THC utile per il trattamento della spasticità e dolore associati alla Sclerosi Multipla

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

La somministrazione orale di Δ9-tetraidrocannabinolo (THC) può trattare sia la spasticità che il dolore associati alla sclerosi multipla.

Sclerosi multiplaQuesto emerge secondo uno studio in corso di pubblicazione sulla rivista Clinical Therapeutics , e pubblicato prima della stampa da parte del National Institute of Health .

Secondo la Mayo Clinic  la sclerosi multipla (SM) è una “malattia in cui il sistema immunitario corrode il rivestimento protettivo dei nervi”. La malattia colpisce circa 200.000 persone ogni anno e non ha cura. La sclerosi multipla provoca diversi sintomi, tra cui la perdita della vista, dolore, stanchezza, e compromissione della coordinazione.

Lo scopo del presente studio è stato quello di “valutare l’efficacia di una formulazione orale di Δ9-tetraidrocannabinolo (ECP002A) nei pazienti con sclerosi multipla progressiva (SM).”

I ricercatori hanno utilizzato uno studio accelerato proof-of-concept che consisteva di 2 fasi: una sfida di crossover (dose-finding) e una fase di 4 settimane, in parallelo, di trattamento con placebo-controllato randomizzato.”

24 pazienti con sclerosi multipla progressiva e spasticità moderata sono stati arruolati.

Durante la fase di trattamento, “biomarcatori per efficacia e gli effetti secondari farmacodinamici sono stati misurati al basale e dopo 2 e 4 settimane di trattamento. I campioni di siero sono stati raccolti per determinare le proprietà farmacocinetiche ed eseguire la modellazione della popolazione. I profili di sicurezza e tollerabilità sono stati valutati sulla base di eventi avversi e le misure di sicurezza. ”

Dopo aver condotto gli esperimenti, si è constatato che “Il dolore è stato significativamente ridotto quando misurato direttamente dopo somministrazione di ECP002A nella clinica, ma non quando misurato in un diario giornaliero. Un modello simile è stato osservato in spasticità muscolare soggettiva. ”

I test cognitivi hanno indicato che non vi era “alcun declino nella cognizione dopo 2 o 4 settimane di trattamento attribuibili a ECP002A rispetto al placebo.”

I ricercatori concludono affermando che la “formulazione orale di Δ9-tetraidrocannabinolo può giocare un ruolo nel trattamento della spasticità e dolore associato con MS perché è stato ben tollerato e aveva un profilo farmacocinetico stabile.”

Clicca qui per l’intero studio, che è stato condotto dai ricercatori della VU University Medical Center, nei Paesi Bassi.

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 143 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Vai alla barra degli strumenti