Studio: l’uso di cannabis non riduce la motivazione negli adolescenti

3 Condivisioni

L’uso di cannabis, anche su base regolare, non riduce la motivazione negli adolescenti secondo un nuovo studio pubblicato dalla rivista  Substance Use & Misuse e pubblicato online dal National Institute of Health .

Per lo studio i ricercatori hanno esaminato 79 adolescenti di età compresa tra 14 e 18 anni, che sono stati classificati come consumatori abituali di cannabis recenti (36) o utilizzatori leggeri (43).

“Frequenza e quantità di uso di sostanze” sono state valutate tra la vita dei partecipanti e nei passati 30 giorni “e la motivazione è stata misurata” attraverso la scala di valutazione dell’apatia e la scala di motivazione e coinvolgimento “.

Approfondimento:  Come la genetica della cannabis influenza il rapporto THC: CBD




Per esaminare le associazioni tra uso di cannabis (CU) e indici di motivazione, i ricercatori hanno condotto una serie di regressioni gerarchiche multiple in due fasi.

Dopo aver controllato eventuali errori, “non sono state osservate differenze significative su qualsiasi indice di motivazione”, afferma lo studio.

Allo stesso modo, “non sono state osservate associazioni tra la motivazione e la durata o la quantità di CU di 30 giorni”.

Lo studio si conclude affermando che “i nostri risultati non supportano un legame tra motivazione ridotta e CU tra gli adolescenti dopo il controllo di confondenti rilevanti.”

Approfondimento:  Combustibili dalla Canapa: alternative sostenibili ai carburanti fossili

Lo studio completo, condotto dai ricercatori della Florida International University , può essere trovato cliccando qui .

Stefano Auditore Armanasco

Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio (MI), il 12/02/1986.

Mail: direzione@freeweed.it

(Visited 132 times, 1 visits today)
Trovi interessante questa notizia?

Commenti

LEAVE A COMMENT