Spagna: La Corte Costituzionale invalida le leggi sui Cannabis Social Club delle Comunità Autonome

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

La Corte costituzionale Spagnola afferma che i club di cannabis non possono essere regolati dalle comunità autonome.

In Spagna, la Corte Costituzionale invalida la Legge della Regione Navarra che regolamentava i club di cannabis, perché considera che si tratti di una questione che ha un impatto sulla sfera criminale, in quanto è una droga illegale, e un argomento che appartiene alla competenza dello Stato.

“La regolamentazione di uno strumento (i club di cannabis) attraverso cui è facilitata la fornitura, la dispensazione e il consumo di cannabis” ha un’innegabile “influenza sulla delimitazione del corrispondente tipo criminale”  e quindi rientra nelle competenze dello Stato e al di fuori della giurisdizione delle diverse comunità autonome, ha condannato la Corte costituzionale.

La corte suprema afferma che la suddetta regola è incostituzionale quando invade i poteri dello Stato, come richiesto dal governo spagnolo nel suo appello.

Quest’anno il Consiglio dei ministri ha già fatto più volte ricorso a norme costituzionali simili, con una norma basca e un altra catalano, che regolavano il funzionamento delle associazioni di consumatori di cannabis.

La Corte Costituzionale, con questa sentenza stabilisce la dottrina che si applica a tali norme e affermando che ” anche se ci troviamo di fronte ad un non – ordinatore repressivo o punitivo o restrittivo o attivante regole di diritti legali, nel senso che gli standard si addicono sanzioni penali e amministrative, è un regolamento con innegabile incidenza sulla delimitazione del corrispondente tipo criminale “.

La cannabis, inclusa nella Convenzione unica delle Nazioni Unite sugli stupefacenti del 1961, e come scritto nella decisione quadro sull’argomento dell’Unione europea e vietato dalla legislazione spagnola, compresa la legge penale, è in linea di principio illegale, stabilisce il TC.

E, quindi, questo regolamento è influenzato dal Codice Penale e da altre leggi che riguardano la sicurezza dei cittadini, una questione al di fuori della sfera di competenza delle comunità autonome.

Pertanto ha presentato ricorso contro la la legge regionale della Navarra ” invade la competenza esclusiva dello Stato in materia di legislazione penale, poiché regola efficacemente, con un impatto sul tipo criminale definito nella legislazione statale, il consumo, la fornitura e la dispensa della cannabis, nel quadro di le associazioni di utenti a cui si riferisce “, conclude il TC

Stefano Auditore

Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 812 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutube

Commenti

LEAVE A COMMENT