Studio: il THC può inibire la crescita del cancro dell’endometrio

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Il Δ – 9 – tetraidrocannabinolo (THC) può inibire la migrazione delle cellule di tumore dell’endometrio, secondo uno studio pubblicato sulla rivista Oncology Lettere e on-line dal National Institute of Health negli Stati Uniti.

“Gli interventi terapeutici limitati sono clinicamente disponibili per il trattamento del carcinoma endometriale aggressivo (EC)”,inizia il riassunto dello studio. 

“Pertanto, sono urgentemente necessarie terapie efficaci.” Il presente studio “ha indagato il ruolo del Δ 9 -tetraidrocannabinolo (THC), che ha conseguenze sulla attività proliferativa e migratoria durante il deterioramento della progressione del cancro”.

Risultati immagini per endometrio

Nello studio, “la migrazione cellulare in risposta al THC è stata misurata utilizzando saggi transpocitari. Utilizzando l’analisi western blot, sono stati rilevati i livelli dei recettori dei cannabinoidi nei tessuti CE e sono stati determinati i percorsi che conducono all’inibizione della migrazione cellulare da THC in cellule CE umane. “

I risultati hanno suggerito che “i recettori cannabinoidi erano espressi in larga misura nei tessuti CE.  Inoltre, il THC inibisce la vitalità e la motilità delle cellule EC inibendo transizione epitelio-mesenchimale (EMT) e regolazione negativa dell’espressione di metalloproteinasi-9 (MMP-9) in cellule umane aggressivi EC”.

I ricercatori dicono che “i risultati hanno il potenziale per promuovere lo sviluppo di nuovi composti per il trattamento delle metastasi CE”. 

Concludono affermando che “i risultati attuali suggeriscono che il THC può inibire la migrazione delle cellule umane CE attraverso la regolazione dei percorsi EMT e MMP-9”

Stefano Auditore Armanasco

Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio (MI), il 12/02/1986.

Mail: direzione@freeweed.it

(Visited 155 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutube

Commenti

LEAVE A COMMENT