Studio: THC utile per prevenire la perdita della vista

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

I risultati scientifici riportano che i composti chimici trovati nella cannabis possono prevenire la perdita della vista. 

La pigmentazione retinica è una malattia genetica dell’occhio, con conseguente grave perdita di visione e cecità. La malattia colpisce 1 su 4.000 persone e peggiora le cellule della retina, chiamate fotorecettori.

In uno studio pubblicato sul Journal of Experimental Research si mostra come gli ingredienti chimici trovati nella cannabis noti come cannabinoidi hanno la capacità di rallentare questo processo pigmentoso.

Utilizzando la forma sintetica del tetraidrocannabinolo (THC), il principio attivo responsabile per l’effetto psicoattivo della pianta, gli scienziati presso l’  Università di Alicante , in Spagna sono stati in grado di prevenire la perdita della vista nei ratti affetti da questa malattia.

“Questi dati suggeriscono che i cannabinoidi sono potenzialmente utili nel ritardare la degenerazione della retina nei pazienti con retinite pigmentosa”, ha affermato il dottoressa Dr. Nicholas Quensa.

Alla fine del giorno 90, i ratti che ricevevano il trattamento THC hanno eseguito meglio le prove visive e hanno avuto più di 40% di fotorecettori rispetto ai ratti che non avevano la fortuna di ricevere il trattamento. Inoltre, sembra che il THC abbia protetto molte altre parti della struttura della maglia, compresi gli strati interni della retina.

Anche se questi risultati sono molto incoraggianti, non sono una sorpresa. Come noto il gruppo di cannabinoidi ha fornito un trattamento promettente in numerose malattie degenerative che vanno dalla malattia di Parkinson a diabete o malattie cardiovascolari.

In realtà esistono già molte esposizioni che dimostrano l’esistenza di percorsi cannabinoidi negli occhi. Già negli anni ’70, gli scienziati hanno osservato effetti abbastanza interessanti e positivi sul trattamento delle malattie oftalmiche con la cannabis.

Uno studio pubblicato nel 1978 ha scoperto che la cannabis aveva causato una regolazione ritardata dell’allievo, e gli scienziati hanno detto che “i cannabinoidi influiscono direttamente sulla ripresa della retina”.

L’ultimo studio ha esaminato i meccanismi dietro i benefici dei cannabinoidi nella pigmentazione della retina; gli scienziati sperano di continuare la ricerca.

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 162 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Vai alla barra degli strumenti