Nuovo Studio del NHTSA: La Guida sotto effetto di Cannabis non aumenta il rischio di causare incidenti stradali

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

L’anno scorso, nel corso di una audizione al Congresso sulla minaccia rappresentata dai guidatori sotto effetto di cannabis, ad un rappresentante della National Highway Traffic Safety Administration (NHTSA) è stato chiesto il numero di incidenti mortali causati dalla Cannabis ogni anno. “E ‘difficile da dire,” rispose Jeff Michael, amministratore associato della NHTSA per la ricerca e sviluppo, “Non abbiamo una stima precisa. Il più era disposto ad affermare è che il numero è probabilmente non zero, ma vicino”.

Michael sa qualcosa che i protagonismi politici e gli attivisti anti-cannabis o non capiscono o rifiutano di riconoscere: anche se le prove di laboratorio indicano che la cannabis altera la capacità di guida, gli effetti non sono così drammatici come quelli visti con l’alcol, e la misura delle conseguenze reali è dimostrato essere molto profonda, come dimostrato da uno studio fondamentale che il NHTSA ha pubblicato Venerdì 6 febbraio 2015.

Nello “studio del primo grande [rischio di incidente] negli Stati Uniti che includono farmaci diversi dall’ alcol”, il NHTSA ha scoperto che, una volta che i dati sono stati aggiustati per le variabili confondenti, il consumo di cannabis non era associato ad una maggiore probabilità di causare un incidente.

Lo studio ha incluso più di 3.000 conducenti che sono stati coinvolti in incidenti nel corso di un periodo di 20 mesi a Virginia Beach, in Virginia, in oltre 6.000 controlli, di persone  che hanno guidato nella stessa zona durante lo stesso periodo, ma non hanno ottenuto incidenti.

Come di consueto, lo studio ha trovato che l’uso di alcol è stato fortemente correlato con il rischio di incidenti.

Dopo l’aggiustamento dei fattori confondenti, il rischio di incidente per i conducenti con un contenuto di alcol nel sangue (BAC) di 0,08 per cento è stato due volte il rischio di incidenti per i conducenti sobri; era inoltre sei volte più elevato per i conducenti con un tasso alcolemico di 0,10 per cento e 12 volte superiore per un tasso alcolemico di 0,15 per cento. Ma il quadro per la Cannabis era ben diverso.

Nel complesso i conducenti che sono risultati positivi per il THC attivo avevano solo il 25 per cento in più di probabilità di essere coinvolti in incidenti. Ma una volta che i ricercatori hanno preso in considerazione variabili come il sesso, età e razza / etnia, il rapporto rischio si è ridotto al 1,25-1,05 % e non era statisticamente significativo:

Questa analisi mostra che il significativo aumento del rischio di coinvolgimento incidente associato con THC  … non si trova dopo l’adeguamento per queste variabili demografiche. Questa scoperta suggerisce che queste variabili demografiche possono avere una co-variante con l’uso di droga e rappresentano per la maggior parte l’aumento del rischio di incidenti. Ad esempio, se i guidatori THC-positivi erano prevalentemente giovani maschi, il loro rischio apparente di causare incidente potrebbe essere stato legato all’età e al sesso piuttosto che l’uso di THC.

L’ulteriore aggiustamento per il consumo di alcol ha reso il rischio di incidente dei consumatori di cannabis pari a quella dei piloti che hanno testato un esito negativo per l’alcol e per le altre droghe.

In altre parole, lo studio non fornisce alcuna prova che l’uso di cannabis possa aumentare il rischio di incidenti.

Come anche sottolineato nella nota degli autori, che risultata è simile a quello che i precedenti studi avevano trovato, ossia “un piccolo o inesistente aumento del rischio di incidenti.” 

Il NHTSA conclude affermando inoltre che:

” I test antidroga non indicano necessariamente l’insufficienza attuale delle condizioni di guida,” dal momento che “i livelli ematici rilevabili possono persistere al di là degli effetti che compromettono sul momento.” E “mentre gli effetti di valore per i vari livelli di concentrazione di alcol nel sangue o nel respiro sono ben compresi, ci sono poche prove a disposizione per le concentrazioni di collegamento di altri farmaci nelle prestazioni del guidatore, in particolare per la Cannabis.”

Il fatto che i conducenti comunemente identificate come “sotto effetto” potrebbero in realtà essere sobri potrebbe contribuire a spiegare perché è così difficile misurare l’impatto della Cannabis sugli incidenti stradali. Se molti o la maggior parte dei piloti che risultano positivi al test per il THC non sono in realtà “sotto effetto”, possono sicuramente non avere alcuna difficoltà alla guida, come emerso dallo studio.

NHTSA chiude il comunicato avvertendo comunque che:

“Mentre i risultati di questo studio caso-controllo sono stati equivoci per quanto riguarda il rischio di incidente associato con l’uso di droghe da parte dei conducenti, questi risultati non indicano che l’uso di droghe da parte dei conducenti è senza rischi.”

In altre parole, il fatto che i conducenti THC-positivi non siano più inclini agli incidenti, come gruppo, rispetto ai conducenti THC-negativi (dopo l’aggiustamento per i fattori confondenti) non significa che sia comunque sicuro mettersi al volante quando si è “sotto effetto” di cannabis.

 

Fonte: WashingtonPost

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 704 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

3 Responses so far.

  1. stefano saoncella ha detto:
    un articolo equilibrato…che promuove l’uso intelligente e la conoscenza della sostanza
     
  2. Vincenzo La Piccirella ha detto:
    Articoli che non vedranno mai la luce del solo qui in Italia.
    🙁
     
  3. Giovanni Wierdis ha detto:
    Faccio uso di cannabis da 40 anni e non ho mai ne fatto ne procurato un incidente in vita mita. Anzi posso aggiungere ,per eperienza personale, che quando fumo e mi siedo alla guida della mia auto,aumenta l’attenzione alla guida.
     

LEAVE A COMMENT

Visit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On Google Plus