Studio Italiano: Semi e Germogli di Cannabis come alimento esercitano effetti benefici sulle cellule umane

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Un altro studio italiano, un altro studio importante sui benefici della cannabis.

Semi e germogli di cannabis sono alimenti benefici per le cellule umane, secondo un nuovo studio pubblicato sulla rivista Peer-Chemistry Food Chemistry 

“In questo studio è stato valutato l’effetto antiossidante di semi e germogli di Cannabis sativa L. (3 e 5 giorni di germinazione)”,afferma il riassunto dello studio, condotto da ricercatori dell’Unità di Ricerca dell’Università di Pisa.

I ricercatori hanno scoperto che “il contenuto totale di polifenoli, flavonoidi e flavonoli era più alto nei germogli rispetto a quando espresso in peso secco”. Hanno anche trovato prove del fatto che l’attività antiossidante è più alta nei germogli che nei semi.

“[I nostri] risultati mostrano che i semi e i germogli di C. sativa esercitano effetti benefici sul lievito e sulle cellule umane e dovrebbero essere ulteriormente studiati come un potenziale alimento funzionale”, dicono i ricercatori.

Di seguito è riportato il riepilogo completo per lo studio:

In questo studio è stato valutato l’effetto antiossidante dei semi di cannabis e delle gemme sativa L. (con 3 e 5 giorni di germinazione). Il contenuto totale di polifenoli, flavonoidi e flavonoli, quando espressi in peso secco, era più alto nei focolai;ORAC e DPPH (test in vitro), CAA-RBC (attività antiossidante cellulare nei globuli rossi) e test di emolisi (ex vivo) hanno mostrato una buona attività antiossidante superiore nel seme germogliato. 

Analisi non orientata mediante spettrometria di massa e ad alta risoluzione con modalità negativa di attivazione del riconoscimento dei principali polifenoli (cafetilyramina, cannabisina A, B, C) nei semi e ω-6 (acido linoleico) nei germogli. 

L’effetto antimutagenico degli estratti di semi e germogli mostrato una significativa diminuzione della mutagenesi indotta da perossido di idrogeno nel ceppo D7 Saccharomyces cerevisiae.”.

Stefano Auditore Armanasco

Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio (MI), il 12/02/1986.

Mail: direzione@freeweed.it

(Visited 294 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutube

Commenti

LEAVE A COMMENT