienti di cancro che vomitano di continuo).

Quando è stata l’ultima volta che hai saputo o hai sentito che qualcuno non è morto di cancro ? La Canapa è stata utilizzata con successo in tutta Europa, in Inghilterra, in Australia e persino in Russia da coloro che non tollerano le medicine per la pressione alta che riducono il potassio e dai malati di glaucoma. Permette anche ai moribondi di rimanere completamente coscienti prima di andarsene. È anche importante sottolineare che Oetzi (l’uomo dei ghiacci trovato nelle Alpi) indossava abiti fatti di Canapa. La Canapa veniva coltivata per ordine del senato da chiunque avesse quaranta o più acri di terra in questo paese. La Canapa, benché di qualità inferiore, si usava per le corde per il nostro sforzo bellico, per la carta, ed ha una miriade di altri possibili utilizzi oltre al fumo. Fermerebbe il taglio degli alberi per la carta, può essere trasformata in carburante per le auto come il grano e la soia.

Cresce molto e velocemente, non impoverisce il terreno e non ha bisogno di pesticidi né di altre sostanze chimiche. È utile per i cosmetici e altri prodotti domestici. In breve la coltivazione della canapa non è difficile né cara e non danneggia l’ambiente, anzi, ne Migliora la qualità.

Può anche essere che la Canapa non ti piaccia, ed è Lecito che sia così, ma in una visione generale delle cose, è Madre Natura che l’ha creata 

di Maurizio de Benedittis

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 170 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Vai alla barra degli strumenti