Progetto FreeWeed - Legalizzazione Cannabis

Studio: Uso di Cannabis in età adolescenziale non correlato direttamente a problemi di salute

Uso di cannabis tra i teenagers non collegato a Depressione, Cancro ai polmoni, ed altri problemi di salute, come esposto in un nuovo studio.

WASHINGTON – l’uso di cannabis cronico tra gli adolescenti non sembra essere legato a problemi di salute fisica o mentale successiva come la depressione, sintomi psicotici o asma, secondo uno studio pubblicato dalla American Psychological Association.

I ricercatori della University of Pittsburgh Medical Center e Rutgers University hanno seguito 408 maschi dall’adolescenza nei loro metà degli anni ’30 per lo studio, che è stato pubblicato in Psicologia della Addictive Behaviors ® .

“Quello che abbiamo trovato era un po’ sorprendente”, ha detto il ricercatore Jordan Bechtold, PhD, ricercatore di psicologia presso la University of Pittsburgh Medical Center. “Non ci sono state differenze in nessuno dei risultati mentali o fisici di salute che abbiamo misurato, indipendentemente dalla quantità o dalla frequenza di cannabis utilizzata durante l’adolescenza.”

L’uso di cannabis è stato sottoposto a controllo intenso non appena diversi Stati ed il District of Columbia hanno legalizzato la sostanza, spingendo i ricercatori a verificare se l’uso di cannabis in adolescenza ha conseguenze per la salute a lungo termine.

Sulla base di alcuni studi precedenti, si aspettavano di trovare un legame tra l’uso di cannabis tra gli adolescenti ed il successivo sviluppo di sintomi psicotici (deliri, allucinazioni, ecc), il cancro, l’asma o problemi respiratori, ma non ne trovarono.

Lo studio non ha neanche trovato legame tra l’uso di cannabis negli adolescenti e la depressione nella vita, ansia, allergie, mal di testa o pressione alta. Questo studio è uno dei pochi studi sugli effetti sulla salute a lungo termine del consumo di cannabis nell’adolescenza che hanno monitorato centinaia di partecipanti da più di due decenni di vita, come esposto da Bechtold.

La ricerca è stata un ramo dello studio Pittsburgh sulla gioventù, che ha iniziato a monitorare gli studenti di 14 anni, di sesso maschile della scuola pubblica di Pittsburgh alla fine del 1980 per analizzare i vari problemi sanitari e sociali. Per 12 anni, i partecipanti sono stati intervistati ogni anno o semestralmente, e uno studio di follow-up è stato condotto con 408 partecipanti nel 2009-10 quando avevano 36 anni. Non ci sono state differenze nei risultati in base all’etnia.

I partecipanti sono stati divisi in quattro gruppi in base al loro uso di cannabis riportato: basso o non utente (46 per cento); primi utenti cronici (22 per cento); partecipanti che fumavano cannabis solo durante l’adolescenza (11 per cento); e quelli che ha iniziato ad usare cannabis più tardi nella loro adolescenza ed hanno continuato (21 per cento). I primi Consumatori cronici hanno riportato l’uso di cannabis molto più alto, che rapidamente è aumentato durante l’adolescenza a un picco di più di 200 giorni l’anno, in media, quando avevano 22 anni. Il loro uso di cannabis è poi sceso un po’ con l’avanzare dell’età.

I ricercatori hanno controllato altri fattori che potrebbero aver influenzato i risultati, tra cui il fumo di sigaretta, altro uso illecito di stupefacenti, e l’accesso dei partecipanti alle assicurazioni sanitarie. Dal momento che lo studio ha incluso solo i maschi, non ci sono stati risultati o le conclusioni sulle donne. Relativamente pochi partecipanti hanno avuto sintomi psicotici, secondo lo studio.

“Abbiamo voluto contribuire ad informare il dibattito sulla legalizzazione della cannabis, ma è una questione molto complessa ed uno studio non dovrebbe essere presa in isolamento”, ha detto Bechtold.

Articolo: “cronica Adolescent Marijuana Usa come fattore di rischio per la fisica e la salute mentale problemi a giovani uomini di età;” Jordan Bechtold, PhD, e Dustin Pardini, PhD University of Pittsburgh Medical Center; Theresa Simpson, MA, e Helene R. White, PhD; Rutgers University; Psicologia della Addictive comportamenti; pubblicato online il 3 ago 2015.

Giordania Bechtold può essere contattato per e-mail o per telefono al numero (949) 291-7520.

L’American Psychological Association, a Washington, DC, è la più grande organizzazione che rappresenta la psicologia scientifica e professionale negli Stati Uniti. APA adesione include più di 122.500 ricercatori, educatori, medici, consulenti e studenti. Attraverso le sue divisioni in 54 sottocampi di psicologia e affiliazioni con 60 statali, territoriali e le associazioni provinciali canadesi, APA opere di anticipo la creazione, la comunicazione e l’applicazione delle conoscenze psicologiche a beneficio della società e migliorare la vita delle perso

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 135 times, 1 visits today)

Commenti

LEAVE A COMMENT