Sue Sisley, unica ricercatrice autorizzata dalla DEA: “la cannabis non è pericolosa ed è stata demonizzata solo per interessi economici”

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

L’unica ricercatrice che ha un permesso speciale dalla DEA americana per studiare la cannabis è la scienziata Sue Sisley.

In un’intervista al quotidiano colombiano Semana, ha parlato dei benefici della pianta per il sonno e di un tampone contro gli effetti dello stress post-traumatico.

Sue Sisley è un medico e uno specialista con più di otto anni di esperienza con cannabis ad uso medico e veterani di guerra americani.

Inoltre, è l’unica autorizzata dalla DEA ad acquistare cannabis dal governo federale, con l’approvazione della FDA, per sviluppare farmaci che possano accedere al mercato statunitense. Dice che il potenziale della cannabis va dall’aiutare a dormire all’alleviare il dolore cronico.

“Il più grande vantaggio iniziale è il suo impatto sul sonno. La cannabis sembra aiutare questi veterani a dormire tutta la notte sopprimendo tutti gli incubi e i ricordi che di solito li perseguitano. Molti di coloro che ci provano riferiscono che è la prima volta che dormono bene da anni “, dice alla Semana.

Grazie alla capacità di dormire in buone condizioni e di avere un sonno ristoratore queste persone si svegliano riposate, senza sentimenti di ansia e ovviamente affrontando la giornata in modo molto diverso. Sentendosi meglio, sostituiscono i loro farmaci con la cannabis con il vantaggio di allontanare sempre più la dipendenza da farmaci. Anche il dolore è un altro sintomo che grazie alla cannabis possono gestire meglio questi veterani. Molti di loro abbandonano i prodotti farmaceutici per la cannabis, questo fatto ha impressionato la dott.ssa Sisley.

Sue Sisley dice anche che la cosa più gratificante a cui ha assistito è vedere che i veterani della guerra tornano a riprendere il controllo della propria vita grazie alla cannabis e senza dover fare affidamento su quei prodotti farmaceutici.

Approfondimento:  Canada: Le Assicurazioni dei dipendenti devono coprire le spese della Cannabis a livello medico

La cannabis, anche se con effetti molto benefici, ha anche effetti collaterali secondo dose, concentrazione, potenza o varietà. Quando qualcuno si rende conto di aver preso troppo, è troppo tardi, anche se gli effetti negativi sono minimi. Secondo Sue Sisley, il consumo del suo fiore naturale, affumicato o vaporizzato, sarebbe la forma di consumo più sicura e avrebbe gli effetti meno negativi.

Il governo federale degli Stati Uniti ha confermato che la cannabis è una medicina molto efficace per il trattamento di dolore cronico, nausea, vomito e sclerosi multipla.

Il tabù verso la cannabis è un freno alla sua indagine

Secondo la ricercatrice, lo stigma contro la cannabis creato durante decenni è il suo più grande freno all’integrazione.

I potenti gruppi, la polizia, le prigioni private e le grandi industrie farmaceutiche hanno investito miliardi per decenni in modo che la cannabis sia vista come qualcosa di negativo.

“Hanno persuaso il pubblico, e persino il nostro governo, che la cannabis sia pericolosa e porti dipendenza, e ci sono riusciti!” Afferma Sue Sisley

Questa lunga campagna contro la pianta ha fatto sì che la popolazione venisse ingannata; avrebbe potuto essere indagata per anni e ora comprendere meglio il suo potenziale medicinale. Questo tabù sta crollando, ma non è terminato.

“Le grandi aziende farmaceutiche, con le loro pillole ad alto prezzo devono competere con la pianta naturale, sanno che la loro unica speranza è quella di mantenerla illegale ed è per questo che hanno perpetuato una campagna di pubbliche relazioni. Sia pubbliche che subliminali per rafforzare costantemente l’idea che questa pianta sia dannosa ” continua Sisley.

Approfondimento:  "Cannabis e medici cattolici, il trasformismo dell’antica Inquisizione": l'analisi del Dr. Fagherazzi

Sebbene la ricercatrice non si consideri pro-cannabis, riconosce l’esistenza di una scienza legittima nel suo uso medicinale, dal momento che ci sono migliaia di studi controllati che sono stati pubblicati e che confermano i vari benefici medici della pianta.

Bisogna ascoltare la scienza e non “l’isteria e le voci”; la prova scientifica dovrebbe essere l’unica conferma delle informazioni.

Sue Sisley ha chiesto l’autorizzazione per quello che lei chiama ” scienza del ceppo “.

Vuole sapere quale ceppo e per quale malattia sia meglio, dal momento che non è ancora noto scientificamente.

Fino ad ora funziona solo  l’intuito dalle esperienze dei pazienti. Sono necessari test di qualità controllati in questa direzione con le diverse varietà o ceppi e quindi offrire ai pazienti le migliori opzioni.

Stefano Auditore Armanasco

Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio (MI), il 12/02/1986.

Mail: direzione@freeweed.it

(Visited 1.397 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutube

Commenti

LEAVE A COMMENT