Progetto FreeWeed - Legalizzazione Cannabis

Studio: Cannabinoidi come potenziale trattamento per le disfunzioni sessuali

I cannabinoidi possono fornire un potenziale supporto terapeutico per la disfunzione sessuale, secondo uno studio pubblicato sulla rivista  Ricerche Farmacologiche.

Lo studio è stato pubblicato on-line da parte del National Institute of Health degli Stati Uniti.

“Il sistema endocannabinoide (ECS), che consiste anche nei recettori dei cannabinoidi di tipo 1 e 2 (CB1 e CB2) che interagisce con il principio psicoattivo della marijuana, Δ 9 – tetraidrocannabinolo (Δ 9 -THC) … di recente è emerso essere un importante modulatore del comportamento emotivo e non emotivo  “ , inizia lo studio.

” Per secoli, in aggiunta alle loro attività ricreative, si sono accumulati diversi contraddittori sugli effetti del consumo di cannabis sul funzionamento e il comportamento sessuale (ad esempio, anti -afrodisiaco vs afrodisiaco) di entrambi i sessi “.

L’identificazione del Δ 9 THC e più tardi, la scoperta del sistema endocannabinoide (ECS) “hanno aperto un potenziale supporto terapeutico per disfunzioni sessuali, data la parziale efficacia della terapia farmacologica attuale, rivela lo studio.

” Secondo la modulazione bidirezionale indotta dai cannabinoidi in varie risposte comportamentali, l’endocannabinoide AEA ha causato effetti bifasici sul comportamento sessuale. “

Lo studio ha esaminato “la conoscenza corrente disponibile a base di erbe, cannabinoidi sintetici e endogena rispetto alla modulazione di vari aspetti della sessualità in studi preclinici e umani, mettendo in evidenza il loro potenziale terapeutico.”

Lo studio completo può essere trovato cliccando qui  .

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 357 times, 1 visits today)

Commenti

LEAVE A COMMENT