Studio: le persone preferiscono la cannabis rispetto ai farmaci oppiacei e ad altre sostanze

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Le persone che assumono farmaci per condizioni come il dolore cronico  tendono a preferire la cannabis rispetto a questi farmaci sedativi, oppiacei e antidepressivi, come esposto in uno studio pubblicato nel Journal of Drug Policy .

Molti analisti hanno espresso preoccupazione per l’uso di oppiacei per il trattamento del dolore cronico.

Più di 183.000 persone sono morte da overdose di prescrizione di oppiacei tra il 1999 e il 2015 negli Stati Uniti.

Alcune analisi, come ad esempio un  recente studio  che ha valutato gli stati americani con leggi sulla marijuana medica, suggerisce che l’accesso alla cannabis a livello terapeutico potrebbe ridurre l’abuso di oppiacei.

Cannabis: Un’alternativa a oppiacei ed altre sostanze?

Lo studio ha utilizzato i dati di un sondaggio di 271 persone che si sono registrate per comprare cannabis ad uso medico.

I partecipanti hanno risposto a 107 domande che riguardano la demografia, l’uso di dipendenza da cannabis e altre sostanze, e la storia medica.

Agli intervistati erano stati prescritti farmaci per una serie di motivi, tra cui il dolore cronico,  problemi di salute mentale , e problemi gastrointestinali.

Nel complesso il 63% ha dichiarato di utilizzare la cannabis piuttosto che i farmaci da prescrizione.

Il tipo più comune di farmaco che i partecipanti hanno sostituito con la cannabis sono gli oppiacei, che rappresentano il 30% del totale.

Il Sedici per cento dei partecipanti ha consumato cannabis per sostituire benzodiazepine, e il 12% ha utilizzato Cannabis al posto dei Delos antidepressivi .




La Cannabis era anche un sostituto popolare per le sostanze non mediche e potenzialmente che portano assuefazione.

Il Venticinque per cento dei rispondenti ha usato cannabis invece di bere alcool, il 12% ha usato cannabis invece di sigarette o tabacco, ed il 3% al posto di altre sostanze illecite sostituite dalla cannabis.

Gli autori dello studio suggeriscono che gli effetti collaterali, le preoccupazioni sulla dipendenza, e il livello di sicurezza erano figure di primo piano per la decisione di usare la cannabis al posto di altri farmaci o droghe, proprio per la facile gestione degli effetti e per l’enorme sicurezza della sostanza.

Alcuni consumatori hanno segnalato che la cannabis ha lavorato meglio dei farmaci da prescrizione più tradizionali.

Gli Ostacoli continuano però.

Lo studio ha trovato che i partecipanti devono spesso affrontare le barriere di accesso medicinali per ottenere cannabis.

Più della metà (55%) sono stati incriminati per la loro prescrizione di cannabis e il 25% ha pagato una multa di più di $ 300 mentre ancora stava prendendo la prescrizione. Alcuni partecipanti stanno ancora comprando cannabis proveniente da fonti non regolamentate, pur avendo una prescrizione.

 

Riferimenti

1. Data la scelta, i pazienti preferiscono la cannabis agli oppiodi. (2017, 27 febbraio). Estratto da https://www.eurekalert.org/pub_releases/2017-02/uobc-gtc022617.php

2.Lucas, P., e Walsh, Z. (2017). accesso Medical cannabis, l’uso e la sostituzione di oppiacei da prescrizione e di altre sostanze: Un sondaggio di cannabis medica pazienti autorizzati. International Journal of Drug Policy, 42, 30-35. doi: 10.1016 / j.drugpo.2017.01.011

3.Prescription dati overdose da oppiacei. (2016, 16 dicembre). Estratto da http://www.cdc.gov/drugoverdose/data/overdose.htm

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 102 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Visit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On Google Plus
Vai alla barra degli strumenti