Progetto FreeWeed - Legalizzazione Cannabis

Studio: Uso moderato di Cannabis non associato a deficit di Q.I.

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Il moderato consumo di cannabis da parte dei giovani non è associato a cambiamenti nel quoziente di intelligenza (QI) secondo i dati presentati questa settimana all’ European College of Neuropsychopharmacology, congresso annuale a Berlino, in Germania.

I ricercatori dell’University College di Londra hanno analizzato i dati di 2.612 soggetti che avevano il loro QI testato all’età di otto anni e di nuovo a 15 anni e non hanno riportato alcuna relazione tra uso di cannabis e basso QI all’età di 15 anni, quando i fattori come la storia dei soggetti, l’uso di alcol e l’uso di sigarette, sono stati presi in considerazione.

“In particolare, l’uso di alcol è risultato essere fortemente associato con il declino QI,” hanno scritto gli autori in un comunicato citato dal Washington Post . “Gli altri fattori non sono risultati predittivi di cambiamento di QI.”

Citato nell’ Independent Business Times , l’autore principale dello studio ha dichiarato: “I nostri risultati suggeriscono che la cannabis non può avere un effetto negativo sulla cognizione, una volta che si è tenuto conto di altri fattori correlati, in particolare sigarette e alcol. Ciò può suggerire che i risultati delle ricerche precedenti che mostrano performance cognitiva povera nei consumatori di cannabis siano imputabili allo stile di vita, al comportamento e alla storia personale tipicamente associata con l’uso di cannabis, piuttosto che l’uso di cannabis in sé. “

I ricercatori hanno riconosciuto che un uso di marijuana cronico, definito nello studio come l’ammissione di un soggetto di aver consumato cannabis 50 volte o più prima dei 15 anni, è stata correlata con poveri risultati degli esami all’età di 16 – anche dopo aver controllato per le altre variabili. Tuttavia, gli investigatori hanno ammesso : “E ‘difficile sapere che cosa causa cosa. I ragazzi vanno male a scuola perché usano cannabis, o usano cannabis perché stanno facendo male e per disagi personali? “

Commentando i dati appena presentati, il presidente della riunione Guy Goodwin, presso l’Università di Oxford, ha detto alla BBC News: “Questo è uno studio potenzialmente importante perché suggerisce che l’attuale attenzione sui presunti danni della cannabis può stare oscurando il fatto che il suo uso è spesso correlato con quello di altri farmaci ancora più liberamente disponibili e, eventualmente, con i fattori di stile di vita. “

In una recente revisione pubblicata nel New England Journal of Medicine , il direttore del NIDA Nora Volkow  ha affermato che l’uso di cannabis, soprattutto da parte degli adolescenti, è associato ad alterazioni cerebrali e inferiore QI. Tuttavia, lo studio citato dalla signora Volkow come base della sua richiesta è stato successivamente interrogato in un’analisi separata pubblicata negli Atti della National Academy of Sciences . Tale documento ha suggerito che la socio-economia, non l’uso di cannabis, sono stati responsabile per le differenze di QI e che “l’effetto della pianta [sul quoziente di intelligenza] potrebbe essere pari a zero.”

Una precedente valutazione del consumo di cannabis ed il suo potenziale impatto sul quoziente di intelligenza in una coorte di giovani monitorati dalla nascita ha riferito: “La Cannabis non ha un impatto negativo a lungo termine sull’intelligenza globale.”

Fonte: Norml.org

Documenti Ufficiali nei link evidenziati nel testo.

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 187 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Visit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On Google Plus