Studio Italiano: Cannabis utile come afrodisiaco per aumentare piacere e soddisfazione sessuale

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail


La cannabis può servire come afrodisiaco così come aumentare il piacere e la soddisfazione durante e dopo il sesso.

AfrodisiacoQuesto è quanto emerge secondo un nuovo studio pubblicato dalla rivista Ricerche Farmacologiche.

E’ stato pubblicato da parte del US National Institute of Health .

Secondo lo studio, che ha esaminato studi preclinici utilizzando soggetti umani, circa il 50% di coloro che hanno consumato cannabis ha riferito di sentire “effetti afrodisiaci”.

Il 70% dei consumatori ha dichiarato che essi hanno sperimentato “un miglioramento nel piacere e nella soddisfazione” nella loro vita sessuale.

Lo studio non ha trovato differenze significative nei risultati degli uomini rispetto alle donne.

Lo studio è stato condotto da ricercatori presso l’ Università di Catania in Italia, così come della Charles University e Università di Masaryk,  della Repubblica Ceca.

L’astratto è qui sotto:

Il sistema endocannabinoide (ECS), che è composto di tipi cannabinoidi recettori 1 e 2 (CB1 e CB2) con ingrediente psicoattivo della marijuana; Δ 9 -tetraidrocannabinolo (Δ 9 THC), i ligandi endogeni (AEA e 2-AG) ed i sistemi enzimatici coinvolti nella loro biosintesi e la degradazione, di recente è emerso come importante modulatore dei comportamenti emotivi e non emotivi.

Per secoli, in aggiunta alle sue azioni ricreative, diversi crediti contraddittori per quanto riguarda gli effetti del consumo di cannabis nel funzionamento sessuale e il comportamento (ad es afrodisiaco vs anti-afrodisiaco) di entrambi i sessi sono stati accumulati. L’identificazione di Δ 9 -THC e più tardi la scoperta della ECS hanno aperto un potenziale bersaglio terapeutico per disfunzioni sessuali; data la parziale efficacia del trattamento farmacologico corrente.

In accordo con la modulazione bidirezionale indotta dai cannabinoidi su diverse risposte comportamentali, il cannabinoide endogeno AEA ha suscitato effetti bifasici sul comportamento sessuale.

Il presente articolo passa in rassegna le attuali conoscenze disponibili sui cannabinoidi, sintetici e endogeni, rispetto alla modulazione dei vari aspetti della sessualità in studi preclinici e umani, evidenziando il loro potenziale terapeutico.

 

Il testo integrale dello studio è disponibile gratuitamente cliccando qui .

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 387 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Vai alla barra degli strumenti