Studio: L’Uso di Cannabinoidi nell’Adolescenza non influenza la memoria in età adulta, anzi la migliora

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Un nuovo studio pubblicato nella rivista Frontiere della Neuroscienza Comportamentale e pubblicato online dall’Istituto Nazionale di Salute americano ha trovato che l’esposizione ai cannabinoidi da adolescenti non danneggia ma spesso migliora il lavoro della memoria come adulto.

“La cannabis è una sostanza illecita prevalentemente utilizzata dagli adolescenti, e diversi studi hanno indicato che l’uso negli adolescenti può portare a deficit cognitivi a lungo termine, compresi problemi con attenzione e memoria”, inizia l’astratto dello studio. “Tuttavia, gli studi su animali preclinici che osservano i deficit cognitivi dopo l’ esposizione al cannabinoide durante l’adolescenza utilizzano la somministrazione di sperimentatori di dosi di cannabinoidi che possono superare quelle che un organismo sceglie di prendere normalmente, suggerendo che la contingenza e la dose sono fattori critici che devono essere affrontati nei modelli di traslazione e nelle conseguenze dell’esposizione del cannabinoide “.




I Ricercatori “hanno recentemente sviluppato un paradigma di autoadministrazioni di cannabinoide negli adolescenti nei ratti maschi ed hanno scoperto che la precedente autoregolamentazione adolescente del recettore cannabinoide agonista WIN55,212-2 (WIN) [intesa a imitare gli effetti dei cannabinoidi] ha determinato una migliore memoria di lavoro nella Performance in età adulta “.

Dato che “le differenze di sesso sono note in entrambi i processi di autoadministrazioni e di apprendimento e di memoria della droga, è possibile che l’ autoamministrazione cannabinoide possa avere conseguenze cognitive diverse nelle femmine”. Pertanto, questo studio “ha lo scopo di esplorare gli effetti nei ratti femminili adolescenti del cannabinoide rispetto alla funzione cognitiva degli adulti “.

Per lo studio i ratti femminili sono stati addestrati ad amministrare WIN ogni giorno durante l’adolescenza. Gli effetti acuti dell’auto-somministrazione adolescente sulla memoria del WIN “sono stati determinati usando un test di memoria spaziale a breve termine 24 ore dopo la sessione finale di SA; gli effetti a lungo termine sulle prestazioni cognitive sono stati valutati durante l’astinenza in età adulta utilizzando un compito di memoria di lavoro ritardato “match-to-sample” “.

In un esperimento separato, alle femmine sono state somministrate “iniezioni giornaliere intraperitoneali (IP) di una dose bassa o elevata di WIN, corrispondenti rispettivamente a dosi somministrate auto- somministrate e sperimentali tipicamente sperimentali; il suo veicolo durante l’adolescenza e la memoria di lavoro è stata valutata nelle condizioni in età adulta “.




Mentre l’auto somministrazione di WIN nell’adolescenza non aveva effetti significativi sulla memoria spaziale a breve termine o sulla memoria di lavoro adulta, “la somministrazione sperimentale di WIN ha determinato una migliorata prestazione della memoria di lavoro adulta che era più pronunciata nel gruppo a bassa dose”.

Quindi “l’esposizione in adolescenza a bassa dose, indipendentemente dal fatto di essere autosomministrata o somministrata per via sperimentale, comporta miglioramenti o nessun cambiamento nelle prestazioni di memoria adulta nei ratti femminili, simili ai risultati precedenti riscontrati nei maschi”.

Lo studio completo, condotto dai ricercatori  dell’Università di Pittsburgh , può essere trovato cliccando qui.

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 86 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Vai alla barra degli strumenti