Progetto FreeWeed - Legalizzazione Cannabis

Nuovo Studio: Uso di Cannabis collegato ad un minore BMI

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

I pericoli dell’ obesità e della resistenza all’insulina

insulinaL’insulina  è un ormone prodotto nel pancreas e distribuito in tutto il corpo, che lavora per aiutare il glucosio (cioè lo zucchero) ad entrare nelle cellule, in modo che possa essere utilizzato come energia per alimentare il corpo. Quando la resistenza all’insulina (“prediabete”) si sviluppa, le cellule non rispondono più all’insulina, e quindi viene richiesto meno glucosio dal flusso sanguigno. Di conseguenza, i livelli di glucosio iniziano a salire nel sangue, ed il glucosio si aggiunge ad una componente di globuli rossi (RBC), chiamata emoglobina (la parte di RBC che contiene ossigeno). Questo porta ad un irrigidimento / aumento dell’adesività dei globuli rossi che può portare ad un accumulo di placche sulle pareti dei vasi sanguigni.  Se queste placche crescono abbastanza grandi, possono bloccare l’afflusso di sangue delle arterie (che trasportano ossigeno e nutrienti dove sono necessari), causando la morte dei tessuti.

Nuovo studio: Cannabis uso inducano a Lower BMI

Se la glicemia alta persiste per lungo tempo e si sviluppa il diabete, le complicazioni possono comprendere infarto, ictus, cecità, insufficienza renale, malattie delle gengive, e danni ai nervi. Gli individui in sovrappeso / obesi ( BMI> 25 ) hanno una più grande quantità media di corpo grasso, che può portare a problemi di salute come malattie cardiache, cancro, ipertensione, diabete, e molte altre.  Coloro che sono in sovrappeso / obesi hanno maggiori probabilità di sviluppare il prediabete.

A differenza del diabete, il prediabete è reversibile. Se soffrite di prediabete e volete evitare gravi conseguenze per la salute in futuro, è possibile ridurre il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2 del ~ 60% semplicemente modificando le abitudini (ad esempio, aumentare l’attività fisica, migliorare la vostra dieta).

Risultati dello studio

Uno  studio  recentemente pubblicato nel dicembre 2014 presenta prove che l’uso di cannabis può portare a tassi più bassi di obesità .

I ricercatori hanno utilizzato i dati raccolti nel 2004 da 786 Inuit adulti, utilizzando l’Health Survey Nunavik Inuit, ed hanno scoperto che l’uso era molto comune, con il 57,4% degli adulti che erano consumatori di cannabis. Hanno anche scoperto che l’uso di cannabis è stato associato con:

  • un indice di massa corporea più basso ( BMI ) – vale a dire gli utenti pesano meno rispetto ai non-utenti per la loro data altezza
  • una minore percentuale di massa grassa
  • una minore quantità di insulina nel sangue, quando non mangiano, suggerendo una minore  probabilità di avere il prediabete in via di sviluppo
  • una minore HOMA di resistenza all’insulina ( HOMA-IR ), una misura della resistenza all’insulina, suggerendo anche una minore possibilità di avere il prediabete in via di sviluppo

Tuttavia, dopo i ricercatori hanno controllato che a parte l’effetto del BMI, non vi erano differenze di insulina a digiuno o in HOMA-IR tra i consumatori di cannabis e non utenti. Questo particolare significa che la ragione per cui i consumatori di cannabis hanno mostrato minore misura di insulina a digiuno ed inferiore HOMA-IR non è stato un risultato diretto del consumo di cannabis, ma piuttosto il risultato di un indice di massa corporea più basso potenzialmente influenzato dall’uso di cannabis.

bmiPertanto, lo studio sostiene l’idea che l’uso di cannabis conduca direttamente ad un BMI più basso, che a sua volta poi porta ad una diminuzione della possibilità di avere o sviluppare il prediabete. Tuttavia, lo studio non supporta l’idea che la cannabis utilizzata porti direttamente ad una migliore regolazione dello zucchero nel sangue (vale a dire i cannabinoidi non possono interferire direttamente o modulare il glucosio, l’insulina, o percorsi relativi).

Conclusione

Questo studio si aggiunge ad un crescente corpo di evidenze che suggeriscono che il consumo di cannabis aiuta a mantenere basso il BMI. Questo è importante dati i tassi di obesità negli Stati Uniti e in tutto il mondo, che possono portare a gravi effetti negativi sulla salute. Tuttavia, questo particolare studio non supporta l’idea che la cannabis aiuti a regolare direttamente i livelli di zucchero nel sangue.

Dato che la riduzione del BMI porta ad una migliore regolazione dello zucchero nel sangue indirettamente, i risultati sono ancora significativi per le considerazioni sulla gestione del prediabete.

Aumentare la ricerca sulle terapie cannabinoidi può portare all’incorporazione degli stessi nella gestione sicura dell’obesità, in combinazione con una dieta sana ed esercizio fisico.

 

Fonte: MedicalJane

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 326 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Vai alla barra degli strumenti