In Spagna si sviluppa una Nanotecnologia applicata alla Cannabis per alleviare il dolore neuropatico cronico

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Spagna. I ricercatori andalusi hanno brevettato una formulazione innovativa basata sulla nanotecnologia, che è stata progettata per alleviare il dolore neuropatico cronico.

I ricercatori hanno Lucía Martín Banderas e Mercedes Fernández Arévalo , del gruppo di ricerca I + DNanomed della Università di Siviglia , hanno brevettato una formulazione innovativa basata sulle nanotecnologie, progettato per alleviare dolore neuropatico cronico.

Questo gruppo di ricerca, in collaborazione con ricercatori Juan Antonio Micó e Esther Berrocoso , della Università di Cadice e il Centro di Biomedicina Rete di Ricerca di Salute Mentale (CIBERSAM), ha dimostrato che la sua formulazione a rilascio controllato di un derivato di cannabinoidi fornisce Riduzione del dolore neuropatico nei ratti per un periodo di undici giorni dopo la somministrazione orale di una singola dose. Una parte dei risultati di questo progetto è stata recentemente pubblicata nella rivista Nanomedicina: Nanotecnologia, Biologia e Medicina.

La società GB Sciences, Inc. ha ottenuto l’esclusiva licenza di proprietà intellettuale globale per l’utilizzo di questo brevetto. Come parte di questo accordo di licenza globale, il gruppo di ricerca I + DNanomed della Università di Siviglia, guidato dal Dr. Mercedes Fernández Arévalo, ha firmato un accordo per lavorare su progetti di ricerca con l’azienda a sviluppare formulazioni innovatori basati su nanoparticelle polimeriche con principi attivi sviluppati da GB Sciences per il trattamento del dolore cronico.

La creazione da parte di ricercatori dell’Università di Siviglia rende possibile, attraverso l’uso della nanotecnologia, incapsulare i principali principi attivi in ​​un composito composito di matrice polimerica. In questo modo, è possibile estendere l’effetto terapeutico riducendo la dose di farmaci necessari per somministrare. Inoltre, gli ingredienti attivi non possono attraversare la barriera emato-sangue, che elimina qualsiasi possibile effetto psicoattivo.

GB Sciences ha evidenziato i progressi che lo sviluppo di questa tecnica significa. Il contributo dei ricercatori presso l’Università di Siviglia Mercedes Fernández Arévalo e Lucía Martín Banderas per sviluppare sistemi nuovi e più efficaci per tipo di molecola, basata sulle nanotecnologie in via di sviluppo, significherà un importante passo avanti nel trattamento di dolore cronico.

Secondo uno dei responsabili della società “il loro sistema si è dimostrato più efficace di altri metodi, come l’inalazione o l’ingestione, nella somministrazione di tali composti”.

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 87 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Vai alla barra degli strumenti