Il Thc può proteggere in caso di lesioni cerebrali traumatiche

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Img 2

Il THC può aiutare a proteggere dalle lesioni cerebrali traumatiche, arrivando a ridurre il tasso di mortalità tra coloro che subiscono questo tipo di incidenti. A sostenerlo è un gruppo di ricercatori del Los Angeles Biomedical Research Institute (LA BioMed) che hanno mostrato come i pazienti positivi ai livelli di THC abbiano avuto una probabilità di sopravvivenza di gran lunga superiorerispetto a quelli che non presentavano alcuna quantità di tale sostanza nel loro corpo.

Per arrivare a queste conclusioni i ricercatori hanno esaminato 446 volontari che hanno subito lesioni traumatiche a livello cerebrale, 82 dei quali avevano un buon livello di THC nelle urine. Tutti i pazienti hanno subito lesioni di entità simile, ma una notevole differenza è stata evidenziata nel tasso di mortalità. Tra le persone positive al THC il tasso di mortalità è stato del 2,4%; negli altri pazienti era decisamente più alto: l’11,5%, ovvero circa cinque volte tanto.

«Secondo studi precedenti alcuni composti della marijuana aiutano a proteggere il cervello negli animali in seguito a un trauma», ha spiegato David Plurad, dottore e ricercatore presso LA BioMed e autore principale dello studio pubblicato ad ottobre su The American Surgeon: «Questo studio è stato uno dei primi in ambiente clinico in grado di associare specificamente l’uso di THC come un predittore indipendente di sopravvivenza dopo una lesione cerebrale traumatica ed evidenzia il fatto che la presenza di THC nel corpo durante una lesione cerebrale da trauma aumenti le possibilità di sopravvivenza». 
Naturalmente ciò non significa che la ricerca consigli di assumere cannabis prima di mettersi al volante: «Una persona può essere positiva al THC fino ad un mese dopo averlo assunto», ha puntualizzato il dottore specificando che «non è necessario aver fumato nei momenti precedenti ad un incidente. Basta che il THC sia stato assunto nell’ultimo mese circa».

Ora saranno necessarie ulteriori ricerche per capire meglio come questa scoperta possa aiutare nel concreto partendo dal fatto che il meccanismo d’azione del THC in questo processo non è ancora del tutto chiaro.

a cura di www.cannabisterapeutica.info

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 164 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Vai alla barra degli strumenti