Studio: la Cannabis può essere utile per la cura del Cancro al Seno

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail


I rapporti della stampa australiana parlano di un importante passo avanti nella ricerca sul cancro al seno dopo la pubblicazione dei risultati di uno studio sperimentale che ha trovato che il THC, il componente di spicco della cannabis, è stato in grado di ridurre i tumori senza danneggiare le cellule sane.

Tuttavia gli autori notano che sono necessarie ulteriori ricerche cliniche.

Le azioni della cannabis medica della società australiana di Zelda Therapeutics sono aumentate in modo significativo questa settimana, dopo un’indagine sull’olio di cannabis sviluppata dalla società, affermando che è probabilmente efficace nel trattamento del cancro al seno.

Secondo il rapporto scritto su The West Australian, oggi, nella città di Perth, vi sono i risultati di uno studio pilota che ha stabilito che la formula sviluppata dall’olio di cannabis ricco di THC è stata efficace nel ridurre il cancro al seno. “lo studio sperimentale sulla cannabis ha portato a scoperte nella ricerca sul cancro”, riferisce il giornale.

Nello studio con topi di laboratorio, l’azienda segnala che l’olio di cannabis sviluppato da loro, ricco di THC, componente dominante nella pianta di cannabis, è riuscito a eliminare i diversi tipi di cancro al seno e le cellule adenocarcinoma + HER2, senza danneggiare le cellule sane.

          “Zelda afferma che il suo olio ricco di THC uccide con successo alcuni tipi di cellule del cancro al seno senza danneggiare le cellule sane circostanti, e ha dimostrato di essere una terapia complementare efficace se usata insieme con la chemioterapia standard.”  PerthNow

Lo studio, condotto da ‘Zelda’ per 6 mesi è stato fatto in collaborazione con i ricercatori spagnoli dell’Università di Madrid guidati dal biochimico Dr. Manuel Guzman  ed l’esperta nella ricerca sul cancro Dr. Cristina Sanchez .

E ‘stata una ricerca pre-clinica e la società è consapevole del fatto che la ricerca clinica sia necessaria per verificare i risultati.

“Nel frattempo otteniamo informazioni iniziali in questo campo di ricerca e siamo molto soddisfatti dei risultati e dei dati che possono ancora essere esposti , “ afferma il presidente della società quotata Harry Karlis .

L’anno scorso, uno studio  ha trovato che il cannabinoide CBDA è riuscito a distruggere le cellule del cancro al seno e un paio di settimane fa  un altro studio  con il cannabinoide CBDA ha dato risultati incoraggianti.

In questo video possiamo vedere al microscopio come il THC uccide le cellule tumorali:

 

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 228 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Vai alla barra degli strumenti